Brotherhood of Baba 028 – NJPW in USA

Bentornati a tutti.

Vi ringrazio di nuovo per tornati nuovamente sulle pagine della mia rubrica.

Oggi voglio soffermarmi sulla voglia di “conquista”/“riscatto” della NJPW.

Quindi, cosa sta succedendo?

Negli Stati Uniti, la WWE sta mettendo sotto contratto diversi talenti da tutto il mondo, lanciandoli come e quando si deve, se questi lottatori sono alle prime armi; o semplicemente dandogli spot in match o segmenti quando i lottatori in questione sono già famosi oppure abbiano già un loro seguito cospicuo di fan.

Il maggior numero di questa entrata di lottatori stranieri proviene dal Canada, e qui non mi soffermo, o dal Giappone, principale argomento di questa rubrica.

Negare il fatto che in questo periodo la WWE abbia messo sotto contratto o tentato di mettere sotto contratto campioni e grandi nomi della NJPW è impossibile: sotto gli occhi di tutti abbiamo i due esempi principali, quello di Asuka e quello di Shinsuke Nakamura. Inoltre, tra non molto, anche Io Shirai e Kairi Hojo arriveranno negli show americani targati WWE. Infine, non dimentichiamoci dell’acquisizione dei diritti e del nome e marchio “Bullet Club”, e l’aver messo sotto contratto stelle internazionali come AJ Style e Fin Balor (ex-campioni nella NJPW).

Il mio parare su queste acquisizione l’ho già dato in passato, e lo riassumo in poche righe: la WWE ha perso fan nel territorio statunitense e tenta di riprenderne una fetta utilizzando i talenti diventati famosi grazie alla globalizzazione, e dall’altra parte vuole avere nuovi fan sul territorio giapponese.

In tutto questo, come ha risposto alla NJPW?

Tra poco la NJPW avrà un nuovo tour negli USA, dove terrà un torneo per il titolo NJPW USA (o un nome simile, intanto non varrà un piffero comunque).

La NJPW per attirare più fan propone il seguente main event: Okada contro Cody Rhodes per il titolo maggiore della federazione.

Dall’altra parte la WWE tornerà in Giappone tra poco. Shinsuke Nakamura non parteciperà al tour. La WWE ha già fatto il tutto esaurito, la NJPW no.

Ora, tralasciando la grandezza della WWE e il suo ovvio fattore mediatico mondiale per quanto riguarda il wrestling, qual è la grande differenza?

La WWE andrà in Giappone proponendo il SUO prodotto. La NJPW andrà negli USA proponendo un prodotto ibrido, di cui ancora non ho capito bene dove si voglia andare a parare.

Partiamo dal fatto che non odio la WWE e non odio la NJPW. La WWE mi dà fastidio nel momento in cui offre un tipo di prodotto da intrattenimento (la E), e la NJPW mi fa venire i nervi quando tenta di proporre un prodotto che non è il suo.

Cosa mi preoccupa di questo tour? La voglia della NJPW di far concorrenza con la WWE giocando le carte della WWE.

La NJPW può fare da concorrente alla WWE? Si, ma solo proponendo un prodotto tipico made in Japan.

Questo prodotto dovrebbe portare tutte le differenze tra il wrestling americano e quello giapponese e mostrarlo ovunque.

Organizzare un tour negli Stati Uniti, e per paura di far brutta figura proporre un prodotto mediocre, ma con “gente del luogo”, perché vuol dire dare già partita vinta alla WWE. Spero almeno che la NJPW non faccia la fine della TNA.

Nella NJPW sono sempre stati presenti atleti stranieri, alcuni di loro hanno ottenuto anche ottimi risultati. Da quando la WWE ha messo mano tra i talenti della NJPW e li ha portati via (alcuni frustrati a causa del booking interno sono stati felici di lasciare la federazione, altri hanno visto nuove sfide o opportunità di guadagno e hanno cavalcato l’onda), la federazione giapponese sembra vivere un periodo con un complesso di inferiorità rispetto alla major americana.

La NJPW deve proporre un suo prodotto, unico come lo era negli anni novanta. E deve incominciare direttamente in terra natia, proponendo match interessanti, creando nuove star giapponesi o straniere, e continuando con la tradizione.

Tentare di prendere il primato mondiale copiando la prima, che ha anni di esperienza alle spalle nel proporre un determinato prodotto per un determinato pubblico… beh, la vittoria la vedo dura, e probabilmente accontenterà solo chi odia la WWE dal profondo del cuore.

La NJPW ha dovuto affrontare prima la AJPW e poi la NOAH nei loro periodi d’oro. Erano dirette concorrenti, che hanno proposto per anni un prodotto di un certo livello. La NJPW è andata avanti proponendo il suo prodotto (ok, e anche un po’ di fortuna, ma quella serve ovunque). Perché ora deve copiare il più possibile quello di un’avversaria?

Inoltre, perché puntare a battere la WWE? Non si inizia una guerra se non si è sicuri di vincere.

Tutto questo causerà diversi problemi alla NJPW nel prossimo futuro… vedremo l’evolversi della situazione.