Cm Punk sul suo ritorno nel mondo del wrestling: “Non so la risposta”

Cm Punk é stato recentemente intervistato da Sports Illustrated, per promuovere l’evento UFC di cui sará uno dei protagonisti. Tra i vari argomenti trattati vi é stato anche il pro wrestling:

 

Sul suo ritorno al pro wrestling:

Tempo fa ho smesso di utilizzare la parola mai. Peró questa é una domanda abbastanza pesante. Non so la risposta. Non é importante ció che io dica, sará la vita stessa a rispondere. Quando iniziai a lavorare nel mondo del wrestling, non avrei mai voluto andare in WWE. Mi interessava molto la vita in Giappone. Sognai con tipi come Eddie Guerrero, Benoit o Jericho che lavorarono li e sempre mi sembró come una vita incredibile. Potevi andar li per tre o quattro settimane, tornare a casa e poca gente sapeva chi c***o eri. Sarei potuto andare a comprare un gelato con mia sorella senza che nessuno ci avvicinasse. Questo é sempre stato il mio stile di vita.

 

Su NXT ed il talento creato dalla WWE:

Io sono la persona che ha trasformato in campioni tutti quelli che loro creavano. Che lo vogliano ammettere o no, aiutai gli A player ad essere messi sotto contratto ed i B ad entrare nel roster principale. Ed era dovuto semplicemente al fatto che io semplicemente sapevo che quelle persone erano brave, quindi non fu solo perché io dissi qualcosa relativamente a qualcuno. É una cosa loro, peró io sono stato uno dei primi, se non il primo, a metterli in difficoltá e dirgli “a fanculo, queste sono le persone brave veramente”. Quando io ero ero nella posizione di questi ragazzi (lottatori indipendenti che arrivano ad NXT), nessuno ha fatto qualcosa per me. Sentivo la necessitá di essere diverso dalle superstar quando mi fecero salire nel roster principale.

 

 

 

Enrico Maria Gorreri

EMG...semplicemente EMG

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com