Director Piledriver #7: When The Levee Breaks

“It’s got what it takes to make a mountain man leave his home”

Si, dopo oramai 4 mesi, son tornato. E son tornato perché mi son rotto.

Ho ribadito più e più volte quanto mi possa far schifo il wrestling web.
Oramai siamo arrivati a persone, scriccioli, microbi che insultano e parlano di wrestling come se fossero i Professori Zapotec della disciplina.

Ma seriamente io devo aprire Facebook e trovo il solito bimbo con la foto del cattivo di turno (perché sapete, fa figo) che critica un dato wrestler o una data cosa, solo perché deve fare l’alternativo?

Caso più comune: Enzo Amore & Big Cass.
Cavoli, io li seguo da NXT nel 2013 e mi ricordo che son sempre state due ciofeche sul ring.
Ma ora, visto che la gente li ama, almeno il pubblico più mainstream della WWE (Perché vi ricordo che la parola “Mark” fa cagare il cazzo, e la usate a sproposito), li si critica.
“Eh, ma cosa vogliono fare? Non sanno combattere!” e gli stessi solo un anno prima “Ohhhh, YOU CAN’T TEACH THAT! Guarda NXT, meglio wrestling evah”.

Ah! NXT, come ho fatto a dimenticarmi?
NXT, il mio amato NXT. Visto che, i signorotti dalle dita veloci, hanno notato il boom che ha fatto il programma…indovina cosa fanno ora?
CRITICA! CRITICA! CRITICA! “Oh, ma NXT ruba i talenti alle Indyyyy…Ma Tommaso Ciampa è italiano, vero? XD”
E non sto prendendo per il culo, ho letto una cosa del genere.

Come al solito, noi italiani siamo un popolo di criticoni, che vogliono dire la loro, quando beatamente possono stare zitti.

E, il problema del wrestling in Italia, non è il prodotto per bambini (Ricordatemi come il promo di Lesnar vs Orton sia per bambini, ndr), non sono nemmeno quelle mezze seghe di Posa e Franchini ma sono la feccia che gira nel mondo del wrestling web.

Per esempio, da poco ho visto un post di un ragazzo che ha scritto che tifa Roman Reigns. Il mio primo pensiero è stato “Sarà contento che ha vinto contro Rusev, meglio così per lui”.
Per curiosità leggo i commenti e veramente, io mi son sentito male.
Sembrava di essere a scuola con i bulletti che ti rompono il cazzo solo perché sei ciccioncello e bassottello, solo che i bulletti almeno i coglioni li avevano ancora attaccati al corpo.
Insulti, richieste di esorcismo, preghiere, auguri di morte.
Perché? Beh, lui tifa Reigns. La gente deve odiare Reigns perché non sa combattere. ODIARE. ODIARE.

Allora, per concludere questa parte del mio editoriale sul bellissimo comportamento dei fan del wrestling web, almeno quelli che il cervello lo hanno buttato sulle rotaie del treno, voglio ricordare una cosa:
World
Wrestling
Entertainment

A chi non capisce perché, in WWE almeno, conta più lo spettacolo che il lottato, farei vedere lo spelling qua sopra e ricorderei il minutaggio dei match nelle puntate settimanali.

Ma, mi son lasciato il meglio alla fine: I “io guardo altro oltre alla WWE, cosa me ne frega di quella federazione non di wrestling?”
Il, cosìdetto, Indyfag, è quello che non guarda la WWE (lo fa tanto) e, per dimostrare ancora meglio che non lo fa, chiama i vari Owens, Zayn, Rollins, Ambrose con Steen, Generico, Black e Moxley.
Sai, perché fa schifo usare il loro ring name attuale, perché loro sono speciali.
Poi, in WWE succede il match della madonna (Zayn vs Nakamura, coff coff), ma l’Indyfag dirà sempre “MOTY? Ma Nakamura ha fatto metà di quello che ha dimostrato in Giappone.”

E il Giappone? Terra di grandissimi match?
Si, verissimo, ci son stati capolavori in Giappone, ma non prendiamo tutto come ottimo, che in AJPW combatte ancora Akebono, cristo santo.

Concludo dicendo una cosa: Prima di scrivere, pensateci tremila volte. Perché il cervello, è bello usarlo.

E come direbbe il buon Milton: Andatevene affanculo.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com