GPWA: £5 Wrestling Show, 26 febbraio 2017

Il Glasgow Pro Wrestling Asylum è la Academy legata alla Insane Championship Wrestling di Glasgow; organizza con regolarità, ogni 6/7 settimane circa, show intitolati A Night at the Asylum, praticamente degli Academy Showcase. Ogni tanto, organizzano anche show per “gli altri” lottatori del GPWA, quelli che non sono ancora pronti per A night at the Asylum. Praticamente un B-show di un’Academy Showcase. Fino a poco tempo fa si chiamava Proving Grounds, ma ora è stato rinominato £5 Wrestling Show. Così si capisce che costa poco.

Insomma, non possiamo aspettarci campionissimi sul ring, nonostante un ospite di rilievo, ma siamo qui per scoprire nomi nuovi, gente che magari tra qualche mese o qualche anno vedremo sui manifesti.

Il Maestro di Cerimonie, Sam Barbour – anzi, The Sam Barbour Experience – sembra un po’ poco a suo agio: si sforza troppo di replicare gli atteggiamenti e il tono di voce di Simon Cassidy, l’annunciatore regolare della ICW e di quasi tutto il wrestling scozzese. Si riprenderà con il proseguire dello show. Intanto, giunge il momento del primo match.

KHIFIE WEST vs STEVIE JAMES

Khifie l’abbiamo già visto mesi fa a A Night at the Asylum, ma era un po’ che non si faceva più vedere; è tornato ancora più muscoloso di prima, ancora con la faccia da bambino perso, ma con un atteggiamento diverso, arrogante, insopportabile. L’energico Stevie James invece è già comparso più volte nel main roster della ICW, sempre in coppia con Krobar nei Purge. Ma da solo l’abbiamo visto una volta sola.

Il match inizia con un netto dominio di West (molto migliore da “cattivo” che da bravo ragazzino sorridente), che usa la forza fisica per prendere il sopravvento sul più atletico James. Questi però è un uomo duro, aggressivo, e resiste agli attacchi dell’avversario fino a riuscire ad assumere la guida dell’incontro, alternando mosse di agilità e mosse di potenza. Con un bel DDT, è Stevie a vincere questo opener piacevole.

Stevie James sconfigge Khifie West per schienamento

THATCHER WRIGHT vs MAYHEM X

Thatcher Wright entra con un discorso di Margaret Thatcher, l’ex primo ministro, una delle persone più odiate nella storia del Regno Unito. O quantomeno della Scozia. Lo raggiunge Mayhem X, un lottatore mascherato.

Il pallidissimo Wright basa i suoi attacchi sulla potenza, aiutandosi comunque sempre con trucchi poco legittimi. Mayhem X è un atleta agilissimo nonostante non sia per nulla un piccoletto (è magro ma per niente basso). Insomma, un luchador alto.

Mayhem è spettacolare, ma le sue evoluzioni aeree sembrano un po’ disgiunte; Wright è un personaggio interessante ma come wrestler ha ancora molta strada da fare. Il match però finisce per essere più che guardabile. Si conclude quando Mayhem tenta una sottomissione (leggermente approssimativa) solo per essere girato da Wright che lo schiena tenendolo per i pantaloni.

Thatcher Wright sconfigge Mayhem X per schienamento

DANNY CANTRELL & DEVIN FAWKES vs GREAT WHITE & MAD WALTER

Cantrell e Fawkes sono vestiti di scuro, con magliette di band metal più o meno oscure e gli occhi circondati da cerchi scuri. Una tristezza. Great White e Mad Walter… be’, entrano con il piccolo Walter sulla schiena del gigante White, con cappellini da festa in testa. E ne hanno da distribuire in giro. Saliti sul ring, ci svelano che oggi Cantrell fa ventun anni. Cantiamo “Tanti auguri”, i due emo con la faccia triste accettano i cappellini… e poi attaccano gli avversari.

Il match è lungo e corposo, con White e Walter che combinano molto bene con un misto di potenza (White) e agilità (Walter). Fawkes sembra molto sicuro di sé e non sbaglia nulla, mentre Cantrell ha assoluto bisogno del partner per collegare i suoi spot.

Dopo una serie di cambi di fronte, White riesce a far subire a Cantrell un Michinou Driver aiutato dal Cutter di Walter. White poi schiena il festeggiato per la vittoria.

Great White & Mad Walter sconfiggono Danny Cantrell & Devin Fawkes per schienamento (White su Cantrell)

KEZ EVANS vs LEYTON BUZZARD

Il tecnico, tonico Evans ha voltato le spalle al pubblico nell’ultimo A Night at the Asylum, quando proprio il minuscolo Buzzard l’ha sconfitto a sorpresa. Arriva sul ring con una sedia, ma l’arbitro Sean McLaughlin riesce a togliergliela di mano prima che possa usarla.

Evans conduce il match, consentendo a Buzzard di mettersi in mostra con qualche volo spettacolare che però ha ben poco successo contro l’avversario. Quando poi Leyton vola dalle corde per essere intercettato da Kez con un frontino noncurante, è chiaro che quest’ultimo non può perdere.

Vediamo il sangue scorrere copioso dal naso di Buzzard, che fa di tutto per nascondere la cosa ai tanti bambini presenti, finché Evans non decide di chiudere la contesa con un superkick ben assestato.

Kez Evans sconfigge Leyton Buzzard per schienamento

RAVIE DAVIE vs KYLE KHAOS

Si tratta di due atleti che hanno già fatto qualche apparizione nel main roster della ICW, dove Ravie Davie ha vinto il premio come “Miglior Esordiente” del 2016. Entrambi sono uomini non enormi, estremamente agili ma con uno stile basato sul brawling e sul lavoro al tappeto – con Davie capace di esplodere in mosse spettacolari.

Ravie Davie esalta e parla con il pubblico, mentre Kyle Khaos preferirebbe avere un match più duro, senza pause per sorridere ai bambini. I due continuano abbastanza a lungo con un match assolutamente impeccabile (memorabile in particolare il selling di Kyle Khaos, veramente da veterano) che si conclude con il classico Headbutt di Ravie Davie, quello che chiama il Glasgow Kiss.

Ravie Davie sconfigge Kyle Khaos per schienamento

BIG ROSS HAUSER vs SOLDATO

Big Ross Hauser è abbastanza noto in ICW per essere il bodyguard di Christopher Saynt nel main roster; Soldato, un luchador mascherato già apparso in diversi A Night at the Asylum qualche mese fa, torna dopo un’assenza relativamente lunga.

Hauser è grande, grosso e molto contratto. Mette a segno una serie di mosse di potenza, ma non sembra ancora in grado di reggere un match da solo. Soldato parte un po’ nervoso dopo la pausa, ma recupera ben presto confidenza e finisce per guidare il match con i suoi voli originali, fino a vincere con uno splendido Cutter.

Soldato sconfigge Big Ross Hauser per schienamento

Il main event della serata vede la partecipazione dell’unico tra gli allenatori della GPWA in card oggi, un wrestler con oltre 100 match in ICW alle spalle, due volte Heawyweight Champion e altrettante volte detentore del titolo di coppia.

MICHAEL PARKS vs BT GUNN

Michael Parks è un wrestler possente, aggressivo e dotato di un’agilità inattesa per uno con un fisico come il suo; BT Gunn… be’, lo conosciamo bene.

È un match molto lungo, con ovviamente BT Gunn che conduce le procedure ma con Parks che non resta relegato a un ruolo da comprimario. Resiste, reagisce, domina per brevi spezzoni, continua a uscire dai tentativi di schienamento del suo maestro… finché Gunn, con una serie di attacchi asfissianti conclusi da un Cutter, non riesce a metterlo giù.

BT Gunn sconfigge Michael Parks per schienamento

Uno show insomma divertente, con alcuni atleti (Michael Parks, Devin Fawkes) più che pronti per il passaggio almeno a A Night at the Asylum, altri già ben noti in quei lidi e oltre e qualcuno che ha ancora bisogno di un po’ di esperienza prima di poter aspirare a esibirsi su palcoscenici più prestigiosi.

Marco Piva

Non c'è niente da vedere. Su, su, circolare. Va bene... ho 40 anni, vivo in Scozia, guardo il wrestling da Wrestlemania III, ormai non sopporto più la WWE ma seguo con cura tutte le indipendenti possibili.