Holy Sh*t #42 – Restart NXT

È tempo di TakeOver, signori. Siamo alla prima edizione di NXT TakeOver: Chicago, nella consueta edizione del TakeOver post WrestleMania che, come ogni anno, si svolge a maggio. Per la prima volta, un PPV del main roster di transizione viene trattato come un Big Four, tanto da avere il proprio TakeOver il giorno prima, nella stessa location nella quale si svolgerà il suddetto Pay Per View, Backlash in questo caso. Non a caso, lo scorso anno, NXT TakeOver: The End si svolse alla Full Sail University di Orlando, come le puntate dello show giallo ed i primi eventi speciali di quest’ultimo. Con questo TakeOver: Chicago, NXT ha fatto l’ultimo grande passo che gli mancava per essere considerato un autentico terzo brand. Ora però, bisognerà vedere se lo show giallo sarà capace di seguire la linea dei passati TakeOver. Con le promozioni nel main roster di nomi importanti come Samoa Joe, Shinsuke Nakamura e i Revival, NXT deve ricominciare da capo, ricostruendo nuovi nomi che saranno poi i volti del brand. E nonostante questo sia l’evento ideale per ripartire da zero (assenze di Aleister Black, Kassius Ohno e Drew McIntyre a parte), non mancano le conferme, con gente come Asuka che risiede a NXT da quasi due anni e Hideo Itami che va per i tre, nonostante il suo tempo effettivo in azione sia davvero stato poco, visti i continui infortuni.
E poi c’è pure la chicca degli eventuali debutti…
Non perdiamo tempo, parliamo meglio di NXT TakeOver: Chicago.
L’opener della serata dovrebbe essere lo scontro tra Roderick Strong ed Eric Young, già da tempo in conflitto vista la rivalità che li ha incrociati da un po’ di tempo (non dimentichiamoci del 4 vs 4 di NXT TakeOver: Orlando).
Abbiamo capito che, finora, non si sta puntando più di tanto su SAnitY. La stable ha debuttato da un bel po’ di mesi ormai e non mi stupirei se questo incontro avesse valenza di un match dedicato alla designazione di colui che, dopo Itami, sfiderà Bobby Roode per il titolo NXT. Proprio per il passato in TNA di Roode e Young, non resterei sorpreso se fosse il leader di SAnitY il prossimo avversario del campione NXT. E mi dispiace dirlo, perché, d’altronde, fa male veder tracollare un wrestler come Roderick Strong. Spero soltanto che non si dimentichino di lui e che gli concedano almeno un regno da campione NXT, in futuro.

 

A seguire, il match numero 2 dell’evento dovrebbe essere Tyler Bate vs Pete Dunne per lo United Kingdom Title, rematch della finale dello United Kingdom Tournament che abbiamo avuto a gennaio e che ha coronato come primo campione del Regno Unito, Bate. In un regno in cui ha fatto ben poco, ma non per colpa sua, Tyler non ha saputo esprimersi al meglio, tanto che, già nel torneo che lo ha visto trionfare, non si è imposto come la grande rivelazione della competizione. È stato Pete Dunne a prendersi quel primato, lasciando tutti a bocca aperta con le sue grandi prestazioni e facendo vedere di essere un grande heel con stampo old school. Il mio pronostico per questa sera vede il campione della PROGRESS trionfare, vedremo se accadrà il contrario.
Per il terzo match, dovremmo avere il Ladder Match tra #DIY e Authors of Pain per i titoli di coppia di NXT. E questa volta il condizionale è d’obbligo, dal momento che Tommaso Ciampa si è infortunato. Per cui, il posto dei #DIY verrà preso da un altro tag team. I primi due nomi che mi vengono in mente sono Alexandre Wolfe e Killian Dain di SAnitY, ma felice di essere smentito in qualche modo, magari dagli Heavy Machinery che tanto bene stanno facendo nell’ultimo periodo. In ogni caso, la vittoria degli AoP appare scontata.

 

Match per il titolo a femminile a tre, con Asuka, fresca d’aver battuto il record di Goldberg di imbattibilità, chiamata a difendere la cintura contro Ruby Riot e Nikki Cross. Assente dal match l’infortunata Ember Moon, infortunio che di certo ci farà avere memoria di questo TakeOver come uno degli eventi più sfortunati nella storia del brand giallo. Comunque vada, mi aspetto un gran match. Il turn heel ha rinforzato Asuka, era il passo necessario per renderla ancora più minacciosa. Proprio per questo mi aspetto una sua ennesima difesa titolata, passo passo verso il superamento del record come campionessa più longeva dell’era moderna, battendo il precedente primato di 434 giorni come campione WWE di CM Punk.
Prima di parlare del main event, discutiamo su eventuali match a sorpresa/debutti. Sorprende infatti l’assenza dal PPV di nomi più o meno grossi come Andrade “Cien” Almas, Kassius Ohno, Drew McIntyre ed Aleister Black. Li vedremo coinvolti in un match non annunciato dall’alto tasso di spettacolarità?
Per non parlare delle voci sul debutto di Adam Cole, fresco di addio alla Ring of Honor e pronto al grande salto, seppur credo che lo vedremo solamente tra il pubblico, come si è già fatto con altri nomi ora in forza nel roster giallo, vedi Roode e McIntyre. E non dimentichiamoci che Mike Bennett e Maria Kanellis sono ancora senza un contratto fisso con una federazione…
Giungiamo al main event, giungiamo allo scontro per il titolo NXT: Hideo Itami, alla sua prima opportunità titolata, sfida Bobby Roode, dopo averlo steso più volte nelle ultime settimane con la sua letale G.T.S.. Ed è proprio questa stradominanza del nipponico che mi fa pensare ad una sua sconfitta, ahimè. Tra l’altro, non vorrei fare pronostici affrettati ma non mi sorprenderei nel vederlo nel main roster tra qualche altra settimana, proprio perché non ha più molto da dire nel brand giallo.
Comunque vada, hype a mille per il ritorno nel quadrato del giapponese, sicuro del fatto che avremo un bel match.
Questo è NXT TakeOver: Chicago. Non c’è molto altro da dire se non buona visione.
Anche per oggi è tutto. Alla prossima!