I.W.A La Legge della Strada : Report

Prologo Sproloquiante

Sabato 22 Ottobre, presso il Palazzetto dello Sport di Ceprano, è andato in scena il primissimo Show targato I.W.A ( Italian Wrestling Association ), neonata Promotion del Lazio con la missione e la voglia di fornire una valida e concreta alternativa alle Compagnie del Settentrione e d’inserirsi nel novero delle Federazioni attive nel Centro-Sud come RWA, RIW,PWE ed EPW ( della XIW al momento non si hanno notizie di sorta e come per la WNL, in seguito ad “Harder ! Faster ! Stronger !” ).

L’ambizioso Progetto è scaturito dalla mente di Diego ” Il Mostro ” Piacentini ( ora in forza a World of Wrestling ), ragazzo trentenne di Frosinone, fortemente motivato ed intenzionato a portare in scena la sua idea e concezione di Wrestling, anche ricorrendo ad iniziative collaterali come il Crowdfounding, scelta accantonata, poi ripresa ed infine abbandonata. Si parla di questa Primavera. Nel corso dei mesi le folte e fitte nubi si sono diradate sempre più e quella che sembrava solamente una chimera, un miraggio, un’illusione, cominciò ad acquisire e a prendere una forma concreta e definita tramite la creazione della pagina Facebook, poi del sito internet e grazie alla strutturazione della Card del primissimo Evento, la cui ossatura si rinforzò in continuazione con abbinamenti sempre più intriganti, fu possibile avere molti più dati ed informazioni utili ed essenziali. Fu così che oltre all’aspetto ” giornalistico ” ( il vostro Kebbabbaro adorato sa di non essere un cazzo di nessuno tranquilli ) ci pensò quello relativo all’essere un appassionato del movimento italico a spingermi ad accordarmi con Yuri ” Thearchitect ” Martinelli e Simone ” Lunaticfringe ” Martinelli ( Believe in the Shield, Podcast PWE, Over The Top Rope, Staffer e a breve Commentatore per la Fed. lucana, ormai dovreste conoscerli suvvia ) per condividere un’esperienza di viaggio che si rivelò essere davvero spassosa.
Rimanendo in tema, un doveroso ringraziamento va fatto a colui che fu lo Scarrozzatore Ufficiale della giornata, ossia il Wrestler ( e quando occorre anche Arbitro ) The Black Ice/Fabian Storm e a suo cognato Giovanni ( TimeKeeper ). E questo fu solo l’inizio di una lunga sfilza di azioni volte allo scroccamento massimo. Ma sarà bene partire dall’inizio.
Il giorno designato per lo Show uno pseudo Luchador con tanta nonpreparazione alle spalle riuscì ad arrivare ( di corsa, a perdifiato ed in ritardo ) a Piazzale Flaminio per ricongiungersi con i Martinelli Bros., in modo tale da dirigersi con il treno verso Labaro, step intermedio per poter proseguire il tragitto via autovettura. Non vi renderò edotti sul livello aulico e colto delle conversazioni che allietarono questa breve traversata. Vi basti sapere che per una nostra dimenticanza, fummo costretti a prolungare per qualche minuto la nostra permanenza a contatto con binari, stazioni ferroviarie e vagoni. Il motivo ? La necessità di prenotare le fermate tramite l’apposito pulsante ci fece errare in malo modo.
Per fortuna il tempo a disposizione ci venne in aiuto, come la sosta presso il primo bar a caso della zona, ove le nostre dissertazioni culturali proseguirono alacremente.Ok, ricevuto, basta co ste stronzate.
Il trio divenne un quartetto con l’aggiunta di Dave ” Capello Anonimo ” Blasco, impossibilitato a competere, ma con un ruolo ben preciso da svolgere. Ice e Giovanni giunsero poco dopo ed il Cazzeggio On The Road continuò ad essere il fulcro della giornata.
Alle 15:15/20 capitammo presso il Palazzetto dello Sport di Ceprano, una Struttura abbastanza ampia e spaziosa, dotata di un impianto luci ed audio di tutto rispetto ed adibita per ospitare Manifestazioni Sportive di Calcio, Kick Boxing, Pallavolo, Boxe e Basket.

20161022_155702

20161022_155623

20161022_160439

20161022_171038

Mentre al suo interno era in corso di svolgimento lo Stage con Karim Brigante ( vi presero parte, dopo la firma di un foglio di responsabilità, 15 persone, tra cui molti ragazzi del Polo ICW di Roma ed anche un neofita assoluto ) ebbi modo d’interagire proprio con Diego, con cui mi recai al più vicino EuroSpin per l’acquisto di un po’ di nastro isolante, indispensabile in certi frangenti.
Col passare delle ore, vi fu il modo d’incontrare e di rivedere diverse figure, come il Booker dell’I.W.A, Musicista e Cameraman Riccardo Piccione, Marco Polli ( Zona Wrestling, Postazione Audio, Trainee presso il Polo ICW di Salerno ), Kojiro/Andrea Colombo, Simone Paleari,Fabio Griguoli e molti altri ragazzi del Polo capitolino dell’ICW ( Staffer ed alcuni hanno avuto il piacere e l’onore di allenarsi dalla Famiglia Knight, scusate se non ricordo tutti i vostri nomi ), Il Profeta JT9, i nonni di Alex Gory, una signora recatasi con la famiglia a WM 32 ( madre di un altro Trainee, Alfredo Girardi, sempre della Scuola salernitana ), Antonella Zaccardi ( la ragazza di Diego ), il Presidente della BWT ed Arbitro Massimiliano ” Max ” Malpensa, il Fotografo Andrea Boccalini G ( già presente in RWA in occasione dell’Evento sulla ” Festa della Birra ” per realizzare un Progetto sul Wrestling italiano che potrebbe rivelarsi davvero interessante ), ecc… .
Ah, quasi dimenticavo: gli scatti che vedrete in questo reportage sono una miscellanea tra foto kebbabbiche ed immagini rispettivamente di A.Boccalini e Fabrizio Monti.
Mentre fervevano i preparativi per allestire al meglio lo Spettacolo, nel Palazzetto vennero resi disponibili alcuni articoli di Merchandising come Magliette della Roman Dinasty ( 15 € )e di Red Scorpion ( 10 € ), Action Figures/Pupazzoni WWE ( 18-25 € ), Cartoline di Miss Monica/Ann Esposito e Foto Autografate ( 2 / 5 € ) ed altri oggetti similari.

20161022_184732

20161022_184657

L’Evento sarebbe dovuto iniziare verso le 18:30 ed invece vi fu da attendere quasi un’ora, complice anche la voglia di voler raggiungere un numero di spettatori soddisfacente. Alla fine si poterono contare all’incirca 50 unità.
Venne fatta risuonare diverse volte, ad intervalli regolari, la Canzone Ufficiale della serata, ” Destroy ” dei The Guilt Trip ( uno dei tanti esperimenti musicali del Piccione ). Canzone che…ah già, non posso darvi nessuna informazione relativa al quando e al come tale pezzo sarebbe dovuto essere utilizzato, vi basti sapere che spacca parecchio assai tanto.

Seduto in prima fila, con dietro Yuri e Simone, mi accorsi dopo qualche secondo di avere accanto il Wrestler RWA JK ( ” Il Guerriero Postatomico ” ) ,in compagnia della sua ragazza. Mancava davvero poco, altri Artisti vennero selezionati per far trascorrere quegli ultimi istanti d’attesa ed anche per voi il consueto chiacchiericcio è terminato, da adesso si entra nel vortice dell’azione !
PS: ( quasi ) ogni match avrà una duplice valutazione, Live e Video. I filmati integrali sono reperibili sul canale YouTube e sulla pagina Facebook dell’I.W.A.

Ladies and Gentlemen, Welcome to the Show

La serata si aprì con l’introduzione ad opera di Luigi DT, Presentatore con esperienze anche nella Televisione ” che conta “. Il Ring Announcer si prodigò anche nel rendere edotti gli astanti su chi avrebbe ricoperto la figura di Special General Manager : sì, esatto, proprio lui, Dave Blasco.
Il buon Dave, microfono alla mano, non ha alcun interesse nel rendersi affabile o di apparire cordiale e si rivolge ai presenti con l’appellativo di ” sporchi pecorari “, incensando allo stesso tempo la sua persona, riconoscendosi come ” il più bravo GM e Lottatore italiano “, vantandosi d’essersi allenato presso l’Academy del leggendario Harley Race e non dagli ” Youtuber ” come certi amici di un non ben specificato tizio tra il pubblico. La proclamazione si conclude quando l’amabile Blasco impone che il I match abbia subito luogo. Ad arbitrare questo primo incontro fu il Prsidente del BWT Max Malpensa.

Alex Gory vs The Black Ice vs ” Il Profeta ” JT9 ( Voto : SV )

Tre entrate particolarmente energiche quelle dei partecipanti a questo Opener, con un Ice sempre munito di Kendo Stick ed un JT9 sopra le righe come suo solito, intento questa volta a dispensare suggerimenti alla ” Regia ” sul modo corretto di ” sfumare ” l’audio della sua Theme nel momento più opportuno.
L’Uomo Proveniente da Atlantide ( Imola ) non è invece riuscito a persuadere i suoi avversari nel seguire La Via e i suoi ultimatum d’inginocchiarsi al suo cospetto hanno ricevuto un responso negativo tra calci, pugni ed un doppio Dropkick combinato.
Il giovane marchigiano ed il più esperto colombiano con radici romane però non hanno avuto il tempo per fronteggiarsi faccia a faccia a causa dell’inaspettata comparsa del ” Gorilla Bianco ” Leon, per nulla contento di essere stato estromesso dalla Card ed il suo disappunto venne espresso in modo chiaro con una dispensa di Bracci Tesi sui protagonisti della contesa. Mentre JT9 esprime le sue perplessità ( ” chi cazzo sei ? ” ), il GM Blasco, tramuta questo Demolition Derby tra Pesi Leggeri in un Four Way Dance, ponendo tuttavia delle specifiche condizioni. Infatti se a vincere sarà Leon gli verrà accordato il permesso di accompagnare il suo Allenatore Red Scorpion nel match contro Willy G. In caso di sconfitta invece, Leon verrà bandito dall’I.W.A.

Fatal 4 Way match: Alex Gory vs The Black Ice vs ” Il Profeta ” JT9 vs Leon ( Voto Live : 7,25 / Voto Video : 7 )

Il massiccio Leon travolge 9 ed Ice con delle Spallate ed il tentativo subitaneo di accerchiarlo risulta vano poichè l’unico risultato concreto ottenuto è stato quello di far infuriare il Gorilla, innescando un trittico di Body Slam. The White Kong sente di poter vincere senza troppi patemi con il suo Fireman’s Carry Slam Frontale ( Wasteland ) su JT9, ma il Profeta lo riporta alla realtà graffiandogli gli occhi e colpendolo con un Single Leg Dropkick. A dargli manforte si aggiungono Gory con un Dropkick a piedi uniti e TBI con un Calcio Volante Singolo.
Leon caracolla fuori dal ring, per la prima volta dall’inizio dell’incontro si trova in difficoltà ed Ice decide di infierire su di lui tramite una Rolling Senton dall’apron.
Alex Gory mette a frutto le sue spiccate doti da High Flyer e plana su Black e Leon grazie ad un preciso Crossbody dalla terza corda.
Manca solo JT9 e l’ex RWA Hardcore e former PWE National Champion, dopo essersi fatto pregare con un balletto demenzialissimo in stile ” Celentano “,si abbatte su tutti quanti con una Senton oltre la corda più alta ( azione in parte botchata, ma ne riparleremo più avanti ).
Siamo nelle fasi più interessanti ed ogni tecnica potrebbe essere decisiva: nel quadrato JT9 concentra le sue energie su Gory, tra Chop, Middle Kick ed un Moonsault, impedendo ad Ice di intromettersi, rispedendolo fuori dal quadrato. Questa distrazione fornisce a Gory il modo di contrastare JT, tramortendolo poi con una DDT. Alex ribadisce di essere il più agile tra tutti i Wrestler coinvolti sfoggiando un pulito e preciso Standing Moonsault sul Fautore della Via, ma questa volta il Luchador colombiano s’intromette interompendo il conteggio e producendosi in un Vertical Suplex into GTS che tramortisce AG.
Il vantaggio dell’attuale Campione Hardcore dell’RWA è di brevissima durata poichè JT9 manda fuori combattimento il Wrestler Mascherato ricorrendo ad un High Kick alla tempia.
Il III membro segreto della Briscoe Family viene pervaso da una scarica d’adrenalina e sale sul paletto per la sua consueta 450 Spla…ed invece no, cambio di programma aereo, l’opzione selezionata è un Moon ” non si sta in piedi qui, #0×%0 $!0 ” Sault. Ice non ha la forza per reagire, quindi ci pensa il redivivo Leon a rendere vano il gesto atletico di 9, spedendolo fuori ring e ripetendo la stessa operazione su Ice.
Il Gorilla Bianco ha la strada spianata e Gory nonostante la sua tempra, non ha modo di opporsi alla strabordanza fisica di Leon che se lo carica sulle spalle per una versione alterantiva e decisiva della Michinoku Driver.

Vincitore : Leon

Leon dunque potrà essere convocato in futuro dall’I.W.A ed in più sarà all’angolo di Red Scorpion quando il suo Maestro sarà contrapposto a Willy G che invece farà affidamento sullo Special General Manager Dave Blasco.

Davvero un Opener azzeccatissimo, ricco di azioni, con un buon ritmo, divertente ed ottimo per scaldare il pubblico ove tutti i partecipanti han saputo mettersi in luce, creando la giusta atmosfera.

Il secondo incontro è stato strutturato per essere una vera e propria sfida tra Colossi Umani. La direzione di Gara venne affidata a Kojiro / Andrea Colombo, Head Trainer del Polo ICW di Roma.

Mr. Mastodont vs VP Dozer ( Voto Live: 6,75 / Voto Video : 6,60 )

Una disfida tra Pesi Massimi, a cui la Montagna Dorata sembra volersi sottrarre dopo un semplice Clinch con Il Braccio della Legge, a causa di presunti e non ben specificati ” malevoli effluvi ” emenati dal Campione Tag Team RWA. Questa altezzosità e la tronfia arroganza, mostrata durante le varie fasi del match, faranno guadagnare a Dozer gli epiteti di ” buffone ” e ” peraccotaro “, portando la maggior parte dei tifosi a supportare il fu PWE Southern Champion nonchè fresco Tag Champion della Fed.lucana insieme a ” The Fighter ” Rocco/Rocky Laurita.
VP decide saggiamente di adottare una tattica di logoranento mentale, sgusciando fuori dal ring ed intimando all’Arbitro di tenere a debita distanza MM. Lo stratagemma sembra funzionare alla perfezione in quanto Dozer, aggirando il regolamento, afferra al volo la barba del Wrestler capitolino, strozzandolo con una Stun Gun dall’esterno all’interno del quadrato. Tuttavia Mastodont, seppur intontito, stoppa la rincorsa di VPD con un Braccio Teso.
L’esponente della Promotion bolognese non ha più intenzione di competere e si avvia verso il Backstage, costringendo Mastodont ad un inseguimento forzato, conclusosi con la ” cattura ” di Dozer, bloccato da una Doppia Accettata dietro la schiena.
Quest’ulteriore trucchetto fa cadere in errore M.Mastodont: Il Vigilante infatti prova una manovra che si rivelerà un vero suicidio sportivo, impattando contro uno dei paletti e finendo a sua volta vittima di un’Accettata sulla spina dorsale. Il ritorno nel perimetro di gara continua ad arridere a Dozer che tra pugni, calci, chop, Big Boot e 2 Elbow Drop, mette in seria difficoltà il Mastodonte.
Nonostante il cospicuo vantaggio accumulato, VP compie un errore madornale, discutendo in modo insensato con il Referee, rischiando di vanificare il suo operato, Mastodont tuttavia dopo una timida reazione, ritorna a subire l’offensiva della Montagna Aurea, composta da Shoulder Block in salto ed una Neckbreaker.
VPD si permette anche di dileggiare MM, leccandosi un dito e ficcandoglielo nell’orecchio.
La supponenza di Dozer non sembra avere limiti e Mastodont, pur cercando un Roll Up repentino, viene asfaltato da un potente Lariat di Dozer, manovra che avrebbe potuto benissimo chiudere le ostilità, se non fosse per la grande forza d’animo di MM.
Le sorti della contesa mutano in maniera drastica quando il Campione uscente del BWT si produce in un inutile tentativo di Body Slam ai danni del rivale, venendo fatto lui oggetto di una Schiacciata Accompagnata.
Dozer, inerme all’angolo, viene travolto prima da un’Avalanche e poi da una Side Walk Slam.
Tutto è pronto per la Spinning Side Slam di M.Mastodont, eppure Dozer la evita e compie un’impresa assurda, inchiodando il romano al suolo con una Body/Power Slam. Le urla che segiranno non saranno di gioia e soddisfazione, bensì di rabbia e frustrazione a causa del conteggio arbitrale, di poco lontano dal tanto agognato 3. ” La Legge è Legge ” aveva detto poco prima Mastodont, e così sarà : stavolta la sua tecnica risolutiva finale stritola Dozer e non gli lascia alcuno scampo.

Vincitore: Mr.Mastodont

Anche in questo caso i presenti al Palazzetto di Ceprano sono stati attivi e reattivi, godendo di un match vecchio stampo, ma non per questo brutto o poco gradevole.

La terza sfida dell’Evento è stata incentrata su un confronto tra filosofie di vita differenti e in aggiunta un confronto tra i due Trainer del Polo ICW di Salerno.

” L’Orgoglio Nerd ” Max Peach vs ” Street Dog ” Jimmy Barbaro ( Voto Live : 7,60 / Voto Video : 7,50 )

Il Mastino Napoletano cerca ancor prima del suono effetivo del gong di fare la voce grossa, sbeffeggiando Peach , sottovalutandolo e non ritenendolo una vera e propria minaccia quanto un semplice buffone.
Un approccio totalmente sbagliato, viste le capacità del nativo di Nola ( Campania ) di innescare un tris di repentini schienamenti sempre più complessi che inducono Barbaro a rivedere le sue considerazioni sul da poco incoronato Campione dei Pesi Leggeri ICW.
I momenti successivi sono incentrati su una spassosissima sequenza ove Peach, con un Fumetto estratto dalla sua borsa a tracolla di Flash alla mano, schiva le azioni di JB, sgambettandolo ed”intrappolandolo ” in una Camel Clutch, coinvolgendo lo stesso Mastino nella lettura dell’Albo e rigirandolo in un altro tentativo di pin, tutto questo continuando ad avere gli occhi fissi sul Comic Book.
Peach, dopo aver colpito Barbaro con il Giornaletto sulla testa, svela anche il suo lato più serioso, evitandone la gomitata e rispondendo con un Knee Lift ed un Roll Up con Hilo.
J.Barbaro riordina le idee allontanandosi dal ring e i fan subito lo perculano, dandogli del coniglio, mentre Peach lo invita sarcasticamente a rientrare.
Quando lo Steet Dog si decide a risalire nel ring, si passa ad una fase di Chain e prese statiche, movimentate dalle capriole,dalle giravolte e dai Kip Up di MP, intervallati dalle scorrettezze di Barbaro, interrotte da una veloce Arm Drag sfruttando il rimbalzo sulle corde.
Le successive azioni vengono in qualche maniera sempre rallentate da JB e dalla sua ricerca ossessiva di ripararsi tra le corde per spezzare l’operato di M.Peach che per qualche istante abbandona i binari della correttezza, tirando un calcio repentino alle medesime mentre l’Arbitro era meno vigile, compromettendo le chance riproduttive del rivale.
Siamo nella parte centrale dell’incontro che risulta caratterizzata da un iniziale dominio di Peach per poi passare ad un controllo di Barbaro, tra calci, strozzamenti illegali, Middle Kick e Shoulder Block all’angolo a cui l’Orgoglio Nerd risponde mandando Barbaro all’esterno del perimetro di gara tramite un Calf Kick ed esaltando la platea con un Suicide Dive.
JB non sembra in grado di contrastare l’esuberanza di un Max Peach la cui Combo Snapmare + Shining Wizard per pochissimo non fa capitolare il Mastino, nonostante tutto ancora lesto,vigile e capace di rendere vana la Finisher di MP, bloccandolo al paletto e tartassandolo senza sosta mediante pugni alla schiena, Foot Stomp, Elbow Drop, Shoulder Block, Running Knee Strike ed una poderosa Inverted Cannon Ball. Un autentico massacro, ciononostante Peach ha ancora delle energie residue da poter sfruttare e il momento propizio per riequilibrare le sorti del match giunge per via di un calcolo errato di Barbaro, troppo sicuro di poter ripetere la Ginocchiata in Rincorsa all’angolo : MP sfrutta la sua rapidità per sorprendere L’Uomo della Strada dando fondo al suo repertorio e un preciso Exploder Suplex, seguito da un Crossbody plastico infliggono ulteriori danni ad un Barbaro sempre più stremato, ma troppo orgoglioso per farsi abbattere dalla Mossa Decisiva di Peach e pronto a sfoderare tutte le sue manovre migliori pur di ergersi vincitore, come la Sling Blade. Peach dall’altra parte non sembra voler capitolare.
Barbaro si fa possedere dalla sua parte più primitiva ed animalesca, riempiendo di pugni MP e arrivando addirittura a morderlo. Ogni sua inibizione è venuta meno, la rabbia e l’ira sono la vera essenza con cui la sua 1% ( Spear ) viene eseguita, Peach però ne vanifica l’efficacia con un Leap Frog.
Barbaro non ha alcun modo di frenare la sua rincorsa e finisce per sbattere contro uno dei cuscinetto mediani. Il terzo tentativo di Shiranui/Sliced Bread #2 dell’Orgoglio Nerd, preceduto da un profetico ” Bazinga ! ” è l’ultimo atto, quello decisivo, della battaglia.

Vincitore: ” L’Orgoglio Nerd ” Max Peach

L’aver disputato un buonissimo incontro e l’essersi fatto valere al meglio, dimostrando il proprio valore nonostante la sconfitta ? No, tutto ciò non sembra bastare per lo Street Dog, non lo soddisfa, anzi, saranno state sicuramente queste le motivazioni che avranno spinto Jimmy Barbaro ad attaccare alle spalle un ignaro Max Peach e a nulla sono servite le reprimende dell’Arbitro Colombo, malmenato anch’egli, ma mai quanto colui che avrebbe dovuto poter fersteggiare senza interferenze, tranciato dalla Spear ( forgiata dalla preparazione rugbystica ) di JB.
Non pago, Barbaro vorrebbe proseguire il pestaggio ed invece l’arrivo di Alex Gory, accorso in aiuto di MP, lo fa fuggire a suon di calci.
Dopo PWE From The Ashes, le strade dei due si sono rincrociate e per volere del GM Blasco, al prossimo Show I.W.A il Wrestler di Angri ed un Partner a sua scelta fronteggeranno il duo composto da Gory e dall’Orgoglio Nerd.

A seguito di questo annuncio, ne è conseguita una pausa di un quarto d’ora, utile per rifocillarsi ai distributori appositi di cibo e bevande, acquistare il merchandising, parlare con gli altri presenti o per scambiare qualche parola con i Wrestler, richiedendo foto e/o autografi.
La mia attenzione si concentrò su Max Peach, ragazzo di cui avrei voluto da moltissimo tempo ammirare un match dal vivo, dopo averlo visto in un video della PWE contro Corvo Bianco in un Evento in collaborazione con l’ICW. Tornerò a parlarvi di lui in conclusione di reportage.
A break ultimato, il IV incontro vide scontrarsi il 2 volte e recentemente reincoronato BWT Champion ed il sempre 2 volte Campione di Coppia PWE ed ex RWA Champion, sostenuti dai rispettivi Partner.

Willy G w/Dave Blasco vs Red Scorpion w/Leon ( Voto Live : 7,30 / Voto Video : 7,25 )

Piccolo Sunto Esplicativo Pre-match

Una storia molto ramificata quella tra l’uomo di punta del BWT e la metà della Roman Dinasty, iniziata a RWA Wrestling Fest nel Torneo per la riassegnazione dell’Alloro Massimo della Promotion e proseguita a Casus Belli, ed in entrambe le circostanze le ladrate di Blasco furono molteplici. Lo stesso White Kong ha avuto degli screzi con la Dinasty sempre a WF e in uno degli ultimissimi Eventi della Fed.capitolina, rischiando di divenirne il Campione.

Il Lottatore di Fiumicino ed il GM si fanno amare dai tifosi, screditando Ceprano ed elevandosi a miglior Tag Team del mondo e Willy minaccia di rimandare in un buco sotto ad una roccia RS.
Uno Scorpione, assistito da Leon, che entra sulle note di una nuova Theme Song ( composta dal Wrestler/Musicista Michael Crimson/Mick Vice ), pronto a fronteggiare la sua nemesi.

Red sprona la folla a dare dello scemo ad un Willy G che inviperito pretende invano di essere acclamato, mentre D.Blasco sbraita verso una malcapitata ed incolpevole signora di smetterla di ridere, generando dei cori relativi a Er Monnezza. Niente, sul piano dell’odio la RD è una garanzia.
Willy appare intimorito dalla fisicità dello Scorpione che lo martella con 2 bracci tesi all’angolo uno Snapmare e un Low Dropkick alla schiena, rincarando la dose con 2 potenti sberle. A nulla serve il consulto fuori ring di G con Blasco o le sue fughe, perchè Red non gli lascia un attimo di respiro e lo bracca tra sberle al viso e sulla schiena, chop singole e doppie, Body Slam e Running Knee Drop.
Willy G però capitalizza lo Stinger Splash errato dello Scorpione Rosso e lo manda al tappeto con una Clothesline dalla seconda corda per poi proseguire il suo operato mediante una Bodyslam ed un Leg Drop.
Willy abbassa i ritmi bloccando RS in una Headlock da cui Red si libera a suon di gomitate, ma la sua reazione non ha luogo per via del Braccio Teso di G.
Willy resituisce le Chop subite ed in risposta ne ricava altri ceffoni ed un elevato Standing Dropkick dritto sullla faccia.
WG, sapendo di non poter fronteggiare Scorpion lealmente, gli graffia gli occhi e inizia una diatriba con l’Arbitro Malpensa per far sì che Blasco possa strangolare il Pungiglione Volante.
Altra presa statica di G, stavolta una Chin Lock Knee on Back, Scoprion si libera di nuovo, va di Rool Up e…niente, incassa la Reverse STO di Willy.
La vera grande occasione per Red giunge quando entrambi si stordiscono a vicenda connettendo una Clothesline al centro del ring.
Lo Scoprione ha ottenuto il break che voleva e si scatena : Kip Up, 2 Bracci Tesi e sarebbe arrivata pure la Spallata in Salto se solo Willy non fosse scivoltato sul suo sudore ( inconvenienti che capitano ), costringendo Red ad un accademico quanto futile schienamento.
Il ” Rosso ” vuole cadere in picchiata dalla sommità del paletto, ma Willy lo anticipa facendolo precipitare in malo modo e annientandolo con la sua patentata Facebuster/X Factor. Scorpion tuttavia ha la forza di effettuare il Kick Out,per la soddisfazione di tutti i tifosi.
Willy non demorde e ritenta la stessa tecnica, ma Red la reversa in una Power Bomb, si ” denuda ” in stile Angle e sfodera una delle sue ormai arcinote Trade Mark, la Rolling Senton. Willy, seppur scorretto e sleale, dimostra di non essere un avversario di comodo e non capitola.
A dargli manforte e a rimarcare le vecchie abitudini ci pensa subito Blasco, tirando un piede di Red e facendo infuriare Leon che lo costringe a fare un po’ di moto per sfuggire alla sua ira. Ne scaturisce un parapiglia da cui G cerca di trarre il massimo vantaggio con un Low Blow non ratificato dal Referee ed un Roll Up di rapina. Tutto sembrerebbe concluso ed invece Scorpion non si lascia inchiodare al tappeto ed anzi la sua fulminea quanto inaspettata Michinoku Driver lo avrebbe quasi sicuramente decretato trionfatore dell’incontro, ma la stanchezza e la copertura tardiva aiutano G.
Blasco incita Willy e fa alterare Scoprion allo stesso tempo, portandolo si ad infliggere più danni al suo arcinemico con un Low Front Dropkick alla nuca, ma anche ad errare la strategia d’attacco : la sfida infatti si è conclusa quando lo Scorpione, andando a vuoto con lo Stinger Splash, ha mostrato il fianco a Willy G, che l’ha così potuto rigirare in un Roll Up da cui non vi è stata alcuna via di fuga.

Vincitore : Willy G w/Dave Blasco

Nel post match, Blasco pretende di sostituirsi al Ring Announcer, dichiarando Willy G, suo fratello e Tag Team Partner, trionfatore dell’incontro, alla faccia dei presenti ( tutti pecorari ) ed invitando i bolognesi a tornarsene a casa loro e a desinare con la loro pasta tipica, ossia i tortellini.

Un incazzatissimo Scorpion si rivolge ai due romani, rei di aver fregato lui e Leon, ma solo perchè entrambi sono lottatori d’animo e di buon cuore, infatti non ci sono state ingerenze del White Kong, al contrario di quanto invece ha fatto quel ” sacco di letame obeso ” di Blasco. Dopo una ( giustissima ) serie d’insulti nei confronti di DB, Red propone un match per il succesivo Evento I.W.A : I Signori delle Bestie, Red Scorpion & Leon vs la Roman Dinasty, Willy G & Dave Blasco. ” Vedremo se sarete capaci di fare i gradassi o solo i grassi “. I Dinasty sembrano voler avvicinarsi al ring, salvo poi allontanarsi.

Il V incontro è stato il Main Event, il match clou, la conclusione della serata ed è stato originato da una Open Challenge lanciata da Karim Brigante a qualsiasi Wrestler che avesse avuto il coraggio di misurarsi con lui. A raccogliere la sfida è stato Chris Steel, un uomo a cui KB è molto legato, essendo nati uno un giorno di distanza dall’altro ed essendo cresciuti assieme come fratelli, con il sogno del Professional Wrestling stampato a chiare lettere nel cuore e nell’anima. Chi dei due sarà riuscito a prevalere ?

Karim Brigante vs Chris Steel ( Voto Live 8,50 / Voto Video : 8,30 )

Brigante intima ai tifosi di stare zitti, seduti al proprio posto e di ascoltare la più grande Superstar italiana. Non ha alcun interesse nell’essere tifato oppure fischiato, perchè a lui tutti i presenti rappresentano le cose che più odia al mondo : perchè nessuno avrebbe avuto il coraggio che lui ha dimostrato, partendo per gli USA, divenendo il più grande lottatore italiano. No, la gente tra il pubblico invece si accontenta della propria stupida vita, lavoro, casa, famiglia, guardandosi allo specchio e credendo di essersi realizzati, quando in realtà non è assolutamente vero.
Brigante appare stanco di parlare della ” stupida gente ” tra gli spalti ed allora si concentra su un’altra figura, che una volta gli era molto simile. Suo fratello, Chris Steel. Entrambi sono stati i primi Campioni di Coppia italiani nella storia in America. Brigante fa menzione della Open Challenge, rivolta a chiunque. KB aveva dichiarato che si sarebbe levato la gomitiera ed avrebbe colpito il suo fantomatico avversario dritto sulla bocca, in questa stupida città, davanti a questa stupida gente. E a rispondere è stato proprio CS. Brigante dunque indirizza il suo messaggio a Chris : ” in nome della nostra vecchia fratellanza, ti dico vieni qui, guardami negli occhi e rinuncia al match “.

Steel non si fa attendere e ribadisce di aver accettato la sfida, a distanza di 4 anni dal loro ultimo incontro e pur ritenendo l’offerta di Karim generosa, si sarebbe aspettato di più e la rifiuta categoricamente ” perchè non è così che doveva andare, non è così che va e non è così che andrà. I’m ready to fight.Suonate la campana ! ”
Basta parole, il match ha finalmente luogo.

I due contendenti sono faccia a faccia, fasi di studio, Clinch. Vige un sostanziale equilibrio tra le parti.
Brigante allora tende la mano in segno di stima, Steel la stringe, ma avendo previsto una furbata di KB blocca il successivo calcio all’addome e lo porta a terra con una Head Lock Takeover. Poco dopo Brigante, avendo eluso una Cradle veloce, si sistema vicino alle corde ed infligge una gomitata a tradimento ai danni del neo PWE National Champion. Sberla di KB, sberla di Steel,altra sberla, Hip Toss, Swinging Neckbreaker e subito tentativo di Finisher ( Overdrive /Playmaker ), abortito da Brigante che riesce a portare a segno una seconda gomitata, stavolta dall’esterno del quadrato, però fallisce il braccio teso e si becca la Spezzacollo in caduta di Steel, specialista di queste tecniche.
Con il PWE World Champion alle strette, CS adotta la consueta azione dei 10 Punches, sottostimando la pericolosità delle gomitate di Brigante che con un rapido gesto incastra Steel al paletto e lo punisce proprio con una Elbow secca e precisa alla base del collo. KB sfodera la Combo Knee Lift + Lariat, ma il conto del Ref.Malpensa arriva solo ad 1.
Brigante infirisce su CS e ne impedisce la reazione con un Calf Kick per poi ricorrere ad una Spezzaschiena ed una Slam Frontale. ” Lo Stupido Pubblico ” esulta alla caduta rovinosa di KB a seguito di una Vader Bomb in rincorsa e Steel, avvertendo il sostegno della gente, li ripaga mediante l’accoppiata Back and Neckbreaker.
Brigante prova un Back Body Drop, Steel gli rifila un calcio in faccia, KB va con la terza Elbow del match, Steel gli risponde anch’egli con una gomitata. Brigante di potenza con un Big Boot ed una Michinoku Driver. Steel ha ancora la forza per rialzarsi.
KB si toglie la gomitiera, ha intenzione di finire Steel, ma sembra quasi provare del rimorso ed allora la raccoglie e la risistema, sempre con in mente l’annientamento del suo vecchio Compagnio…la gomitata va a vuoto e Steel dimostra di avere molti meno scupoli producendosi in un Single Leg Kick alla tempia ed una DDT.
Ambedue i Wrestler appaiono stremati e parte il duplice conteggio arbitrale che si ferma al 7. Steel riparte all’attacco sfoderando anche la Checkmate ( STO ), tutto in preparazione della Finisher, ma Brigante la riesce a schivare per la seconda volta.
Il match ha raggiunto un livello di tensione elevatissimo, i due avversari si conoscono a menadito, le azioni si susseguono: terzo tentativo di Overdrive resprinto, Jumping Flatliner ( Kiss on the Street ) di Brigante. Steel non molla.
I trascorsi tra i due, il loro legame, tutto è stato messo in gioco in questo match e i continui capovolgimenti di fronte sono la prova di quanto entrambi vogliano fortemente imporsi e prevalere. I fan assistono ad una serie di reversal, a cui la Spinning Elbow di KB avrebbe potuto porre fine, ma Steel no, non ne vuole sapere. Neanche quando Brigante elimana ogni remora relativa al loro passato condiviso e lo centra con una ginocchiata in salto all’angolo. KB lo rialza per una Mick Check/Reverse STO Modificata, ma Steel sorprende tutti eseguendo un German Suplex, generando i cori ” This Is Awesome ” e spiccando il volo con una Flying Headbutt. Stavolta è Brigante a non voler desistere.
In ginocchio, esausti, quasi esanimi, i due gladiatori moderni danno il tutto per tutto a suon di gomitate, in ginocchio e poi in piedi, ma Brigante pare avere la meglio…ed invece la quarta volta è quella decisiva per la Overdrive. 1,2…2 ! Il match sembra non voler avere fine.
Gli Atleti stanno dando fondo a tutte le loro energie e non ci sono Cinture o riconoscimenti in palio : è una questione di orgoglio ed onore tra due uomini che stanno tirando su un signor incontro senza risparmiarsi.
Steel, vistosi rendere inoffensiva la sua mossa più importante, si butta sulle sottomissioni, intrappolando Brigante in una Crossface al centro del ring. Le corde sono distanti, la pressione inizia a farsi insostenibile, ma KB rovescia la situazione avversa con un Roll Up ed esplode l’ennesima Gomitata Rotante. 1,2…2,99 ! Steel alza la spalla all’ultimo istante.
CS però ha compiuto uno sforzo troppo grande, quasi non si regge in piedi, eppure invita KB a farsi avanti, tirandogli una delle sue protezioni addosso, urlandogli di finirlo. Brigante esita per qualche istante e poi, dopo aver chiesto scusa al suo fraterno amico, si leva la gomitiera e lo rende inerme con la Gran Finale ( Roaring Elbow ).

Vincitore : Karim Brigante

Al termine di questo combattutissimo incontro, Brigante tende di nuovo la mano a Steel che rotti gli indugi, la stringe ed i due fratelli di sangue si abbracciano, consapevoli di aver dato vita ad una battaglia incredibile.
Nel quadrato arrivano anche Dave Blasco e Willy G, riformando di fatto la Roman Dinasty al completo ( tutti e 4 si sono allenati da Harley Race e tale nome nacque in quel periodo ). Steel si mostra ancora un po’ titubante sul fidarsi o meno, ma alla fine l’intera Stable occupa tutti i paletti del ring.
La Dinasty chiama a salire sul ring il Creatore dell’I.W.A Diego Piacentini che, fatti i ringraziamenti di rito, ha dato appuntamento ai presenti per il prossimo Show, ricodrando come ” l’I.W.A non morirà mai “. La Dinasty si schiera al centro del quadrato e riceve i meritati applausi.

A fine serata, ebbi l’occasione di parlare e di fare diverse foto con tutti i protagonisti dello Show ( compresi Diego e Riccardo ) e di rompere l’anima ancora una volta a Peach, un ragazzo davvero disponibilissimo e talentuoso…che avevo in realtà già incontrato in occasione di ASCA Ready to Start ( eravamo seduti nella stessa fila ) prima del suo debutto ufficiale in ICW, avvenuto durante quell’estate. Bello non ricordarsi una minchia a 24 anni eh ?
Vi avevo pure accennato allo scroccamento massimo vero ? Orbene, affamato e come da tradizione senza un soldo, riuscii a scofanarmi non una, non due, ma bensì 3 piattoni de pasta fredda, appozzando senza ritegno dal Catering riservato ai Wrestler. Per fortuna che vi erano cibarie e bibite in abbondanza.

Quest’ennesima Epopea Breslinghistica si concluse in piena notte,con il ritorno alle rispettive zone abitative del variegato gruppo d’andata, tra macchina e bus notturno. Sempre all’insegna del Cazzeggio.

Volendo tornare seri e “”” professionali “””, è giunto il momento di trattare gli aspetti negativi di questo Evento.

Bad Side of Indy Wrestling

– I ritardi vengono sempre tenuti in considerazione, sono fisiologici e possono capitare, tuttavia sarebbe meglio ridurre sempre l’attesa ad un massimo di 30 minuti, salvo emergenze particolari.

– Le corde adoperate erano di scarsa qualità e cio si è compreso perfettamente nell’arco di tutto lo Show, quindi sarà opportuno sostituirle in vista delle prossime Kermesse.

– La vera nota dolente è stata l’affluenza scarna del pubblico. Su tal punto bisognerà insistere in modo concreto e mirato, sfruttando tutti i media possibili ed interressando il più possibile sia il fan accanito che la grossa fetta di occasionali a cui l’unica associazione logica legata al Wrestling è ” SmackDown ! “. Bisognerà puntare al raggiungimento ed anche al superamento dell’affluenza base di quasi tutte le Promotion italiane ( 100 o più di 100 unità, nei casi migliori ), perchè è stato un gran peccato non avere tra gli spalti almeno quasi il doppio delle persone.

Mo tocca ai risvolti positivi invece.

Good Side of Indy Wrestling

– Quello sì che fu un Ricco e Sostanzioso Buffet, adatto per rifocillare in modo adeguato i Wrestler.

– Il banchetto del Merchandising è sempre una buona idea. Non la cosa più importante o esenziale, ma la sua presenza di certo non guasta.

– Gli Staffer hanno svolto il loro compito, dimostrandosi capaci ed utili. Da lodare pure il comparto grafico ( Mario MJ Maggiolini ed il collega Ciccio Collodoro ).

– Il Ring Announcer Luigi DT, alla sua primissima esperienza in ambito Wrestling per sua stessa ammissione, è stato una piacevole sorpresa, pronto anche all’autocorrezione ( all’entrata di Red Scorpion, annunciato prima proveniente dalla Tana dei Leoni e poi, al giusto momento, da quella degli Scorpioni ), se in futuro dovesse essere richiamato, sarebbe di nuovo un valore aggiunto.

– Gli Arbitri Andrea Colombo e Max Malpensa han diretto ogni match con precisione e serietà.

– Il Palazzetto di Ceprano è stata una buonissima Location, magari penalizzata dal non essere ubicato in un grande centro urbano, ma la struttura è stata sfruttata nel migliore dei modi, come l’impianto luci ed audio del resto.

– Ottima iniziativa lo Stage pomeridiano con Karim Brigante che ha avuto una risposta molto positiva. Parliamo di 2 ore e 30 minuti di Seminario ad un costo onestissimo ( 15 € ) tenuto da un Wrestler che ha alle spalle delle esperienze formative adatte e tali da trasmettere nozioni, informazioni e conoscenza agli altri.

– La Card è stata strutturata con cura ed il Roster selezionato ha dimostrato ancora una volta come con gli elementi giusti si possa amalgamare il lottato con l’intrattenimento, usando solo i Wrestler della penisola.
I ragazzi del BWT vengono richiesti oltre che in altre Promotion nostrane, anche all’estero ( NEW, Pro Wrestling Malta, Pro Wrestling Live Lugano e da Gennaio anche in Inghilterra per la British Empire Wrestling ), si stanno esibendo con una buona frequenza e si sono fatti valere. Alex Gory poi è un prospetto su cui continuare a puntare, stessa cosa per l’ICW Cruiserweight Champion Max Peach, lui e Jimmy Barbaro hanno unito egregiamente e senza scadere nel ridicolo gli aspetti più simpatici e seri della Disciplina.
Mr.Mastodont sa sfruttare il suo kilotaggio e da Face funziona grazie alla sua capacità d’interazione e all’interpretazione del suo personaggio, che altro non è se non un ampliamento della sua personalità.
JT9 è sempre più un idolo.
The Black Ice, uno dei ” nonnetti ” della scena, eppure resta sempre uno su cui poter far sempre affidamento.
Dave Blasco, pur non competendo, ha rimarcato la sua naturale propensione ad attirare l’odio e le antipatie dei fan, essere inviso al pubblico è la sua vocazione. Le urla verso il Fotografo per farsi immortalare…de che stiamo a parlà ?
Willy G oltre alla Gimmick si difende molto bene pure sul piano lottato.
Karim Brigante e Chris Steel sono stati gli artefici di un Main Event da Standing Ovation. Storia, costruzione, lottato, emozioni…un match che da casa ( come accade spesso ) perde un po’, ma dal vivo ha coinvolto ed interessato tutti quanti.

– Seppur non numeroso, il pubblico, eterogeneo e composto in larga parte da non conoscitori della Lotta Libera è stato attivo, partecipe, vocale ed ha gradito le azioni mostrate nel ring ed i match proposti.

Spazio Conclusivo et Argomentante

– Ice, Mastodont ed i Dinasty sono parte integrante di PWE Fight, lo Show TV della Promotion lucana e vista l’attuale situazione post I Sessione di Registrazioni ( la II avrà luogo l’8 di Gennaio ), ricopriranno in larga parte dei ruoli di spicco all’interno delle Storyline della Federazione di Potenza, vedremo se vi saranno degli ulteriori sviluppi anche in I.W.A

– ” La Legge della Strada ” ha visto germogliare ben due spunti per il prossimo Show ( che avrà luogo il 29/1/2017, tutte le info verranno comunicate nei prossimi giorni ) ossia Gory e Peach vs Barbaro ed un misterioso Partner ancora da scoprire e i Signori delle Bestie vs Roman Dinasty. Dunque nessuna Corona singola o di Coppia per il momento, ma Eventi con dei collegamenti precisi l’uno con l’altro.

– In passato ed ancora adesso accade, in particolari circostanze, che i Promoter ed i Wrestler di alcune Realtà (ora inattive o meno ), non abbiano voluto / non vogliano ascoltare le critiche costruttive ed i suggerimenti degli appassionati del Wrestling italiano, coloro che lo sostengono e lo seguono, ritenendo il loro Prodotto scevro da difetti o minimizzando alcune problematiche, mentendo sostanzialmente a se stessi e rischiando di andare a compromettere i punti di forza e gli aspetti positivi del loro progetto ed allontanando chi continuava a sostenerli nonostante tutto, recando inoltre danno a loro stessi e all’intero movimento.
A queste persone dico di fermarsi a riflettere, di riordinare le idee, di ascoltare i suggerimenti altrui,di non alterarsi per qualche giudizio espresso anche in modo ironico e di evitare di negare l’evidenza. Poi fate un po’ come cazzo ve pare !

Ritornando all’I.W.A invece, il mio consiglio per Il Mostro ed i suoi collaboratori è quello di puntare al raggiungimento di uno zoccolo duro di fan e di trovare sempre nuove strategie per diffondere la vostra idea di Wrestling ed in questo senso l’aver seguito le orme dell’EPW ( Fight Network ), legando il nome della Fed. a quello di Powerbomb.tv, Portale On Demand il cui lancio è imminente e che potrà consentire la visione, con un abbonamento mensile di 9,99 $, di diverse Compagnie tra cui IPW:UK, AIW, 4FW, Tier 1 Wrestling ed altre Fed. messicane, canadesi e da altre parti del globo, è stata una soluzione intelligente.
L’iniziativa legata al Concorso ” travestiti come il tuo Wrestler preferito ed i primi 3 Cosplayer riceveranno un ingresso gratis al prossimo Show ” è un’idea simpatica ( pure se rivedibile ) e ne potrebbe far nascere altre.
La ricerca di Cameramen e Fotografi è anch’esso un segno positivo.
Un altro aspetto essenziale sarà la ricerca di Location sulla falsariga o anche più attrezzate del Palazzetto di Ceprano e che siano facilmente raggiungibili.
Sarà banale, ma come ultimo suggerimento, mi sento di incentivare lo Scouting di quanti più Wrestler possibili poichè vi sono tantissimi ragazzi a cui servirebbe solo la giusta opportunità per dimostrare il loro valore o per imporsi definitivamente nel panorama italiano.

Spero che questo report, uscito giusto giusto un pelo in ritardo vi piaccia e v’interessi ed
auguro a tutti voi, lettori e lettrici di WTW e di qualsiasi altro sito, buone feste ed un felice Natale, all’insegna delle magnate epocali e delle feste de Capodanno cafonissime, il tutto impreziosito dall’immancabile presenza del Wrestling.

Alessandro Tulelli

Sono un ragazzo di Roma grande appassionato di Wrestling ( WWE, ROH, PWG, TNA, LU, ASCA, ICW, ecc... ) e...nulla, spero che quel che ho fatto fino adesso e quel che farò vi sia piaciuto e vi piaccia.