Impact Zone #160 Gail Kim is back One Night Only

Benvenuti a una nuova puntata di Impact Zone. In questa puntata settimanale  di Impact Wrestling, i The Lucha Bros affronteranno Willie Mack e Rich Swann, Jordynne Grace sfiderà Katarina, Taya Valkyrie affronterà Rae Lynn, i The Rascalz affronteranno Mike Sydal e Chris Bay, Eli Drake sfiderà Tommy Dreamer nel main event. Vediamo nello specifico cosa è successo…

Un nuovo match per Homecoming

Nell’opener dello show Pentagon Jr e Fenix hanno affrontato Willie Mack e Rich Swann, diciamo che per essere il match di apertura è stato di un ottima fattura. Come al solito la prova dei Lucha Bros è stato impeccabile, la migliore coppia della categoria a Impact a mio avviso. I loro avversari non sono stati da molto meno e in generale hanno messo in difficoltà gli ex campioni via via durante il match, ma alla fine la maggiore classe dei messicani è uscita e dopo due voli dalla terza corda  completati con una mossa combinata hanno portato a casa una bella vittoria.  Post match i LAX hanno fatto il loro ingresso dallo stage e dopo un veloce promo di congratulazioni hanno accettato la sfida lanciata dai due messicani per Homecomig, ora è ufficiale Lax vs The Lucha Bros si terrà il 6 gennaio al ppv e i loro titoli di coppia saranno in palio.  

 Jordynne Grace, una vittoria meritata

Un match tra due delle Knockouts del roster forse meno conosciute dai fan, non è che Jordynne Grace e Katarina siano molto utilizzate sul ring. Si sono affrontate a viso aperto e senza remure, la Grace è stata fin da subito in vantaggio sulla sua avversaria che però si è ben difesa dai tanti tentativi di vittoria. Katarina si è rivelata una buona wrestler ma forse ancora in parte grezza. Alla fine è venuto fuori un match piacevole da seguire, con una buona intensità. La vittoria finale di Jordynne Grace è stata buona e sicuramente meritata.

Il ritorno di Gail Kim

L’incontro è stato molto veloce, durato pochi minuti dove Taya Valkyrie ha fatto un sol boccone della sua avversaria di giornata, Rae Lynn. Non c’e stata storia tra le due e la dominazione della compagnia di Johnny Impact è stata decisamente eloquente e mai in dubbio. La cosa più interessante è avvenuta a fine match quando la campionessa Knockout del roster Tessa Blanchard ha attaccato Taya, un primo tentativo dell’arbitro sembrava averla domata ma poi è tornata sui suoi passi e a quel punto la sorpresa più gradita, il ritorno ad Impact della Hall of Famer Gail Kim. Kim e Taya sono riuscite a buttar fuori ring la campionessa mentre il tutto è finito con loro sul ring a festeggiare e Tessa sulla rampa ad osservarle. Questa cosa porta ancora maggiore hype per il loro match di Homecoming.

Tecnica e rapidità

Come al solito è difficile rimanere delusi da un match della X Division, anche in questo caso la mia piacevolezza di osservazione è rimasta appagata da quanto visto, un vero misto di tecnica e rapidità. Si sono affrontati i The Rascalz (Dezmond Xavier e Zachary Wentz) e il tag formato da Mike Sydal e Ch ris Bay. Questi due tag sono un ottima dimostrazione di come spesso il lavoro paga e a mio avviso fanno sempre qualcosa di più puntata dopo puntata, buoni wrestler che possono diventare dei tag di punta per il futuro della federazione. Molto bello il Double Suicide Dive dei The Rascalz che è stato il preludio alla loro vittoria, prima una combinazione di calci, pugni e ginocchiate e poi per concludere le loro mosse un Double Moonsault. Un finale perfetto che ha portato alla loro vittoria.

Doppio main event, due match stessi wrestler

Mi aspettavo molto da un incontro tra Eli Drake e Tommy Dreamer, soprattutto per la presenza sul ring del secondo che non è mai banale nelle sue mosse e nel suo modo di agire. Il “primo” incontro è stato un qualcosa dove Dreamer ha dominato e Drake si è messo in fuga facendosi contare fuori fino al dieci per uscirne sconfitto, l’intervento di Josh Matthews invece ha riportato la cosa sulla retta via facendo iniziare subito un nuovo match ma con due stipulazioni speciali, senza squalifiche e senza count out, il campo di battaglia preferito da un ECW Originals come Tommy Dreamer. Finalmente c’e stato un vero incontro dove l’uso delle armi unito a delle buone mosse ha fatto quello che doveva essere fatto prima, cioè essere il miglior match della puntata. Dreamer è andato molto vicino alla vittoria con la sua Dreamer DDT, ma Eli ne è uscito poco dopo il 2 dell’arbitro. Quindi Eli ha preso in mano la situazione e dopo un Low Blow, una serie di mosse successiva ad esso e ha infine colpito il suo avversario con un colpo di sedia in piena fronte. Lo schienamento vincente è stato il suo, un Eli Drake che mi ha piacevolmente sorpreso in un match senza squalifiche.

In conclusione…

(3,8 / 5)

 

 

Lorenzo Fanti

Un fan da sempre della WWE, seguo la compagnia da quando era su Mediaset con Rey, Chris Benoit, Kurt Angle, JBL, Booker T e tanti altri. Inoltre seguo con grande passione Impact Wrestling, una compagnia spesso sottovalutata ma che fa ottimi show. Poi ho interesse anche nelle Indy europee. Non disdegno di seguire anche tutte le altre federazioni, ognuna può dare qualcosa alla passione della gente.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com