Benvenuti a una nuova puntata di Inside AEW, qui è il vostro “LeHost” Mario Marino che vi accompagna nei fatti di questa settimana in quel della All Elite Wrestling. Una puntata che ha visto al centro la Tag Team Division della AEW considerata da molti, tra cui il sottoscritto, il fiore all’occhiello della federazione.

New Wave

Il trend positivo del wrestling di coppia in AEW è evidente e infatti questo episodio di Dynamite si è aperto con i campioni di coppia Kenny Omega e “Hangman” Adam Page difendere con successo le cinture dall’assalto di Dustin Rhodes e QT Marshall. I campioni hanno affermato la loro netta superiorità senza però non tralasciare la sempre ottima prestazione di un Dustin Rhodes che è praticamente invecchiato come il vino. Il match tag più interessante per quanto mi riguarda è stato quello che visto protagonisti gli Young Bucks e la Superbad Squad composta da Jimmy Havoc e Kip Sabian, accompagnati dalla sempre bellissima Penelope Ford. Il match si è svolto in un clima di tensione perenne contribuito dalla presenza a bordo di Butcher And The Blade, che hanno un conto in sospeso con i Bucks e i FTR, e la presenza anche di questi ultimi hanno reso la contesa ulteriormente interessante. I Bucks ottengono una vittoria sofferta e il rissone che si viene a creare subito dopo il match contribuisce a rafforzare la narrazione che sta vedendo gli Young Bucks e i FTR come protagonisti. Si rispettano e si aiutano quando possono ma il loro scontro appare sempre più come inevitabile. Sarà uno dei Main Event di Fyter Fest? La risposta a questa domanda appare sempre più evidente.

Mind Games

La puntata di oggi è stata caratterizzata anche da due debutti nel roster della AEW. Il primo debutto è stato quello di Abadon che ha ottenuto una vittoria schiacciante su Anna Jay e reputo che il segmento sia riuscito dall’inizio alla fine. Prima di tutto perché il match è stato preceduto da una minipresentazione di Anna Jay, che si è presentata con un ring attire alla Zatanna, nota eroina della DC Comics, che faceva presagire il classico match di presentazione con vittoria e invece è stata squashata proprio da Abandon. E qui entrano in gioco i Mind Games: si presenta Mr. Brodie Lee seguito da tutto il Dark Order e prima dà il contratto per entrare nella fazione ad un Colt Cabana che stava seguendo il match tra il pubblico e poi prende con sé una Anna Jay totalmente succube di fronte alla presenza magnetica del leader del dark order. L’altro debutto è stato quello dell’ex NWA Television Champion Ricky Starks accettare la Open Challenge dell’attuale TNT Champion Cody Rhodes. Il match ha visto l’ovvia vittoria dell’American Nightmare ma Starks può essere un innesto interessante per il roster soprattutto in ottica futura. A proposito di mind games, è stata chiara la frecciata che Cody ha mandato agli altri membri dell’Elite prima del match. Aria di scissione. Non mi sbilancio perché sono un convinto sostenitore del focalizzarsi sul presente piuttosto che fare castelli in aria che lasciano il tempo che trovano ma è evidente che l’ego di Cody si sta ingrandendo sempre di più e questo potrebbe creare degli attriti con i suoi alleati. I mind games hanno caratterizzato anche il main event della puntata che ha visto da un lato i Best Friends (Chuck Taylor e Trent) e dall’altro lato Le Sex Gods ossia Sammy Guevara e “Le Champion” Chris Jericho. Se i Le Sex Gods avessero vinto avrebbero ottenuto automaticamente la title shot dei Best Friends per andare contro Omega e Page a Fyter Fest. Ciò non è accaduto perché si è presentato il Giulio Cesare del ring in persona: Orange Cassidy. Il buon Cassidy è stato il fattore decisivo che ha causato la sconfitta di Jericho e Guevara e si è vendicato così del pestaggio brutale che aveva subito la settimana precedente da parte dell’intera Inner Circle. Tony Khan ha annunciato che Orange Cassidy VS Chris Jericho sarà uno dei piatti forti di Fyter Fest.

Alla prossima,

“LeHost” Mario Marino