Inside Lucha Underground S04E21: Ultima Lucha Cuatro – Part 1-

Hola a todos, EMG è pronto per raccontarvi le sue impressioni sulla prima parte di Ultima Lucha Cuatro, ossia l’evento più importante di Lucha Underground, dove tutti i nodi vengono al pettine e scendono i titoli di coda sulla quarta stagione di questa strana (in senso positivo ovviamente) federazione. C’è però una novità rispetto al solito…oggi abbiamo un ospite speciale a farci compagnia…un ospite che ama LU e che EMG ha invitato senza la minima esitazione…Decimos Hola a Francesco Benedetti, il padre padrone della rubrica Inside WWE (si amanti delle federazioni indipendenti…scrivere della WWE non esclude conoscere ed amare altre federazioni…stampatevelo nella vostra testolina).

Ovvio che l’articolo di oggi sarà totalmente differente dai precedenti…sarà una WTW Review doppia…e voi sarete liberi di schierarvi con chi volete…liberi…nella rubrica di EMG non si è mai liberi…

Bienvenidos en el Templo


Trios Title Elimination Match

Champions The Reptile Tribe def. The Rabbit Tribe & Sammy Guevara, Ivelisse & XO Lishus @ 12:00 via submission

EMG: Opener divertente con la formula del Texas Tornado. L’incontro è stato caratterizzato da due parti, una prima fatta solo ed esclusivamente di spot (vedasi la C4 di Guevara da altezza siderale…come una stella cadente dal cielo) che è terminata con la eliminazione della Tribù dei coniglietti e con lo spargimento di sangue di Mister Rabbit ed una seconda, dove si sono affrontati i 6 lottatori rimanenti e che si è conclusa con la conferma dei campioni. Il match è stato un classico di Lucha Underground, con tanta azione, caos, poco selling, però era quello che ci si doveva aspettare. Fa storcere invece il naso la gestione della Rabbit Tribe, costruita con colpevole ritardo e trattata con sufficienza, eccezion fatta per il loro leader che esce come figura dominante nonostante la sconfitta…ma figura dominante circondato da inutili scagnozzi, quindi fondamentalmente inutile. In questo contesto ovvia è stata la vittoria dei campioni, che rappresentano una gruppo molto più coeso e forte e buona la prestazione del trio improvvisato che fin dall’inizio si capiva sarebbe stata la vittima sacrificale. Nel complesso dodici minuti di buona lucha style, ma nulla da rimandare agli annali.

(2,5 / 5)

FB: Contesa meritatamente vinta dalla triade dei rettili, che in questa stagione di LU ha saputo reinventarsi dopo la perdita di Drago e soprattutto Vibora (mi è dispiaciuto vedere il suo personaggio sparire così velocemente e spero che il lottatore che lo ha interpretato torni a LU, magari sotto i panni di un altro personaggio). Jeremiah Snake si è adattato molto bene alla nuova gimmik e Kobra Moon è stata a mio avviso gestita meglio rispetto alla passata stagione. Decisamente deludente invece tutta la storia che ha coinvolto la tribù dei conigli, per la quale evidentemente si avevano idee confuse dopo il turn heel di Paul London. Killer Kross si è rivelato un personaggio inutile e costurito male, e non vedo come i tre possano fare molta strada nel caso in cui continuassero a lottare in tag. Poco da dire sul trio composto da Ivelisse, Sammy Guevara e XO Lishus. La prima è stata un po’ una comparsa e ha fatto poco in questa quarta stagione, il secondo ha preso parte solo ad un paio di puntate mentre il terzo è stata l’autentica rivelazione di questa stagione grazie alle sue grandi capacità atletiche che gli hanno consentito di sfornare sempre ottime prestazioni. Il match è stato il classico in stile Lucha Underground: tanti spot, poco selling e pochi schemi da rispettare, una contesa veloce e spettacolare che ha fin da subito scaldato il pubblico. Da segnalare la bella spanish fly di Sammy Guevara su Kobra Moon dalla sommità dell’ufficio di Antonio Cueto.

(3,3 / 5)


Taya def. Ricky Mundo @ 4:10 via submission

EMG: Purtroppo una piccola delusione, non per la qualità del lottato, quanto per il minutaggio esiguo concessogli, nonostante l’importanza della storyline in chiave mark. Un uomo ha rovinato il momento più bello per una donna…il suo matrimonio. Ebbene mi sarei aspettato molto di più di un semplice tavolo rotto a fine match. Anche perchè, se c’è una lottatrice che è in grado di fornire grandi prestazioni in incontri Inter-Gender, quella è proprio Taya. Nel complesso 4 minuti sufficienti che non rendono giustizia a quanto visto durante tutto l’anno. Vi dico la verità, la cosa che mi è piaciuta di più è avvenuta nel post match, quando la loca porta con se nel backstage, come simbolo di trionfo, la bambola cospiratrice, madre di tutte le azioni di Ricky Mundo. Perchè mi è piaciuta? semplice perchè spero che in un eventuale quinta stagione, questa bambola possa interferire nella personalità di Taya…in che modo e con quali conseguenze…non sono cose che mi riguardano. Riassumendo in poche parole…un’intera stagione dedicata a costruire uno psicopatico in grado di uccidere e di liberare Matanza…quattro minuti per definirlo come un agnellino docile docile. Un controsenso troppo esagerato per non tenerne in conto.

(1,8 / 5)

FB: Mi aspettavo di più da un match del genere, considerando anche la buona tradizione che Lucha Underground ha con i match intergender. Se poi ci aggiungiamo la rivalità di contorno e la caratterizzazione dei personaggi, era lecito aspettarsi una contesa ben più combattuta. Invece il match si è rivelato essere praticamente uno squash di Taya ai danni del suo avversario. Questo mi porta a bocciare anche la gestione di Ricky Mundo in questa stagione. Fin dall’inizio avevamo assistito a segmenti che mi hanno incuriosito sempre più, poichè volevo vedere cosa quella bambola fosse in grado di far fare al suo possessore (chissà cosa sarà successo ad Angelico). Mi aspettavo di vedere qualche improvviso raptus di violenza da parte di Ricky Mundo che alla fine si è rivelato essere uno psicopatico inoffensivo. Il suo unico ruolo in questa stagione è stato quello di liberare Matanza per rovinare il matrimonio di Johnny Mundo e stop. Decisamente uno spreco, considerando le buone aspettative che si erano create intorno a lui.

(2 / 5)


Mask vs. Mask Match

Son of Havoc def. Killshot @ 14:10 via pin

EMG: Il Mask vs Mask è il gimmik match più importante nel panorama del wrestling…più importante perchè incide definitivamente sulla carriera di un lottatore, come nessun altro incontro. Parliamo di persone che hanno costruito la loro carriera nell’ “anonimato facciale”… Questo ovviamente non era il caso di Son of Havoc e Killshot, perchè entrambi i ragazzi erano già conosciuti senza maschera in altre federazioni. Detto questo, l’atmosfera che si è respirata era molto simile a quella delle arene messicane quando due luchadores si sfidano per il loro “gingillo” più prezioso…così come il sempre emozionante momento della consegna della maschera da parte dello sconfitto, al suo carnefice. Doveva essere un incontro senza esclusione di colpi ed all’ultimo sangue…così è stato. Personalmente non lo inserisco tra i migliori incontri di Lucha Underground, ma sicuramente rimane un incontro da vedere. Bella la gestione, belle e innovative alcune scelte di booking (vedi la barella…che ho interpretato come sono disposto a tutto pur di batterti) e ottima l’interazione tra i due atleti, non solo durante questa contesa, ma durante tutto l’anno. Personalmente avrei avuto bisogno di quel pizzico di epicità in più…non ho completamente vissuto il dramma che questa stipulazione ha insita nel suo contenuto. Per essere ancora più chiari…questo incontro, pur bello non si avvicina a quello combattuto l’anno scorso tra lo stesso Killshot e Dante Fox. Però si che a livello di booking ha dato quello che doveva dare, compresa la ragione dei comportamenti e della maschera dello sconfitto.

(3,5 / 5)

FB: Uno dei match che più attendevo per questa Ultima Lucha. Tra i due si preannunciava una battaglia molto combattuta e così è stato. Peccato per la durata del match, decisamente troppo breve. Purtroppo questo è stato un problema che ha accomunato la maggior parte dei match di questa quarta stagione, molti dei quali sono stati penalizzati dal poco tempo a disposizione e si sono limitati ad essere buoni match quando avrebbero potuto essere ottimi match. Una soluzione per il futuro (se Lucha Underground avrà un futuro) sarebbe quella di aumentare di poco (anche 15 minuti) la durata delle puntate. Lo spettacolo sicuramente ne trarrebbe vantaggio. Tornando al nostro match, il vincitore è stato Son of Havoc dopo una contesa senza esclusione di colpi, anche se non ho capito a cosa sia servita la barella che è stata introdotta nel ring. Al termine dell’incontro, Killshot si leva la maschera rivelando il volto di Shane Strickland, in quello che sembra un addio a Lucha Underground. Prima di andare, riceve anche il saluto da colui che è stato il suo peggior nemico nel Templo: Dante Fox.

(3,5 / 5)


FB & EMG OUT!!!

Enrico Maria Gorreri

EMG...semplicemente EMG

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com