Inside WWE #14: Ritorno al Passato?

Ed eccoci qui a commentare un’altra settimana di WWE e come sempre EMG è stato attento e vigile al fine di portare all’attenzione dei suoi discepoli spunti interessanti sui quali aprire una discussione. Spulciamoli


RITORNO AL PASSATO?

Non è ancora una notizia ufficiale, quindi come sempre, meglio non prenderla con le molle, però rumor di addetti ai lavori e personaggi vicino all’ambiente parlano di un clamoroso ritorno al passato per quanto riguarda il concetto dei PPV. In particolare sembrerebbe che da Backlash, gli eventi WWE non saranno più monobrand, ma si tornerà a mescolare le carte, nel senso che vedremo incontri dello show rosso e dello show blu insieme, come era prima del famoso split del 2016. Come dovremmo interpretare questo avvenimento nel caso dovesse avvenire?

  1. La prima cosa che mi viene in mente è errore. La WWE tornerebbe sui suoi passi dopo soli due anni più o meno quasi a dimostrare che i brutti risultati in termini di ascolti e la perdita generale di pubblico deriverebbe dal fatto che due roster con i propri incontri non sono in grado di realizzare eventi all’altezza. La gente vuole vedere le cose più belle e se ne frega di tutto ciò che è il midcarding
  2. Se così fosse, alcuni lottatori non li vedremo più nei PPV perchè nelle tre ore non ci sarà spazio per loro, ma solo per le storyline principali
  3. Perdita di importanza delle cinture minori. Quello che di buono aveva fatto la separazione dei Brand, era stato quello di elevare lo status delle cinture minori. Non sono mai stati toccati picchi eccelsi, ma per lo meno si sono viste storyline più profonde e un certo attaccamento alla cintura che mancava.
  4. Rispetto a prima ci sono più cinture…in totale 8…questo significa che o vengono ridotte come era in precedenza oppure avremo PPV o con 8 titoli in palio (verrebbe meno la qualità per questione di tempo) o con cinture che non sarebbero difese durante l’evento.
  5. Le storyline rischiano di peggiorare

Questi sono i primi cinque punti che mi sono venuti in mente dopo aver letto il rumor. Ora nell’ipotesi che questa situazione si avveri…cosa pensa EMG?

Uff…devo essere sincero, lo split dei brand mi piace…mi piace perchè bene o male riesce a dare più visibilità a tutti non solo durante la settimane ma anche durante i PPV. Le storyline in questi ultimi due anni si sono fatte preferire per cui, onestamente ho un po di paura di ritornare al passato e la cosa che non mi torna è che nonostante ciò, la WWE continua a mettere sotto contratto nuovi atleti. Insomma se mai dovesse succedere…il RAW post Mania sarà il classico giro di boa…e probabilmente ci chiarirà i nostri dubbi.


LA FIRMA DI RONDA

A quanto sembra Ronda Rousey non sarà un fuoco di paglia, ma sarà il Brock Lesnar della categoria femminile…almeno questa è la mia sensazione. Se prima si pensava ad un suo debutto in WWE come lottatrice in vista solamente di Wrestlemania, ora invece sembra che la ex campionessa UFC metterà radici a Stamford. Cosa cambierà nella categoria femminile, anche in vista di quello di cui ho parlato sopra, nel caso in cui dovesse succedere? Tantissimo, perchè mai come ora ci sarebbero tante galline nel pollaio pronte a spennarsi per il titolo più importante, un po come capita spesso tra gli uomini. Charlotte (figlia d’arte), Asuka (ancora imbattuta), Ronda Rousey (imbattibile in chiave mark), Alexa Bliss (campionessa), Sasha Banks (ex campionessa), Nia Jax (mastodontica)…senza poi dimenticare Bayley e Becky Lynch. Insomma ci troveremmo di fronte ad un polverone in tema di star power che non avrebbe nulla da invidiare al roster maschile. La notizia della firma del contratto credo vada vista di buon occhio perchè penso che Ronda non verrà a svarnare a Stamford, non è nelle sue corde vocali. Speriamo solo che la ragazza venga utlizzata nel modo migliore…cosa che mi spaventa di più dell’abbondanza del roster.


A NEW PAUL HEYMAN’S GUY, ,WOMAN

Strettamente legato all’argomento precedente, ecco che proprio ieri è uscita la notizia secondo la quale, Paul Heyman, nel caso Brock Lesnar non rinnovasse con la WWE, sarebbe dirottato su Ronda Rousey. Onestamente la cosa non mi sorprende perchè il ragionamento della WWE è molto semplice e facilmente prevedibile…perchè la cosa non dovrebbe funzionare due volte? Utilizzando un po della mia memoria storica, fatico a ricordare un manager (nel vero senso della parola) affiancato ad una lottatrice femminile, per lo meno negli ultimi anni. La domanda è: La cosa potrebbe portare frutti? Penso di si e vi dico il perchè, se in tutte le apparizioni live, Ronda non ha detto una parola o non le hanno permesso di dire una parola, così come accade con Brock Lesnar, sarà una questione di gimmick, ma sarà anche una questione che la WWE non si fida della sua mick skill. La cosa curiosa sara vedere, nel caso in cui tutto questo accada, come avverrà l’unione, quando e in che contesto. Se andiamo a vedere il puro tecnicismo televisivo, la compagnia di Stamford, non può perdersi due galline dalle uova d’oro come Lesnar e Heyman contemporaneamente, quindi, questa voce, potrebbe essere più probabile di quando sembra ed obiettivamente sensata nella sua continuità. Tuttavia ad oggi le cose credo siano ancora in alto mare, perchè non credo HHH e compagnia bella sappia quali siano le intenzioni di Lesnar fino in fondo ed il team creativo non sia ancora deciso su quale spot dare alla ex lottatrice UFC a Wrestlemania…Tic Tac…il tempo scorre inesorabile.


Cosa ne pensate?

EMG OUT!!!

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com