Inside WWE #34: Fallimento

Non c’è altro modo di intitolare questa ritardataria (fateci l’abitudine: l’estate non ho molto tempo a disposizione dunque anche le prossime edizioni potrebbero uscire con qualche giorno di ritardo) edizione dell’Inside WWE. Inizialmente avevo pensato di intitolare questo articolo “harakiri”, ma in giapponese questa parola significa suicidio e viene utilizzata, ad esempio, quando una squadra in vantaggio si fa rimontare e finisce per perdere la partita. Parlando di WWE avremmo potuto usarlo nel caso in cui fossero state create alte aspettative per uno show che poi si è svelato deludente. Questa volta no. Questa volta la WWE ha fallito su tutta la linea e ha dimostrato tutte le lacune e la confusione nella mente di coloro che bookano gli show. Non c’erano aspettative per Extreme Rules, ci aspettavamo uno show intorno alla sufficienza e ne abbiamo avuto uno mediocre, ma non è questo a dar fastidio (siamo stati abituati a spettacoli peggiori) quanto quello accaduto il giorno dopo a RAW, che va contro ogni logica. Perchè riproporre il match tra Bobby Lashley e Roman Reigns, quando il primo aveva vinto in maniera PULITA la sera prima? Era difficile far uscire Kurt Angle dal backstage per dire che visto che i due si erano già affrontati sarebbe stato Lashley a sfidare Brock Lesnar a SummerSlam? E se tutto questo è un compromesso per proporre l’ennesima sfida tra Lesnar e Reigns, non conveniva far vincere Reigns la sera prima? Cosa se ne fa Bobby della vittoria ad Extreme Rules? Perchè non è stato fatto un segmento in cui Ronda Rousey, che ad ER era spettatrice, non è stata arrestata per aver interferito con lo show, cosa che accadde quando fu Brie Bella ad interferire in un match e che accadrebbe a chiunque si comportasse come lei? E perchè Ronda deve avere un match per il titolo nonostante non abbia fatto nulla per meritarlo?

E chissà cosa ci aspetta nella prossima puntata di RAW. Ho paura che se Roman sconfiggesse Bobby Lashley quest’ultimo chieda di essere comunque inserito nel main event di SummerSlam. La cosa più sensata sarebbe chiedere un terzo match. Inoltre Stephanie McMahon ha promesso un annuncio speciale e per quello sono curioso. Cosa sarà? Voci di corridoio dicono che si tratti della reintroduzione dei titoli tag team femminili, dopo una breve e sfortunata parentesi avuta dal 1983 al 1989. Spero vivamente che si tratti di altro, visto che qal momento la situazione della divisione femminile è pessima e aggiungendo un nuovo titolo da gestire le cose si complicherebbero ulteriormente. Inoltre ci sono già troppe cinture in WWE e non tutte sono ben gestite, perchè aggiungerne altre?

Anche SmackDown ha i suoi difetti, su tutti la gestione della categoria femminile, con Carmella che ha rovinato quanto di buono fatto con Asuka e nonostante tutto a me non pare ancora una campionessa credibile. I problemi grossi però si fermano qui. Jeff Hardy non è più campione degli Stati Uniti e adesso avrà tempo per pensare ai suoi infortuni, e vedremno come sarà gestito Shinsuke Nakamura con la cintura. Inoltre è tornato un Randy Orton più cattivo che mai, pronto a riprendersi il titolo a stelle e strisce. Nel giro potrebbe entrare anche Andrade Cien Almas dunque le aspettative sono buone. È stato trovato il pretesto migliore per far rimanere campioni i Bludgeon Brothers senza affossare il team Hell no, che probabilmente continuerà ad inseguire le due cinture. Buona anche la situazione riguardante il titolo WWE. Ormai è ora che AJ Styles perda il titolo e credo che a SummerSlam giungerà il momento fatidico. Resta da vedere chi sarà il suo avversario visto che quasi tutti i lottatori di punta sono già passati nel giro titolato.

I problemi più grossi risiedono dunque a RAW, alla mercè di una gestione scellerata di Ronda Rousey e soprattutto di Brock Lesnar. Tutti non vediamo l’ora che arrivi SummerSlam solo per liberarci di quello che almeno nell’ultimo anno è stato il problema più grosso della WWE. Le colpe ovviamente non sono tutte sue, anche Vince McMahon ci ha messo del suo evitando di cacciarlo dopo WrestleMania 34. Da allora ha disputato un solo match e si sarà fatto vedere a RAW una sola volta. Non ha minimamente dato valore alla cintua visto che da quasi un anno la difende contro un lottatore più debole, senza confrontarsi con gli altri. In UFC si è presentato senza cintura ed è stato introdotto come wrestler e non come campione WWE. Il prodotto WWE ci guadagnerà soltanto dal suo abbandono, visto che tutti i fan sono contro The Beast e i recenti bassi ascolti che RAW ha rimediato possono essere intesi anche come un segno di protesta: vedremo se questa volta la dirigenza ci accontenterà.

Prima di chiudere, una considerazione sull’altro avvenimento importate della scorsa settimana: Hulk Hogan è stato reinserito nella Hall of Fame e dunque è reintegrato in WWE. Tutti sapevamo che la separazione tra le due parti avvenuta nel 2015 non sarebbe stata definitiva, anche se pensavo che ci sarebbe voluto più tempo per riappacificarsi. Vedremo adesso quale ruolo ricoprira l’Hulkster all’interno della compagnia. Secondo me sarà un ruolo televisivo e può darsi che l’annuncio di Stephanie a RAW riguardi proprio lui.
Questa edizione dell’Inside WWE si chiude qui, appuntamento alla prossima!

Francesco Benedetti

La mia passione sono il calcio, le serie TV e ovviamente il wrestling, che seguo da quando avevo 13 anni. Seguo la WWE, Lucha Underground e molto spesso guardo match un po' in giro per il mondo. I miei wrestler preferiti attualmente sono Ricochet, Brian Cage, Jeff Cobb,, Jack Evans, Cesaro, Sami Zayn ed AJ Styles. I miei preferiti di sempre invece sono Kane, Randy Orton e Stone Cold Steve Austin!

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com