Inside WWE #49: We are the Authority

Dopo essersi lasciata alle spalle TLC; la WWE ha voluto dare un ultimo colpo di coda a questo 2018, con l’importante annuncio fatto dalla famiglia McMahon durante l’ultimo RAW. In questa edizione dell’Inside WWE andrò dunque ad esprimere il mio parere sul nuovo assetto degli show settimanali targati WWE, ma non prima di aver fatto una breve disamina su TLC.

TLC

L’evento non si presentava male, anzi proponeva diversi match importanti e interessanti. Un TLC che è stato qualcosina in più del classico show di transizione. Le storyline riguardanti i titoli di coppia di SmackDown e i due titoli femminili non erano nulla di non risolvibile nel breve termine, e non credo che in molti si aspettassero grossi colpi di scena. L’interferenza di Ronda Rousey nel match per il titolo femminile di SmackDown è stato il momento più saliente dell’evento e ha aggiunto un ulteriore tassello alla costruzione di uno dei match di punta della prossima WrestleMania. Non è ancora chiaro se sarà un match 1 vs 1 o un triple threat tra Ronda, Charlotte e Becky Lynch. Io propendo per la seconda opzione, visto il forte coinvolgimento di tutte e tre le lottatrici all’interno della faida. Mancano ancora 4 mesi al Grandaddy of them all, vedremo come si evolveranno le cose. Per il resto, un pay per view godibile ma nulla di indimenticabile. Il booking è stato corretto, alla fine hanno vinto tutti quelli che dovevano vincere. La pecca è stata l’incontro tra Dean Ambrose e Seth Rollins, un match il cui andamento rispecchia quello della storyline che c’è dietro: moscio e noioso, anche se qualcuno l’ha apprezzato. Il match tra Daniel Bryan ed AJ Styles era il più atteso della card e credo di aver commesso l’errore di aspettarmi troppo da un incontro che si è rivelato buono ma non mi ha entusiasmato più di tanto. Ho notato anche qualche pecca nel booking, come ad esempio AJ che prima lavora bene su una gamba del suo aversario per poi spostarsi inspiegabilmente sull’altra. Non condivido il parere di chi gli da 4 stelle su 5.

UNA MOSSA DISPERATA MA EFFICACE

Parliamo adesso di quanto accaduto a RAW. La famiglia McMahon sostanzialmente ha fatto mea culpa sulla scarsa qualità delle ultime puntate dello show rosso e ha promesso al pubblico un importante ed immediato cambiamento in positivo. Adeso saranno loro a tirare le redini degli show settimanali. Quindi cosa cambierà? Nulla. Vince, Shane e Triple H avevano già il controllo creativo sui due show, la differenza è che adesso si faranno vedere di più in teleisione. Ma ciò non significa che il promo di Vince sia stato inutile. Dicendo che Baron Corbin ha svolto un pessimo lavoro da general manager, il chairman ha indirettamente ammesso i propri errori e lo ha fatto davanti a tutti. L’intero promo e soprattutto quel “You are the Authority” di Triple H sono stati ideati per fare un po’ del fan service di cui c’era bisogno per fermare il continuo calo di ascolti dello show rosso e anche per avere un pretesto per introdurre nel main roster il blocco di lottatori provenienti da NXT dei quali c’era bisogno data la carenza numerica di top star o candidati tali, soprattutto nel roster di RAW. Adesso credo che si procederà con il push di gente apprezzata dai fan come Finn Bàlor. Inoltre Bryan Alvarez, durante il Wrestling Observer Newsletter della scorsa settimana disse che il team creativo aveva in mente un’idea riguardo una storyline che sicuramente farà rialzare gli ascolti. Ora non so se si tratti di una storyline vera e propria o se si riferiva a quanto accaduto nell’ultimo RAW. Nell’ipotesi in cui si trattasse di una storyline, non credo che sarà qualcosa di simile a quanto fatto dall’Authority fino a qualche anno fa, perchè si andrebbe in direzione totalmente opposta a quanto detto da Vince a RAW. Credo che si tratterà comunque di una rivalità che vedrà coinvolti i McMahon, magari contro Baron Corbin e Paige che cercheranno di riprendersi il loro ruolo all’interno dei rispettivi roster.

Bene, anche per oggi è tutto. La prossima settimana l’Inside WWE non uscirà e sarà sostituito da un articolo scritto da me e Francesco Iazzi in cui esprimeremo i nostri pareri sul 2018 trascorso dalla WWE. L’articolo uscirà Venerdì 28. Non mi resta che augurarvi buon Natale, l’Inside WWE torna nel 2019!

Francesco Benedetti

Le mie passioni vanno un po' a momenti, ma le uniche costanti sono calcio, serie TV e wrestling. Riavvicinatomi a quest'ultimo all'età di 13 anni, verso i 18 ho cominciato a mettere il naso fuori dalla WWE, con cui ho sempre avuto un rapporto di amore/odio. Adesso guardo ciò che mi interessa, senza focalizzarmi su precise realtà.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com