Buon periodo post-natalizio lettrici e lettori di We The Wrestling, dopo più di 2 anni il Vostro amato Kebbabbaro di fiducia ha deciso di tornare a scrivere e parlarvi di Wrestling italiano, ma a differenza dei miei esimi Colleghi non assegnerò nessun “Premio”, bensì cercherò di analizzare l’intera Scena, passando per ogni singola Promotion attiva nell’arco del 2018. Come nel caso delle Pagelle di Zona Wrestling e degli Awards sempre di ZW e di quelli di The Shield Of Wrestling, tale Iniziativa è stata pensata per generare un dibattito costruttivo e per dare risalto a tutte le Realtà del Panorama tricolore. Per svolgere questo tipo di attività, oltre ad avvalermi degli Eventi a cui ho potuto presenziare dal vivo sono ricorso al vario materiale recuperato su internet tra Social, Siti, Canali YouTube e Database come Cagematch, per fornirvi una visione quanto più ampia possibile. Per eventuali errori, dimenticanze e critiche costruttive chiedo venia e sarò pronto ad accoglierle di buon grado. Detto ciò e dopo questo breve preambolo, direi che è giunto il momento di incominciare con la prima Promotion, ossia la…

Total Combat Wrestling

Sedici show, un tour di 6 date che ha toccato 3 Regioni (Toscana, Lombardia ed Emilia-Romagna, tra cui un evento benefico, la IV° Edizione del torneo “Cuore Ribelle” in quel di Piacenza, il cui intero ricavato è stato devoluto all’Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule e all’Associazione Donatori di Midollo Osseo) e diversi regni longevi terminati o ancora in corso, tra cui spicca fra tutti quello da Rebel champion di Scandalo! durato ben 446 giorni e conclusosi dopo 10 difese in modo controverso, dal momento che ora la cintura risulta vacante e non ancora riassegnata (fino al 13/1, dati di “Pronti alla Rissa” in cui è stato deciso il destino della corona ora del tutto rinnovata, con un nuovo design personalizzato e vinta dall’ex Darkness II). Questi, sono i primi dati che balzano all’occhio quando si parla di una promotion che all’interno dell’ambiente non gode in realtà di una grandissima fama, ma su questo punto ci torneremo tra non molto. Nel corso di quest’anno vi sono stati diversi avvenimenti, tra Ladder match con in palio ben due Allori Estremi (quello Extreme TCW e quello Hardcore dell’ormai scomparsa Rome Wrestling Academy), uno Show con la presenza di Atleti della britannica New Force Wrestling ove è stato anche messo in palio il Titolo Assoluto della NFW, un cambio di Gimmick per Darkness II (ora noto con il Character di Pongo, affiancato dal Midget Didò, alias il fu Frank Bonsai), inserito in una Faida Comedy con Jacob e l’ormai non più sua Camilla (la Bambola che da sempre lo accompagnava), Ritiri (di Mistero aka Cristian Panarari, di Pain e di Carlo Birra, ora GM) ed un Break Bones trionfatore nell’inaugurale e consueta Rebels Rumble con in palio una Title Shot per qualsiasi Titolo TCW e…e altro ci sarebbe da dire, ma penso che vi possa bastare. Ricollegandomi alle parole di prima, nonostante la TCW abbia tra i suoi punti di forza la grande unione di gruppo tra i componenti del suo Roster, una buona esposizione sui Social (molto positiva la presenza di diversi incontri anche di questa annata sul Canale YouTube, punto su cui insistere), un Presidente (Break Bones/Jacopo Galvani) con i cosiddetti “contatti giusti”, un Comparto Grafico di tutto rispetto, la capacità di sfruttare il proprio organico al meglio con Faide e Storyline ed alcuni wrestler che spiccano e che personalmente reputo capaci e volenterosi come The Black Ice, Scandalo!, Rocco Gioiello e Jacob, vive isolata rispetto ad altre Realtà e permane nella convinzione mantrica del “Noi Siamo il Peggio” quando con una maggiore cura ed attenzione potrebbe compiere i primi passi per vedere alcuni dei suoi Atleti bookati di nuovo altrove nel 2019, tuttavia per far ciò servirebbe partecipare a Stage in Italia e/o intensificare gli Allenamenti ed il puntare ad apparire, seppur il Professionismo non esista quasi per nessuno qui in Italia, il più Professionali possibili e proseguendo magari col cambio stilistico nel comparto Cinture, riducendo il numero delle stesse, passando da 4 a 3.

Con le prossime Promotion proverò ad essere molto più sintetico, iniziando dalla…

Wrestling Italiano Veramente Autentico

Una girandola di cambi dirigenziali, tanti, troppi titoli per un Roster esiguo e parecchi passi falsi, come l’allontanare Atleti fedelissimi quali Saetta Nera e Turbo o il non dedicare la dovuta attenzione alla qualità di alcuni Segmenti rilasciati su Facebook (cambi del Titolo d’Irpinia RFC e filmati su annunci e modifiche interne ai piani alti). È davvero triste constatare che della WIVA delle origini ormai non esista più nulla. Nel 2018 vi è stato un evento in Emilia – Romagna (WIVA Nuova Era) che ha visto la partecipazione di alcuni elementi della Scuola Italiana Wrestling, nonchè la messa in palio del Titolo Wild e l’incoronazione di nuovi campioni Social, d’Irpinia, Assoluto e di una Campionessa. Sicuramente il punto più alto dell’intera annata, dal momento che il tanto tribolato “Revenge Special Edition III” in collaborazione con la Revenge FC nel Lazio si è rivelato essere un incontro per la riassegnazione del Titolo Mondiale della Revenge in un 3 Way ad eliminazione nell’ottagono con due Rookies coinvolti. Novizi che per inciso sono anche detentori di gran parte degli Allori della Promotion. Sì, è stato stipulato un accordo con l’emittente televisiva locale DI.TV per la distribuzione del wrestling made in WIVA, tuttavia sarebbe più opportuno per il direttivo (che vede in Marco Folloni una delle figure di riferimento) intensificare le collaborazioni con altre compagnie valide come la SIW e pensare anche ad un periodo di fermo per gli eventi, per poter dar maggior risalto nel formare gli allenatori nei poli d’allenamento e per consentire a lottatori e lottatrici come Carnera e Darkness Giulia di poter migliorare ed affinare le proprie doti e capacità e limare i propri limiti e difetti, stesso dicasi per El Rey Zero/Paziente Zero e JT9, per poter così smentire i detrattori e risalire la china durante il prossimo anno. È proprio il caso di dire o la va o si rischia seriamente di scomparire, ora o mai più.

Mi sono dilungato di nuovo e qui c’è ancora molto da scrivere, quindi si va diretti alla…

Italian Wrestling Superstars

Il “Capodanno” per la Promotion creata da El Dinamico nel 1997 è iniziato il 30 Dicembre con una Kermesse che ha rappresentato il traguardo dei 21 anni di attività. Nello specifico, sarà “American Wrestling Showdown” in Piemonte (con la presenza dell’ex WWE Carlito) a concludere la lista degli Eventi dal vivo iniziata con una 6 giorni a Marzo all’ombra della Mole e continuata con una 7 giorni, prima sempre in Piemonte ed in seguito nel Lazio nell’ambito della Fiera “That’s America” e proseguita con le Tappe estive dell’ “American Wrestling Summer Show” (ancora in Piemonte, casa storica dell’IWS ed in Liguria) per un totale di 5 giornate. Un ruolino di marcia notevole, considerando anche le apparizioni su Canale 5 nel noto Programma “Paperissima Sprint”. In più non si può omettere come le grafiche pubblicitarie, i video promo, gli agganci mediatici, la cura del proprio sito web (meno sul fronte YouTube), l’essere stata inclusa nell’offerta di wXw NOW, il Network della nota Compagnia tedesca (dal costo mensile di 9,99 €), siano tutti punti in grado di far apparire questa storica promotion come una major nel panorama nostrano, se non fosse che… come nel caso della WIVA non si possa reperire materiale recente in ambito di incontri in rete. Se non fosse che la tattica del contattare l’ex WWE o fu TNA di turno per poi inserirlo in match 3 vs 3 o scelte similari per fargli fare il compitino non sia un modus operandi vincente. Se non fosse che le Card degli Eventi non vengano mai annunciate completamente e gli acquisti a scatola chiusa in ambito Wrestling, almeno qui, non siano consigliabili. Se non fosse che con il prezzo di un VIP Pass IWS, un fan generalista o navigato può andarsi a seguire la WWE in piccionaia o due se non 3 Spettacoli di altre Compagnie nostrane, potendo conoscere quasi sempre in modo totale chi o cosa andrà a vedere. Se non fosse che il Titolo Intercontinentale e Assoluto non vengono difesi da almeno 2 anni e se non fosse che le pesanti critiche mosse da Michael Kovac e Bobby Lashley non possano essere ignorate. In più, lottatori come Leo Cristiani, Deimos (conquistatore del Titolo Massimo della Romanian Pro Wrestling), Antonio de Luca ed Italian Dream (anche lui molto richiesto in RPW, suo il match proprio in wXw questo novembre contro il fu Crixus) dovrebbero esibirsi anche qui in Italia, senza vincolarsi alla propria casa madre. Nell’arco del 2019 sarebbe auspicabile per l’IWS un cambio su tali aspetti.

Niente, è davvero ardua essere sintetici, vediamo se sarò più stringato e rapido con la…

Power Wrestling Entertainment

Un solo show per la realtà lucana (“PWE Fight 3”), vista anche la sfortunata sorte occorsa nel periodo estivo all’evento “Final Fight” , tuttavia le Collaborazioni con l’IWA durante il suo Summer Camp (in cui han figurato i wrestler Bonettishow, Virgil Della Rocca ed il presidente Koba), ICW (con 2 sfide per l’Undisputed Title) e l’FCW (vedasi i regni di TG come Undisputed Champion dopo quello di Max Peach e degli Headhunters come Tag Team Champions, succeduti ai The Bad People, JK & Victor Kramer) e la RSWP (in cui tali Corone son state messe in palio) han comunque consentito di non rendere l’anno infruttuoso. Adesso per la Dirigenza PWE l’obiettivo dovrà essere quello di smussare ogni possibile difetto e riassestarsi, concentrandosi sull’acquisto di un nuovo ring, sulla preparazione dei Trainee, sul cambio stilistico delle Corone (includendo anche quella Italiana di Rocky Laurita), sugli Allenamenti in generale, sfruttando ogni possibile occasione utile, il tutto agendo con calma e senza affrettare i tempi.

Ora invece è il turno della…

Bullfight Wrestling Society

Un solo Evento prodotto in Lombardia (Hail To The King) che nel complesso si era rivelato interessante, con la possibilità di proseguire le Storyline in corso (per il titolo Gore tra Mirko Mori ed Akira con il coinvolgimento del primo Campione David “Lo Scarto” Silas come futuro Special Guest Referee, ritiratosi per mano di MM, quella con protagonisti gli Headhunters Detentori delle Cinture di Categoria in rotta con la dirigenza e per il Titolo Assoluto, presentato ed assegnato proprio quella sera, dopo l’Iron Man match di 30 minuti tra Nick Lenders e Nemesi, con NL come sopravvissuto) e di costruirne di nuove (The Revenge vs SSSJr + Kyo Kazama) ed invece dopo marzo tutto si è arenato: Kronos & The Entertrainer han reso vacanti i Titoli di Coppia mentre Mori e Lenders sono stati spogliati degli Allori. Dopo l’Adriatic Special Combat Academy, la Maximum Aggression Wrestling e la European Pro Wrestling, la BWS è la quarta Promotion ad essersi presa un periodo prolungato di pausa, vedremo come e quando essa si ripresenterà.

Adesso invece ci si avventura al sud trattando la…

Real Italian Wrestling

Anche per la Promotion messinese, abituata a proporsi al pubblico soprattutto durante il periodo estivo, vi è stato modo di esibirsi solo in un Live Show in cui sono stati incoronati dei nuovi Campioni Hardcore, Assoluto e per la primissima occasione è stata presentata la Cintura Grand in un incontro che comprendeva anche l’IWE CrossRoad Title. Un vero peccato, dal momento che l’intero Roster (per fare dei nomi, oltre a chi sarà nominato tra poco, El Nazareno, Stone Dog, Raider e Original Italian Tiger) dovrebbe provare ad oltrepassare i confini siculi, considerando che l’atleta più noto e richiesto risulta essere soprattutto G King (suo il lungo Regno con la cintura CrossRoad durato ben 13 mesi) con dei booking ricevuti in Francia (ICWA, FECS e CACE) e Belgio (Superstar Wrestling). In più, sarebbe opportuno per il 2019 rendere fruibili gli incontri storici e recenti su Facebook e YouTube, con la creazione di un Canale apposito ed intensificare la realizzazione degli Spettacoli ed anche in questo caso, la presenza di ben 3 Cinture per un pool di lottatori non massiccio, seppur coeso ed affiatato, risulta superflua.

Adesso ci si addentra in Liguria con la…

International Wrestling Entertainment

Le Collaborazioni con la RIW, la KOX, il BWT/la Megastars, l’SIW, l’FIW e l’FCW, il Progetto Lucha Cantera per le nuove leve, l’aver ospitato Difese di Titoli esterni come quello PWLE e l’Extreme Title KOX, l’aver continuato le convocazioni di Wrestler europei, tra cui spicca su tutte quella dell’ex WWE-NXT e TNA Tom LaRuffa e l’aver concluso quest’anno con 4 Eventi sono tutte note positive per la fu PWE Academy di Genova. Il 2019 si aprirà con la conferma di Sami Grayson come Detentore dell’IWE Title (dopo una lunga rincorsa con superamento dell’ex Campione Alex Gorgeous) e con un neo CrossRoad Champion, Fabio Ferrari e soprattutto con la consapevolezza di poter lavorare per dar risalto ai volti nuovi apparsi di recente come ad esempio Malto. I consigli che mi sento di dare all’IWE sono relativi ad una maggiore distribuzione dei loro incontri su YouTube e all’intensificare gli sforzi lodevoli sul piano della Grafica delle Locandine.

Vi sono ancora diverse Promotion da analizzare, perciò senza sosta è arrivato il momento della…

Wrestling Mantova KOX

Per la Realtà lombardo-veneta l’anno appena conclusosi ha portato in dote diversi accadimenti positivi : 4 Eventi, 2 apparizioni (una alla “Uomo Tigre Night”, con la partecipazione dello storico Doppiatore di Mister X Nino Scardina e l’altra al Modena Nerd), un cambio ai vertici tra Manuel Bottazzini e Grudge Il Buttafuori eterni amici-rivali, per l’alloro Undisputed/Lombardo-Veneto, il ritorno di Luke Zero, assente per ben 6 mesi, il primo incontro dai toni seri tra il Leader del Black Cult Nicolò Ferrari e Clint Margera (di ritorno dopo i trascorsi in MAW) per il 24/7 Title della Rising Sun in un contesto Hardcore, di solito inserito in Siparietti Comedy, la presenza al primo Show di una Federazione appena affacciatasi nel Panorama nostrano (poi ci arriveremo), il continuo investimento sulla Categoria Juniores ed il primo storico Barbed Wire Steel Cage Match svolto in una Gabbia da MMA (scelta davvero rischiosa, anche se entrambi i Lottatori coinvolti siano avvezzi a stipulazioni poco ortodosse) con la riconquista del Trono della Divisione Extreme da parte dell’ Illuminato ai danni di Aaron Cage. Sfortunatamente non sono mancate le vicende negative, come l’abbandono di Phoenix e soprattutto l’andamento del Format Web KOX TV, pensato anche per dare maggiore visibilità e spazio ai giovani Trainee e rivelatosi poi a livello qualitativo generale non adatto allo scopo, fin troppo improntato sul Comedy e raffazzonato. L’Iniziativa tuttavia a livello concettuale potrebbe essere riproposta in futuro, con maggiore cura ed attenzione. In ogni caso al momento sul lato tecnologico sarebbe una buona scelta quella di dare una rispolverata al Canale YouTube Ufficiale, per fornire ai fan gli incontri sia in formato sintesi che a livello integrale ed ovviamente, sempre rimanendo sul fronte delle critiche costruttive, ok il voler partecipare solo a Collaborazioni valide, l’essenziale però sarà non confinarsi in un angolo limitandosi ad accettare solo specifiche richieste di booking. Un ultimo appunto sui Report presenti sulla Pagina Facebook: il “cazzeggio” non dovrebbe essere percepito come deleterio, solo che andrebbe dosato e calibrato meglio. L’anno nuovo potrebbe già offrire sulla carta degli spunti interessanti, grazie al Seminario con Red Devil/Fabio Ferrari datato 2 Febbraio, antecedente allo show “Ribellione” (il cui Main Event sarà lo scontro tra FF e Grudge per la Corona Indiscussa), bisognerà quindi non sprecare questa ed altre opportunità, interne o esterne che siano.

Ora sono in arrivo due Sigle legatissime tra loro…

Scuola Italiana Wrestling / WildBoar & Federazione Italiana Wrestling

Pur essendo due Progetti differenti, la SIW e la FIW risultano estremamente vicine, condividendo spesso gli stessi Atleti e mettendo in scena parecchi Spettacoli in comune. Infatti la lista dei loro Eventi nel 2018 è stata molto lunga, con numerose incursioni, anche con le tappe del “WildBoard Summer Tour” in diversi Festival e Fiere basati sugli anni ’80 e ’90, sugli USA, sul Luppolo, sui Fumetti, Videogames ed affini (Modena Nerd), sulle Moto (Moto Convention) e per le primissime volte, oltre a toccare diverse località toscane e piemontesi, entrambe si sono spinte fino in Lombardia al Cartoomics (consolidando la consuetudine made in federazione italiana di esibirsi in stile Cosplay) e nel Lazio allo Sport & Food, in più va fatta menzione del nuovo Format della SIW, il cui primo Capitolo ha avuto luogo a Pisa al Deposito Pontecorvo, Location spesso impiegata per Concerti e Show dal vivo. Per la FIW bisogna invece per forza segnalare pure la Kermesse avvenuta al PalaEolo ( ” International Collision ” ) con la presenza di LaRuffa, mentre sempre per la SIW, a livello tricolore, non si può non citare “Il Giorno del Giudizio XII”, serata clou arrivata alla sua II° Edizione (le altre 10 vennero realizzate con il marchio 2PW), dove tra i numerosi avvenimenti vi è da sottolineare la conclusione del Torneo atto a stabilire il I Campione Italiano della SIW, con Finalisti Fabio Ferrari e Tempesta, col trionfo di quest’ultimo. Su tale argomento ci torneremo tra pochissimo. Volendo infatti parlare delle Cinture Academy (passata da Adriano a Dylan Rose), Tag Team (alla vita prima dei Latin Lovers, poi degli Space Sharks e di nuovo sulle spalle dei Lovers), Wild (a lungo in mano ad Alex Flash, per un buon lasso di tempo in possesso dello svizzero Cash Crash, nel recente passato in FCW, FIW e Megastars, ed infine agguantato da Picchio Rosso) e Massima quasi, se non tutte, recanti i Loghi di entrambe le promotion, sul piano gestionale, hanno avuto il giusto risalto, compresa quella Silver della EPW ad appannaggio di Ferrari dal momento della sua istituzione. A tal proposito, si parlava di Titolo Italiano: una grande sorpresa è stata di certo quella di affidarlo poi a Chris Silvio, Lottatore statunitense con apparizioni televisive e non in ROH, WWE (NXT) ed Impact Wrestling, con la conseguente creazione del Brand SIW USA, con all’attivo un I Show (tra cui spiccava il nome di Matt Sydal, sfidante di Silvio nel main event) ed un II (svoltosi in data 5 gennaio 2019, tra i partecipanti ha figurato il ben noto Andrew Everett) che fa ben sperare per future occasioni per i componenti dei 2 Roster e non solo. La Star d’oltre oceano ha avuto anche l’incarico di Trainer durante i mesi estivi, segno di come la SIW voglia sfruttare queste opportunità fino in fondo, cogliendone anche di nuove, come l’avventura di Alex Flash in Inghilterra dalla Leggenda Marty Jones nelle vesti di Formatore, altra occasione che ha permesso di creare contatti non da poco. Infatti la SIW nel mese di Gennaio organizzerà una due giorni di Seminari con ben 4 Coach di nazionalità inglese (Jones), svedese (Fabian Steinbolt), americana (Silvio) ed italiana (Flash) e subito dopo lo Show “War Of The Worlds” con diversi ospiti Internazionali tra i quali Joseph Conners (NXT UK) ed il tutto verrà filmato e reso disponibile in Inghilterra ed America. Insomma, il 2018 si è chiuso con diversi lati positivi (tra cui anche la conquista da parte di Ferrari dell’Intercontinental Tite della tedesca Power Of Wrestling, la consapevolezza di avere dei validissimi elementi come Flash, Picchio Rosso, Rafael & Bongiovanni, Incubo/Wave & Darko/Killer Mask, Jet, Verga, Adriano, ecc… e di avere dei Lottatori richiesti in Italia e all’estero) ed il 2019 potrebbe davvero aprirsi con il botto. Come consiglio, siccome sul fronte Grafico e della Pubblicità entrambe dimostrano di sapersi difendere molto bene, per la FIW sarebbe opportuno investire su YouTube (infatti se per la SIW tale piattaforma è ben gestita, tra il Commento ai match di Gib e Bob ed i video stessi, per la FIW tutto ciò risulta assente) e per entrambe invece, come per altri, dovrebbe sempre valere il discorso del collaborare il più possibile con sigle esterne, per non rischiare di esaurire le combinazioni e di ripetere poi gli stessi incontri.

E per restare in tema “connessione”…

I Miti del Wrestling

Ebbene sì, la Promotion creata da Michele “The Myth” Ippolito ha una strettissima interconnessione con la SIW e la FIW, basta pensare che il II show ha ospitato nell’opener la sfida per stabilire i primi Campioni Tag Team della Scuola e nel III la battaglia per il Wild Title, rinverdendo i fasti della lunga e complessa Faida tra Alex Flash e Picchio Rosso, eterni nemici-amici. Pochi Eventi (due appunto, “Tempesta su Napoli” e “Naples Slam”, distanziati tra loro), ma davvero ricchi e coinvolgenti, in un mix di Scena italiana (con il coinvolgimento anche dell’IWA e di wrestler come Max Peach ed Entertrainer) ed Internazionale (Saxon Huxley, Candyfloss, entrambi NXT UK Star e Jayde, bookata in precedenza in RSWP), allestiti in una Location (la Fonderia Righetti a San Giorgio a Cremano) adoperata nel migliore dei modi, con un pubblico molto caldo e partecipe. Pur trattandosi di una Realtà Indipendente l’impostazione degli Spettacoli è pensata per attrarre soprattutto curiosi o neofiti totali poco avvezzi a questa Arte, senza però lesinare sulla qualità degli incontri ed offrendo delle Card degne di nota. I nomi bookati variano tra Veterani come il fu Red Devil/Ferrari, Tempesta e Karim Brigante a nuovi prospetti come Adriano, Thunder Kid, Scanner, Davey Fusaro e Ricky Awesome e appunto Star estere, poche e selezionate per interessare anche le famiglie. Non mancano i “Guest Host” come il Fighter Vittorio Marotta o la Personalità Televisiva Anna Trieste (scelta che potrebbe far storcere il naso, anche se la loro presenza non ha nuociuto agli intermezzi in cui son stati coinvolti) e perciò gli aspetti appunto più legati all’Entertaiment, ciò nonostante ci sono stati degli allontanamenti dai Canoni PG WWE, come nel caso dell’ Intergender match tra Miss Monica e Karim Brigante con lo stesso padre-fondatore come arbitro speciale. La certezza di una prossima data (24 Marzo), l’ipotesi d’introdurre una Cintura Ufficiale, l’intenzione di un possibile cambio di Sede e l’idea di assicurarsi una Figura Leggendaria (chissà…) sono presupposti interessanti, come il voler proseguire nella diffusione del proprio Prodotto in Rete ed in più con una Telecronaca (affidata ad Antonio Sannino, Francesco Iannone e Raffaele Musella). Per questo 2019 non sarebbe un’opzione malvagia proporre lo scontro non avvenuto tra Tempesta e Chris Steel e portare davvero un nome “Indypendente” di richiamo per invogliare gli appassionati più accaniti, oltre a trasformare la Federazione partenopea in un luogo ancor più ospitale per qualsiasi perfomer.

Gli ultimi mesi dell’anno appena trascorso sono stati caratterizzati anche dalla formazione della…

Mayhem Wrestling

Atletismo, Serietà, Professionalità, Disciplina, Impegno: questi i Cinque Pilastri su cui si basa la Creatura del “Master” Emanuele Cucurnia, del Coordinatore Silvio Saccomanno e di tutti gli elementi che ne compongono il Direttivo. Nomi conosciuti a chi frequenta l’ambiente, in special modo i primi due, per essere stati (ed essere ancora) le figure chiave dell’ASCA insieme ad Andrea Tagliabue e Michele Meardi. Ideologicamente infatti, vi sono dei parallelismi, come il voler optare per una Struttura Fissa (nello specifico, il Teatro Binario 7 di Monza, in Lombardia), l’aver introdotto come primi Titoli quelli di Coppia (battezzati “Dual Force”) e, scelta che quasi sta a simboleggiare un voler trarre spunto da una Storyline che avrebbe potuto proseguire proprio nell’ex AWL, ossia il voler ampliare la Faida tra Paxxo e Max Peach, scaturita dai fatti di “Great Beyond” dove venne coinvolto suo malgrado lo stesso Saccomanno. Le similitudini però si fermano qui, dal momento che le intenzioni della MW sono quelle di realizzare Eventi concatenati tra loro (un po’ come avrebbe voluto agire la BWS, da cui per puro caso si è attinto per dare nuova linfa agli alterchi tra i Revenge/Gozaldo Team Racing, Bottazzini & Grudge vs Spaghetti Strong Style Jr, Daniel Romano & Big Charles, con l’aggiunta dei Same Blood, Aaron Cage ed il rientrante Sagwon) senza che essi siano troppo distanziati l’uno dall’altro. Per questo dopo “Roots Of Mayhem” (Opera Prima ove tra Opener fra Pesi Leggeri avvezzi allo Striking ed anche al Mat Wrestling come Mirko Mori e Luke Zero,Comedy e non solo tra Gianni Verga e Gene Munny, visto tempo addietro in Rising, uno scontro Titolato di Coppia che seppur intaccato da qualche pecca di troppo, ha offerto sorprese non da poco, come il VAR, una sfida all’ultimo respiro tra Max Peach ed Eron Sky, un match Femminile breve, ma decoroso tra Mary Cooper e la sedicenne Alyx ed un Main Event assai solido tra Paxxo e il wrestler canadese Vaughn Vertigo, non ha di certo fatto mancate le basi per una degna prosecuzione) il 16 febbraio vi sarà “King or Nothing” sempre al Binario 7 e dopo il trionfo dei fratelli Cage & Sagwon come Dual Force Champions, sarà deciso il primo Campione della Mayhem in un’aspra battaglia tra Paxxo e Peach. Le probabilità di un 2019 pieno di di soddisfazioni sono elevate, grazie anche a delle ottime Grafiche, ad un Roster scelto con cura (dispiace per l’assenza di Ashley Dunn, che quasi sicuramente sarà bookato di nuovo), a dei piani a lungo termine e alla voglia di volersi imporre in un territorio (il Nord Italia), per nulla scevro di altre Compagnie parecchio valide. Molto positiva poi la scelta di Vertigo, mai visto sui ring italiani come l’intenzione di non precludersi delle Collaborazioni (vedasi anche il quadrato, di proprietà dell’FIW) e il non avere blocchi mentali (consentendo la realizzazione del Segmento Comedy-Trash tra King El Monnezzico e Dario FashionBlogger per il Titolo 24/7 della Rising, avulso e slegato dallo Show, realizzato prima dello stesso). Carina anche l’idea di voler proporre delle Mini-Interviste post match, affidandole a Michael Pepsiplunge e di invitare MaxIsAwesome92, realizzatore di un successivo Report sul suo Canale. A tal proposito però, servirà lavorare meglio sul progettare i Segmenti nel Backstage, nello specifico sulla qualità delle Riprese e dell’Audio (vedasi l’Angle tra Paxxo e “Cucky”), concentrarsi sullo riempire completamente la Location e l’immettere via Web le riprese del primo Evento (realizzate da Moreno Bernasconi).

Dodici Sigle trattate, ne mancano sei, quindi senza indugio si va verso il binomio…

Bologna Wrestling Team & Wrestling Megastars


Lodevole il percorso della Compagnia emiliano-romagnola guidata da Max Malpensa, con diverse Trasferte estere di Red Scorpion, Leon, Nico Narciso e VP Dozer (a Malta in PWM, di cui Scorpion è stato Campione inaugurale della Divisione Tag insieme a Leon, nel Principato di Monaco, in Austria per la EWA e UKWA, in Germania per la POW e la NEW, in Inghilterra nella BEW, in Svizzera per la Pro Wrestling Live Events, idem come sopra per la Corona Massima, alla vita di RS, in Kuwait nella WWC locale ed in Pakistan per la ROP). In Italia invece i rapporti di maggior cooperazione sono avvenuti con l’IWE, l’ICW e specialmente con la RSWP con booking (Jason Cain, Trucker, Narciso, Scorpion e VP Dozer) e reciproche Difese Titolate ( Alloro Massimo nella prima e Titoli di Coppia nella seconda in due diverse occasioni), Segmenti Cmedy Benefici, Eventi Congiunti (Tattoo Convention a Ferrara ) e Tapings relativi a “The Kave” (un Progetto di cui per ora si devono ancora veder comparire i frutti nel Web), per un totale di 11 Show, sia singoli che concatenati (That’s America Festival e Modena Nerd). Con i due Eventi della WM invece (volendo semplificare al massimo, una versione Internazionale e Major del BWT) ci si è spinti anche in Lombardia, a Milano col “Mega Wrestling Show 2” al Teatro Principe e poi di nuovo in Romagna , a Forlì con “La Notte Dei Campioni”, al Palasport di Villa Romiti e se di solito negli Spettacoli del Team gli stranieri sono una ristretta componente (come Gianni Valletta e Drake Destroyer), nelle due Kermesse i Lottatori esteri non sono mancati (Mike Verna, selezionato già in IWA ed ICW, contrapposto a Narciso, LaRuffa, messo contro VP Dozer per tentare di mantenere il monegasco MC Title, Belthazar, fondatore della Pro Wrestling Live Events ed inserito nella sfida ad eliminazione a 6 Uomini per il Rising Sun Trophy, Kenzo Richards, da tempo in Faida con Giuseppe “The King” Danza, Destroyer e Valetta, in Squadre opposte, Team Vincente per uno e I Mastini per l’altro, Tajiri, Stella nipponica ex WWE ed ECW ora in All Japan Pro Wrestling, Sfidante temibile per il PWLE Title di Scorpion e Chris Masters, ex lottatore WWE ed Impact Wrestling, avversario ostico per il fu BWT Champion Leon) come le sorprese (la conclusione del Regno da Campione Assoluto del “Gorilla Bianco” dopo 560 giorni di Regno e 10 Difese ad opera di Danza). Da lodare poi la scelta della Prezzistica (più in linea con gli standard generali), il voler coinvolgere anche in questo caso Creatori di Contenuti come Pepsiplunge ed Awesome (anche per la Kermesse milanese è possibile reperire un Report), le ulteriori Collaborazioni, stavolta con la SIW (ospitando un incontro Titolato di Coppia), l’interesse nel voler contrapporre gli Import contro i Talenti nostrani, l’impronta ibrida tra Major ed Indy, la Pubblicità dei propri Spettacoli e l’organizzazione di Seminari. Infatti, saltati quelli con l’ex TNA Robbie E (come mai avvenuto è stato il suo incontro con RS), per la prossima data (26 gennaio ad Imola), vi saranno 2 Formatori (Masters il 25 e l’austriaco Chris “The Bambikiller” Raaber il giorno stesso) per un duplice Stage, segno di come si voglia offrire un’opportunità di crescita aperta a tutti, rimediando pure all’inconveniente di cui sopra. Come critiche costruttive mi sentirei di suggerire un’impostazione meno “caciarona” ai Video Promo di Danza, di non ricorrere a scenette evitabili come quella con “Il Gorilla”, di inserire all’interno delle Card BWT e Mega dei match Femminili (dal momento che Lydia Shaw, spesso presentata come Manager, si è battuta solamente in un incontro, quello con Mary Cooper e nulla più) e di conferire importanza ai Canali YouTube, totalmente privi degli incontri di questa o di altre annate.

A chi tocca adesso ? Ah, giusto…

Frontier Championship Wrestling

La Creazione di Giacomo Giglio aka The Greatest ormai da tempo è in grado di coinvolgere il proprio pubblico con un numero consistente di Show (ben 13 nel 2018, anche in questo caso con eventi multipli), espandendo il proprio raggio d’azione, uscendo dalla Lombardia e dalla Palestra Marconi di Pero (Milano) per arrivare fino in Toscana (a Viareggio, in occasione del Darsena Comics), collaborando non solo con la Rising, ma anche con la PWE e l’IWE, fino a giungere ad un Accordo di Interscambio di Talenti (seppur relativo ad un solo Show a testa) con la Promotion britannica Apex Pro, la cui Cintura più prestigiosa (l’A Division Title) è stata alla vita dell’Italian Immortal . Gli Allori della Promotion, ossia quello Hardcore (detenuto 2 volte da Larry Demon e poi da Insanity, Brutus, TG, The Entertrainer, Horus e Kronos), di Coppia (passati da Knifie West & Matt Disaster a AB Knight & Pasquale O’ Malamente fino agli A2A, Joe Lando & Harrison Bourne) e quello Principale (ad appannaggio di Greatest prima e Chris Tyler poi) sono stati ben sfruttati ed in generale ben gestiti, come i coinvolgimenti dei The AbusiveGame e di Francesco Zerini del The Wrestling Corner. I nuovi debutti (Psycho), gli ottimi rapporti con il Comune, ove l’FCW si è ritagliata una buona considerazione, la nascita di una Stable, la HeadHunters Army (The Entertrainer, Kronos & Matt Disaster), il mantenere inalterati i lati più appariscenti ( Luci, Titantron, Macchina del fumo, ecc…), i progressi notevoli dei giovani usciti dall’Academy come AB Knight, lo star rendendo finalmente disponibili i filmati degli Spettacoli pregressi e la Pubblicità (Grafica e non) sono altri punti a favore. Da correggere ci sarà sicuramente l’affidarsi ad un numero eccessivo di Import, perchè va bene il voler garantire a quanta più gente possibile un’occasione internazionale, tuttavia vi sarebbero diversi Wrestler italiani non ancora presi in considerazione da poter bookare, anche per creare delle Card mai viste prima, con abbinamenti intriganti.

Ultime 3 Compagnie, si va nel Lazio con la…

Italian Wrestling Association


Pur essendo attiva da meno di 2 anni e mezzo, la realtà ciociara pensata e voluta da Diego Piacentini, ha saputo nonostante le numerose difficoltà, inserirsi in una zona (il frusinate) scevra e priva di Wrestling e dopo qualche cambio di Location, ha individuato nel Palazzetto Dello Sport di Tecchiena (Alatri, FR) la sua attuale e futura casa. Nei mesi dell’anno da non molto volto al termine, l’IWA ha saputo mantenersi costante nel confezionare i suoi eventi (8 in totale), tra i quali ha spiccato il Camp Estivo di 3 giorni con Karim Brigante e Darrell Allenn come formatori inserito nella Manifestazione degli Holistic Days. In quella cornice son poi stati designati i primi Campioni Cruiserweight (Flyin’ Gabriel) ed Heavyweight (Chris Steel, subito spodestato da Brigante), dopo la conclusione dei 2 Tornei appositi, rimaneggiati per ragioni di Storyline. Esempio lampante ne è stata l’intensa Faida tra gli ex fratelli della Roman Dinasty Flavio Augusto e Dave Blasco (Trainer della Scuola di Frosinone), una delle storyline migliori proposta dall’IWA nel 2018. Sempre per rimanere in tema, vi son stati svariati momenti di rilievo : Turn ( Face per David Karm e Gabriel, un possibile voltafaccia Heel di Ricky Awesome ed un totale cambio di attitudine da parte dello stesso Proprietario), cambi di Titoli (il trionfo di Awesome su FG ed i rocamboleschi passaggi dell’Alloro dei Pesi Massimi, anche esteri in World League Wrestling, tra CS, DB, John Webb, Jack Gamble e le 3 vittorie di KB, attuale Detentore), Ritorni (di Jimmy Barbaro, per rivendicare un’opportunità al Titolo dei Pesi Leggeri), I volte tricolori illustri (quella di Andres Diamond, Veterano, DJ, Conduttore TV e Telecronista di Sky), debutti (di Davey Fusaro, de Il Grillo e di Suex, quasi tutti Trainee IWA), abbandoni (quello di Max Peach, estromesso in maniera assai controversa dal Roster dopo un Loser Leaves Town) e formazioni di Stable ( la The Difference, composta dal Manager ed ex Arbitro Filippo Malvezzi, da Chris Steel, da Dave Blasco e di recente da Diego Piacenti, palesatosi proprio sul finale di Peach vs Steel ). Tutti accadimenti che han movimentato e non poco i vari Spettacoli, come le Difese di Corone esterne straniere (Missouri Wrestling Revival/NWA Missouri Heavyweight Title di Karim e del WLW Championship di John Webb) ed italiane (le altre 2 sfide, di cui una con venature serie, per il 24/7 Title della Rising si sono svolte infatti tra Karm, sostituto di Michael Pepsiplunge e Dave Blasco, con 3 cambi a strettissimo giro) e le varie battaglie Local vs Import (molti i Performer europei ed Internazionali che han calcato il ring dell’IWA come le Superstar ora ad NXT/NXT UK Candyfloss, Jack Starz e Mike Verna per proseguire con Jayde, i già più volte citati Webb, Allenn e Gianni Valletta, l’ex wXw Women’s Champion Melanie Gray, il cileno Eddie Vergara, Kyle Ashmore e uno dei simboli della CHIKARA, Ophidian, coinvolto in uno dei match più belli della Promotion, ossia il fantastico 3 Way con KB e la Queen Of The Ring USA 2018 Miss Monica). Stranieri selezionati non solo per figurare in modo logico nelle Card, quanto bensì per la conduzione quasi sempre di Seminari (in aggiunta ad esempio a proposte come lo Stage sul Tag Team Wrestling con Blasco & Augusto ), atti alla crescita di chiunque volesse parteciparvi. Come altre note di lode da sottolineare vi sarebbero anche l’aver ideato un Format specifico per i Rookies (Future Of Wrestling), una vera e propria vetrina per gli Allievi, l’aver insistito e migliorato il contorno scenografico ( Schermo, Fumo, Luci, audio, Tunnel per gli ingressi e via elencando) e l’aver ricominciato a proporre standard qualitativi più che degni con le riprese reperibili su YouTube. Il 2019 potrebbe offrire tante soddisfazioni all’ IWA e ai suoi fan, data la mole non indifferente di Show in programma (a cominciare dal 12/1 con “La Battaglia D’Inverno 2” per un totale attuale di 6 Eventi seguibili, questi come i successivi che saranno annunciati, anche tramite diverse forme di Abbonamento, tra Bordo Ring, Tribuna e per i Bambini ) e l’invito da parte di Powerbomb.tv ( ora IndipendentWrestling.TV ) al WrestleMania Weekend, mentre la riproposizione del Summer Camp (con la Coppia sul ring e nella vita Brigante & Monica e l’ex WWE-NXT e ROH Bull James alias Bull Dempsey come Coach) potrebbe giovare ai Wrestler della Sigla stessa come a molti altri. Però proprio per non esaurire e terminare ogni possibile intreccio, bisognerà lavorare su nuove Collaborazioni, non solo con i Miti e la Rising (dove Flavio Augusto, eccezionalmente nelle vesti di Heel ed affiancato da Mr.-Filippo-Malvezzi è stato contrapposto a Miso/Miroslav Mijatovic, risultando poi sconfitto) quanto con qualsiasi Compagnia italiana disponibile e si dovranno intensificare gli sforzi nella promozione del proprio Marchio (nello specifico, aumentando l’offerta sul Servizio On Demand di cui sopra) e la Pubblicità in loco con Grafiche e Locandine con una qualità sempre più in salita, oltre a far fruttare ogni possibile Partnership, come quella con la portoghese Centro de Treinos de Wrestling e contemplarne di nuove (magari con la tedesca NEW del former WCW Cruiserweight Champion Alex Wright dove Augusto e Mr.Neckbreaker sono stati bookati di recente), oltre a futuri tentativi di espansione oltre i canonici confini, puntando a città limitrofe a Roma se non alla Città Eterna stessa, iniziando da Fiere e Convention. In più, come ultimo avviso costruttivo, per quanto concerne gli Arbitraggi, per evitare di far svolgere ai trainer un doppio impegno, consiglierei di trovare un Arbitro che possa svolgere esclusivamente quel ruolo specifico.

Penultima Sigla, rotta in direzione della…

Rising Sun Wrestling Promotion

Tante prime esperienze e novità per la Compagnia di Fabio Tornaghi, ad iniziare dal trasferimento quasi esclusivo dei propri Eventi nella medesima Sede dell’FCW, per proseguire con la presenza congiunta insieme all’ICW a due delle tre giornate del Cartoomics e le 2 date al Brianza Comics (occasione in cui, in aggiunta all’incontro per la Corona Extreme KOX, han fatto il loro debutto gli SSSJ, Big Charles & Daniel Romano, Emanuel El Gringo e Matt Mahoney). In più, nel corso dei suoi 12 show (7, considerando i vari Stage 1 e 2 come I e II parti di un singolo spettacolo) la Rising ha presentato la propria versione del Money In The Bank ( la Plata En La Caja, Title Shot non ancora sfruttata dal suo Possessore, Hardcore Cassi, uno dei diversi volti nuovi della Sun ), il confronto tutto al Femminile tra Jokey (conosciuta anche come Aivil in Insane Championship Wrestling) e l’americana Holidead ed una Competizione mai proposta, accomunabile alla Super 8 Cup dell’ASCA, ma a Squadre (l’International Tag Team Tournament, con i Brixia Bone Breaker, Mirko Mori & Nick Lenders come trionfatori). E non volendo tralasciare le diverse altre aggiunte e sorprese, la RSWP, oltre alle sue abituali Cinture (24/7, al momento clamorosamente sfoggiata da Dario FashionBlogger dopo il Trash Non-match con King El Monnezzico, quella Rising, passata da Akira a Nemesi e poi ad Andy Manero e la God Of Sun/s, resa vacante per l’assenza di Timothy Thatcher, conquistata da Trevis dopo il Torneo di riassegnazione, rimessa in palio a seguito dell’infortunio di quest’ultimo ed ora stretta alla vita di Paxxo) ha ben pensato di implementarne il numero, istituendo gli allori Tag Team, assegnati in un folle Ladder match tra i BBB e gli M&M (Connor Mills & Maverick Mayhew), con l’affermazione degli italiani. Non si può poi non segnalare l’evento ” Rise With Heart ” il cui intero ricavato è stato devoluto all’Associazione Italiana Persone Down (in tale occasione la Cintura 24/7 è anche passata da KEM ad un bambino disabile di nome Andrea, grazie all’aiuto e all’intervento di Red Scorpion). Un 2018 proficuo dunque, con numerosi accordi (FCW, IWA, PWE, BWT/Wrestling Megastars, KOX ed ICW) che han permesso non solo di ospitare incontri valevoli per Cinture esterne (leggasi le analisi precedenti), ma anche di poter ricevere lo stesso trattamento in favore delle proprie (idem come sopra) e di sperimentare Iniziative al di fuori della Lombardia (il già nominato “The Kave”, di cui nulla è ancora tuttavia trapelato, e lo show congiunto col BWT a Ferrara) e dall’Italia stessa, grazie alla HOPE . È stata poi portata avanti la consueta filosofia della Sigla che da sempre predilige ed unisce il dar spazio anche a prospetti italiani non ancora esplosi o poco noti (Cassi, Fabio Romano ed Aleandro Capone) e a giovani leve futuribili (Jason Cain, Mary Cooper, Trevis e Jesse Jones) con l’impiego e l’utilizzo di Wrestler provenienti dal vecchio continente (i britannici A2A, i NIC, Charlie Carter & Oisin Delaney, gli M&M, Travis Chapman, J-Den Scar, Ritmo, Terry Isit, The O.J.M.O e Chris Tyler, gli iberici del Team White Wolf, A-Kid & Adam Chase e Orion) e da oltre oceano (la lottatrice USA Holidead), tra cui (oltre al sempre confermato Ashley Dunn) han spiccato particolarmente gli australiani Jonah Rock ed Adam Brooks, il sudafricano Angelico e l’allora IWGP Junior Heavyweight Champion della New Japan Pro Wrestling Will Ospreay, di nuovo in Italia a distanza di 2 anni ed autore di un incontro spettacolare con Dunn. Tirando le somme ed analizzando anche i Feud e le Storyline concluse (Doblone vs Steve McKee) o ancora in corso (Mary vs Harcore e BBB vs Dirigenza Sun), i Ritorni (quello di Andy Manero dopo ben 16 mesi in risposta alla Open Challenge di Nemesi), i Debutti (la I volta di Doblone in RSWP), gli Adii, si spera non definitivo, di Akira (dopo un Career match contro TG, perso a causa del suo mentore Kobra, con una vendetta ottenuta dopo un durissimo incontro Non Sanzionato) e al momento permanente del Mezzo Demone (schienato da Manero nel 3 Way in cui era coinvolto anche Tyler), si può affermare che la Sun abbia offerto un Prodotto di qualità. prodotto che oltre ai consueti video sul canale ufficiale col commento dei ragazzi di WrestlingRevolution o Arena Sound e i Digital Download/Stream (show per show o unico) a 3/4 o a 15 € , sarà reso ulteriormente disponibile con l’ausilio di wXw NOW. Restando sempre nella sfera dei contenuti web e di chi li crea, sono risultate utili le presenze di Zerini e di ‘Plunge, segno di come si possa essere d’aiuto senza per forza essere dei worker. Per i prossimi mesi del 2019 fino ad ora risultano essere stati programmati 4 show, con 2 possibili forme d’abbonamento (Vip e Supporter) partendo da “Rise of a New Era” (26/1) e le premesse per un ulteriore salto di qualità non mancano. Oltre a consigliare di diffondere i video dei pochi match non ancora visionabili, seppur possa apparire rischioso ed anche difficile, potrebbe essere utile alla Sun trovare una Struttura da gestire in proprio, magari sempre nei pressi di Milano, munendosi di un ring personale (anche se adoperare di nuovo quello ASCA non sarebbe poi così assurdo o infattibile) e di riproporre o di valutare nuovi booking per lottatori di Promotion non più presi in considerazione per qualsiasi motivo (Mantova KOX, RIW) e di offrire una mano tesa ad altre (SIW, FIW, IWE, ecc…), per continuare ad attingere sempre più Performer dal panorama italiano, ricavandone nuovi scontri inediti ed ulteriori volti freschi da presentare nelle Card.

Partiamo dal principio arrivando alla fine: restava solo lei…

Italian Championship Wrestling

Ben 32 Show tra Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto e Piemonte, con il consueto appuntamento al Cartoomics adoperato anche per testare i Trainee (Jesse Jones, Emanuel El Gringo, Alyx e Trixie in particolare) dove, oltre all’immancabile Rumble (con il successo di Taurus), alla Cruiserweight Cup (decisa in un 4 vs 4 ad Eliminazione e alzata da Gabriel Bach, Hardcore Cassi, Trevis e Manuel Majoli) e alle innumerevoli battaglie per il 24/7 Title ( Cintura simbolo della Manifestazione ) , sono state presenti esibizioni congiunte Titolate e non con la Rising Sun e due incontri dedicati alla Corona principale della PWE. Carrellata proseguita con le due giornate del WrestleFest, la notte basata sull’Academy Cup (messa in bacheca dal fu Gravity ed Harcore Cassi) e comprensiva di tutti gli eventi ormai fissi nella promotion guidata da Mr.Excellent. A tal proposito, al Calendario ICW, di solito basato su Show itineranti ed indirizzati spesso ad un pubblico casuale e costituiti quasi sempre da Card composte sui propri Lottatori e Lottatrici, salvo qualche eccezione (i booking di Jacob Daniels, atleta della Sacrifice Pro Wrestling, della Campionessa Femminile PWM Valerie, del Duo composto da Joe Black & CJ Connors, di Mike Verna e di Clement Petiot/Tristan Archer, selezionato dall’EPW e tra i partecipanti al WWE Cruiserweight Classic) si è deciso di aggiungere una tipologia di Eventi dal sapore più internazionale: il Format “Fight Forever”, con una propria Location fissa, la Trincea (l’SF Academy di Azzano San Paolo, Bergamo), con un apposito General Manager (Manuel Orlandi, storica figura dirigenziale assente da ben 4 anni) ed una Cintura omonima difendibile solo nella Trincea stessa, rigorosamente ad ogni show (con riassegnazione immediata in caso di assenza del Detentore) e senza la possibilità per il Campione di farsi squalificare, pena la perdita del Titolo. Una novità che in soli 4 Capitoli ha già regalato parecchi momenti degni di nota: la conclusione del Regno Tag Team di Doblone & Rick Barbabionda (capaci di superare la Dinastia Oscura, Gargoyle & Ombra) ad opera di Black & Connors, il Submission match tra Mr.Excellent e Psycho Mike per il Titolo Interregionale (in precedenza passato prima dalle mani di Miso Mijatovic a quelle di Nemesi) il Dog Collar con protagonisti Dagon e Gabriel Bach con in palio la Corona dei Pesi Leggeri (tolta a RB a seguito della vittoria dei Titoli Tag), la battaglia a Squadre che ha coinvolto la strana ed atipica Coppia Mijatovic-Tenacious Dalla (TMZ) e i Performer di NXT UK “Flash” Morgan Webster & “Wild Boar” Mike Hitchman (The 198), le sfide di Nick Lenders, sia per difendere il Titolo Italiano contro l’acerrimo rivale-amico di sempre Mirko Mori in un ostico Assalto alla Sedia che per agguantare l’Undisputed British Cruiserweight Title della Revolution Pro di David Starr, il Torneo per stabilire il primo campione Fight Forever (che ha visto Akira, Mr.Excellent, Gravity/Eron Sky ed Alessandro Corleone sconfiggere rispettivamente Harrison Bourne, Orion, Danny Black e Dagon per poi battagliare nella Finale a 4), da cui è emerso vincitore E.Sky, lo scontro Femminile tra la pluri Campionessa ICW Queen Maya e la Progress Women’s Champion e partecipante al WWE Mae Young Classic Jinny, l’intenso incontro senza Squalifiche tra i furono Epici Eroi Andy Manero e Nemesi, con Ritiro dalle scene del Mezzo Demone e la formazione de “La Casta” (Manero, Excellent, Corleone & Kobra), un Gruppo di Veterani desiderosi di spazzare via le Nuove Generazioni, sono stati i diversi, seppur non unici, avvenimenti di rilievo. Ovviamente non tutti i fatti principali dell’annata si sono svolti a Fight Forever, dato che oltre a questa nuova proposta il pubblico ha potuto assistere all’interruzione dello stradominio di Queen Maya come campionessa in favore di Irene e poi all’ascesa di Jokey/Aivil, al Feud tra Max Peach e Psycho Mike, terminato in un No Limit match, alla creazione dei Revolve (Lenders e gli Urban Guerrilla, RIOT & Tony Callaghan) e alla lunga rivalità con Manero (in cui è stato coinvolto suo malgrado il mitico Giornalista Sportivo e Conduttore di WWE News Stefano Benzi nelle vesti di Arbitro Speciale), la conquista del Trofeo “Il Numero Uno” da parte di Akira e soprattutto alla scalata al Top della Promotion ad opera di Doblone (dopo l’abdicazione di Andy in favore di NL), in una delle Affermazioni Titolate più desiderate dai fan, interrotta prematuramente dal Fuoriclasse. Il 2018 ha anche mostrato l’interesse da parte dei Lottatori e delle Lottatrici ICW a voler esplorare maggiormente il Panorama italiano (come nei casi dei Guerilla, di Mori e di Lenders in Sun, Bullfight e BWT/Megastars) ed Estero (ad esempio Queen Maya in PWLE e Bellatrix, di cui è Campionessa Mondiale e la Mad Doll, ormai da tempo molto richiesta nelle Indy britanniche e presenza fissa in Insane Championship Wrestling, come di recente per Paxxo, con all’attivo una Difesa del Titolo in Fierce Females) ed un intento lodevole nel conferire maggiore importanza a giovani quali Rick Barbabionda, Gabriel Bach, Eron Sky, Akira (che avrà anche l’opportunità di lottare in All Japan Pro Wrestling nei prossimi mesi), Mori, Lenders e Paxxo per forgiare i futuri Uomini di Punta che vadano poi successivamente a sostituire, tra gli altri, Performer del calibro di Lupo e Charlie Kid, poco o per nulla attivi fino a questo momento. In aggiunta, sono stati compiuti dei passi in avanti sulla Condivisione in Rete con le Sintesi degli Show e nel caso di Fight Forever, si è deciso di affidare la Telecronaca dei diversi match a Yuri “Thearchitect” Martinelli di The Shield Of Wrestling, tuttavia sarà necessario intensificare gli sforzi per fare in modo che, se non tutti, almeno gli incontri più significativi di ogni futura Card siano visibili anche a chi non potrà presenziare dal vivo agli Spettacoli ed il ripristino della Rubrica “High Voltage” sarebbe già un ottimo punto di partenza prima di immettere in maniera consistente quanto più materiale pregresso ed attuale possibile sul proprio canale Pivotchare (nota Piattaforma di Streaming On Demand), ampliandone così l’offerta.

Eccoci quindi giunti alla conclusione di questo lungo excursus all’interno della scena Italiana. In questa Lista non sono state inserite : la Southern Wrestling Alliance di Rusty Cole/Pasquale Cirulli (legata alla PWE con all’attivo “Ground Burned Around”, Show svolto a Cerignola in Puglia lo scorso 8 Luglio con al suo interno lo stesso Cole, Nick Slogger, Danny The King, Max Miles, Bonettishow, Magic Degan, Koba, Mirko Mori e Max Peach) per via della natura molto grezza del Progetto, con l’augurio di incanalare l’energia mostrata in quel frangente per colmare le lacune che sono spesso, se non sempre, presenti in ogni I volta, la Revents di Cristian Panarari a cui ci si può riferire quasi esclusivamente per essere stata disponibile ad affittare il suo ring a tutte le Sigle che si sono avvicendate durante lo svolgimento del Modena Nerd e la Dynamic Sicilian Wrestling di Mimmo Lo Tartaro, a cui servirà ulteriore tempo per acquisire quella professionalità indispensabile per scrollarsi di dosso l’appellativo “Backyard”.

In conclusione….

Un ultima nota finale: anche se potrà apparire ovvio o scontato, ogni Promotion dovrebbe sempre dar risalto a tutte le Figure che nelle maniere più disparate si rendano indispensabili per la buona realizzazioni di ogni singolo Evento, siano essi Ring Announcer, Fotografi (Giuseppe Cuozzo, tanto per indicare uno dei più quotati e richiesti), Costumisti (Max Porcari, Domiziana Roi, JJ Creations, ecc…) Cameramen, Tecnici del Suono e delle Luci, Arbitri (Andrea Cesana, Francesco Vuocolo, Andrea Corbo, Jhonny Puttini, Matteo Di Fina, Andrea Malalana, “Il Bonner” Enrico Boneschi e molti altri) e via elencando, perchè senza di loro sarebbe ancor più complicato proporre degli Show degni di essere seguiti. Detto ciò e con un invito generale alla Cooperazione per non sciupare tutti i progressi compiuti in questi 18/19 anni e con la speranza che questa analisi possa incuriosirvi o esservi stata utile, il Vostro Kebbabbaro vi saluta, dandovi appuntamento a future Puntate di “Squash a Jobber”, il Podcast di We The Wrestling in cui si disquisisce anche di Wrestling nostrano, se vi va, dateci un’occhiata su Youtube dove pubblichiamo.

https://www.youtube.com/channel/UCiV0GBYqgGa8pIyaUJau4AQ