Lucha Underground Character’s Evaluation #6: Light, Dark and Fire

Nel mondo del Pro Wrestling capita a volte d’imbattersi in personaggi davvero bizzari ed atipici, per nulla inseriti nei canoni classici riconducibili alla realtà che ci si trova a fronteggiare ogni singolo giorno. Figure legate al mondo dell’occulto, ad antiche leggende, a culti mistici o al soprannaturale. La Lucha Libre con la sua profonda interconnessione con il retaggio azteco, con la religiosità, così indirizzata verso il bizzarro, l’ignoto ed il grottesco, densa di mistero ed esoterismo, è il terrenno perfetto per la germogliazione di figure particolarissime, magiche e mitologiche.
Ragazzi e ragazze, adoratori ed adoratrici della Disciplina, il vostro Alex Kebab 92 ha deciso di aprire per voi le porte del Tempio della Violenza ancora una volta per narrarvi e valutare le gesta di tre prodi e valenti guerrieri, di tre Luchador per cui superare i limiti imposti all’umana gente non è un eccezione, bensì la regola. Abbattete i muri mentali legati ai vostri preconcetti, sospendete a mezz’aria la vostra incredulità, chiudete gli occhi, cancellate ogni dubbio dalle vostre menti e dai vostri cuori ed aprite il vostro terzo occhio spirituale all’ incredibile, incommensurabile e fantasmagorica magnificenza delle stelle, regno e luogo di nascita del solo, dell’unico….

Aero ” Rocket Man ” Star

lucha-underground-41515-aerostar-620x350

Il Guerriero Cosmico ha iniziato la sua avventura nel Tempio nel peggiore dei modi, mostrando sì ottime capacità, ma allo stesso tempo perdendo tutte le battaglie iniziali. Distrutto da The Machine insieme ad Angelico ed Argenis e venendo stoppato dalla Crew in un Six Men Tag Team match AS non si arrese ed il momento della svolta per l’extrater-Tecnico venne rappresentato dal rapporto conflittuale venutosi a creare con Drago. Le differenza tra i due sono state subito evidenti, la competizione si era innalzata verso altri ed alti livelli e in seguito ai loro primi confronti ( ep13 AS,ep16 Drago ), El Jefe di LU si fece avanti con un’idea grandiosa: un Best of 5 Series con un ghiotto premio per il trionfatore.
Questo aggiunse ulteriore interesse alla Faida e ne intensificò l’importanza, infatti ne’ l’Uomo delle Stelle ne’ La Creatura degli Inferi avevano intenzione di dichiarare la resa. I 3 match che completarono la Serie furono appassionanti, l’agonismo e la voglia di prevalere pervadevano ambedue i contendenti, ignari della misteriosa opportunità. Prima del rush finale AS ebbe il tempo di unire le forze con Drago nel Torneo Trios insieme ad Argenis, uscendo subito dalla competizione per mano di SoH, Angelico ed Ivelisse. Nel Vo ed ultimo match il Luchador Astrale dovette soccombore alle tenebre infernali, guadagnadosi comunque il rispetto e l’ammirazione non solo di Drago, fiero di essersi battutto con un Atleta del suo calibro, ma anche il benestare definitivo dei Believers. Col senno di poi, non vincere la Serie forse per lui fu una benedizione. La sua epopea terrestre proseguì sempre all’insegna della tenacia e della determinazione, i risultati tuttavia denotavano una certa altalenanza. Vittorioso contro Jack Evans e fermato da Johnny Mundo. Tanti applausi, nessun riconoscimento Titolato. Il match a 4 per l’Aztec Medallion fu il momento perfetto per invertire questo andazzo. Grazie agli screzi tra The Machine e The Mack e alla troppa boria dell’Uomo Falena, AS mantenendosi concentrato sbaragliò la concorrenza. Sfortunatamente le sue ultime apparizioni ( Team Mundo vs Team AeP ed il GOTG match ad UL ) lo videro perdente. Le prestazioni offerte anche in questo caso furono di grande qualità. Aero Star ha perso la maggior parte delle sue 12 sfide, ciononostante i suoi voli siderali, la propensione al rischio e il coraggio dimostrato non hanno lasciato indifferenti i Believers. L’ultima volta che lo abbiamo visto si accingeva a ripartire per lo spazio. Nel 2016 il suo itinerario intergalattico includerà ancora la Terra? Si spera di sì.

Voto: 8-

Vi siete fatti abbagliare della luce, siete saliti in alta quota, sempre più in alto fino ad arrivare alle stelle, a contemplare l’infinito… la beatitudine è finita! Ora si scende in picchiata verso le viscere più profonde del pianeta, per ammirare un’altra forma di perfezione, un’altra realtà, un altro regno. Non vi preoccupate se un losco figuro canuto dallo sguardo sinistro vi fa cenno di seguirlo su una bagnarola di legno per attraversare una pentalogia di fiumi che di celestiale e cristallino non hanno nulla. Lasciate ogni speranza oh voi che vi avventurate in cotal luogo nelle mani dell’entità alata reincarnatasi nel corpo mortale di colui che l’enframundo lo conosce a menadito.

Drago

Drago_Aerostar_cropped

Drago è l’ulteriore dimostrazione di come non per forza bisogna essere lindi e pinti per entrare nei cuori degli appassionati della Lotta. Il suo aspetto, le sue movenze, le livree usate nel corso della Stagione unite a delle abilità non indifferenti, hanno reso l’Alato Luchador un assoluto beniamino dei fan, bramosi e desiderosi di vederlo ogni volta in azione. Drago è uno dei personaggi più longevi all’interno del Tempio essendo apparso nell’ep.3 contro Fenix e Pentagon Jr, uscendo dalla battaglia a mani vuote.Dopo questo esplosivo impatto non intaccato dalla sconfitta, fu suo compito negare la gioia del debutto con trionfo a King Cuerno che venne inchiodato al suolo senza rimorso.
Sfortunatamente per il Demone Oscuro, King oltre ad essere sempre attratto dal cacciare nuove ed elusive prede è anche un estimatore sfegatato del film ” Dragonheart “, un amore che sfocia nell’ossessione. Infatti il bracconiere dei Luchador identificò in Drago il malvagio tiranno del film e…e se vi dico il resto e se non avete visto la pellicola è spoiler. Tornando seri: D.ha avuto l’ardire di stravolgere l’arrivo di Cuerno, ordunque il Leo Kruger dei ricchi sfondati decise di istituire un’autentica caccia all’uomo. La seconda disfida vedrà KC prevalere e recuperare lo svantaggio, nel Ten Way e nell’Aztec Warfare le loro strade continuarono ad incrociarsi e vi sarà anche un pareggio con l’allucinante volo di Drago su un’inerme Kuerno attraverso un tavolo. Il culmine della Faida fu quell’infausto Last Luchador Standing e in quell’occasione un bieco e geniale stratagemma consentì a KC di portare a compimento il suo personalissimo Safari.
Le energie arcane non abbandonarono Drago e la caparbietà del Wrestler Alato gli fece superare l’ostacolo impervio ed ostico rappresentato dal Best of 5 Series con la sua antitesi Aero Star ed ottenere da DC la famigerata opportunità irripetibile: un match per il LU Title detenuto da Prince Puma. La fregatura? In caso di sconfitta Drago sarebbe stato bandito e cacciato dal Tempio per sempre!
Paradossalmente questa eventualità avrebbe gettato Drago in una spirale di sconforto e amarezza molto più nera, cupa ed oscura delle regioni infernali e così fu: il Dark Demon diede fondo a tutte le sue risorse pur di sopravvivere e per cingere alla sua vita la Corona Assoluta di LU, nonostante ciò un tragico scherzo del destino dovuto ad una collisione fortuita con l’Arbitro e la tempestiva ingerenza di Hernandez segnarono il suo destino.
Tuttavia ” per sempre ” è un concetto molto relativo nel Business e dopo 6 settimane di assenza Drago planò di nuovo in direzione di Boyle Hights per scatenare ancora una volta fuoco e fiamme nel Temple of Violence.
Cueto acconsentì al suo ritorno e gli concesse un’altra occasione trasformando un 3 Way per lo Spot di #1 Contender in un Fatal 4 , sempre con un costo terribile: se anche questa volta avesse falito, sarebbe stato costretto a smascherarsi.
Le leggende non muoiono mai e Drago non fece eccezione, sconfiggendo Cage,Hernandez e l’arcinemico King Cuerno, imprigionandolo dopo l’uso del Green Mist con la sua Culla Rapida.
Le abilità persuasive di Catrina portarono DC a rimettere in discussione le velleità di gloria del Tecnico dell’Ade organizzando un nuovo #1 Contender match e come nell’ep.5 il coraggio e la tempra di Drago non furono bastevoli per aver ragione dell’inarrestabile Mil Muertes.
Come se le cose non fossero già abbastanza critiche, dai peggiori studi legali e notarili di Houston Texas ecco tornare all’attacco Hernandez. Pronto a strappare le ali e ad estinguere la fiamma del mitologico guerriero, il Super Mex non ebbe remore ad usare ogni arma necessaria per raggiungere il suo scopo. Non gli interessava direttamente la vittoria quanto invece la distruzione del Luchador della Triple A. L’ex LAX se la prese anche con i fan, stupidi a tal punto da credere in creature immaginarie ed irreali, condendo il tutto con una spietatezza ed un sadismo ( unite ad una faccia come il culo ) da vero bastardo. Sarà Drago a vincere la Rivalità, per se stesso e per tutti i detrattori di Hernandez nel Believers Backlash Strap match di Ultima Lucha, tra cinghiate, Green Mist, colpi di nunchaku e voli sui tavoli. Il nuovo anno vedrà Drago dispiegare le sue ali per ripartire dall’Averno e rimescolarsi tra i mortali per altre grandiose battaglie? Naturalmente.

Voto: 8,75

Dalle regioni infernali adesso invece ci spostiamo nel tempo e nello spazio, tra Grecia, Mesopotamia,Egitto,Messico,Russia,Cina ed in tutti i territori del globo ove esiste ed è stato tramandato il mito di un animale leggendario, unico nel suo genere, capace di tornare all’esistenza dalle sue ceneri, simbolo di buon’auspicio,gioia e speranza. In Lucha Underground ha simboleggiato la forza, la determinazione, la tenacia e la caparbietà di un Luchador che ne ha fatto il proprio simbolo e la sua fonte d’ispirazione.

Fenix

2.-Fenix

Fenix ha infiammato i cuori e scaldato gli animi dei Belivers ogni singola volta che si è esibito, fin da subito, imponendosi su PJ e Drago nel suo primo match, continuando a vincere contro lo 0 Miedo in singolar tenzone e sbaragliando lui e Chavo Guerrero anche in Tag coadiuvando Sexy Star. Il suo momentum venne interrotto in maniera indecorosa dal Mexican Warrior in un 1 vs 1. La sua scintilla riprese subito vigore
con l’affermazione nel Ten Way match per arrestarsi di nuovo contro il vincitore della 10 Men BR Mil Muertes la sera stessa che sconfiggendolo lo fece introdurre da Catrina nell’esclusivo ” Lick of Death Club ” ( decisamente meglio del Club del WSM o di quello di zio Vincenzino Jr ) e lo costrinse a dover iniziare come n.1 l’Aztec Warfare ove dopo una grande prova venne eliminato da Chavo Guerrero ( il Re delle Sedie ).
Avendo schienato il neo Campione nel 10 Way match, Fenix ricevette una Title Shot la settimana dopo. Il match fu tiratissimo e per un granello di sabbia il Titolo non passò di mano.Come se Dario Cueto volesse punirlo sulla strada della Fenice tornò a farsi vivo ( si fa per dire ) Mil Muertes e solo un astuta manovra consentì a Fenix di centrare un upset prodigioso.
Le sorprese a LU si susseguono spesso e Fenix viene travolto dall’interesse che la letale Manageressa di MM pare avere nei suoi conftonti. Il rischio di serie e per nulla piacevoli ripercussioni per entrambi sembra essere dietro l’angolo. Fenix sembra essere divenuto l’oggetto del desiderio dell’intrigante femme fatale, che inizia a mostrare attrazione per lui ed anche il Luchador mascarado non riesce a rimanere indifferente. L’acredine ed il livore tra MM e Fenix crebbe sempre di più fino a sfociare nel fantasmagorico Grave Consequences match. Uno dei molti capolavori di LU con un’atmosfera, una costruzione e momenti ad altissimo tasso d’adrenalina pura. Lo scontro fu fisico e violento, sarebbe potuta essere l’occasione per la dipartita definitiva della Fenice ed invece sfidando la sorte e avvicinandosi pericolosamente all’oblio, Fenix con il sostegno e l’appoggio di Catrina riuscì a compiere un’impresa impensabile.
Da quel momento in poi, salvo l’eliminazione dal Torneo per i Trios Title, il suo percorso in singolo lo portò alla conquista di un Medaglione Azteco, ma la pace fu breve: Muertes era tornato, più forte e più potente che mai, con al suo fianco l’immancabile Catrina, che aveva orchestrato tutto per intensificare i poteri del suo assistito. Il loro faccia a faccia finale fu un Death match accesissimo e vide Fenix soccombere allo strapotere del Braccio Armato della Morte, che lo scaraventò giù dalla sommità del Tempio ,annichilendolo.
Tutto sembrava ormai perduto, la fiamma perpetua estinta, ma le leggende nascondono sempre un fondo di verità. Ecco così che alla vigilia di Ultima Lucha dalle ceneri della disfatta riemerse un Fenix più agguerrito e battagliero, pronto a riprendersi il SUO Medaglione e a fronteggiare gli altri antagonisti bramosi di esssere illuminati dalla benedizione degli Dei, e per confermandosi anche come uno specialista dei match a più persone. La Fenice ghermì tutti con le sue inarrestabili ali infuocate, ed era pronta a ripagare i malfattori che avevano osato sfidarla con la loro stessa moneta. Riuscirà Fenix a detronizzare il tirannico Mil Muertes? Sarà in grado di non farsi sottrarre il GOTG ( magari da KC? ) prima di poter assaporare la sua vendetta? Una cosa è certa: Farà di tutto, anche avvicinarsi il più possibile alla morte, per riuscirci.

Voto: ” Post fata resurgo/ Dopo la morte torno a rialzarmi ” ( 8,75 )

L’Ultimo Samosa

La Serie tra Aero Star e Drago è stata un susseguirsi di match in crescendo ed ha arricchito molto i personaggi coinvolti, soprattutto con l’introduzione della unique opportunity. AS ha avuto dei momenti da protagonista, per poi fungere quasi sempre da elemento usato per elevare la qualità delle contese senza però uscirne vittorioso,starà a lui invertire tale tendenza. Drago come Fenix è stato avviluppato nella rete di tranelli, inganni e complotti ordita da Dario Cueto.
Una sequela di barriere sono state poste sul loro cammino dal Jefe tramite il suo operato e quello delle figure più pericolose dello Show che hanno provato più e più volte ad eliminarli ed estrometterli dalla competizione, facendoli bandire, rimettendo in palio privilegi acquisiti con estrema fatica, cercando di privarli della Mascara e della possibilità stessa di esibirsi in maniera definitiva. Seppur in modi e con tragitti differenti, i due sono riusciti a sopravvivere e ad uscire a testa alta da Ultima Lucha raggiungendo i loro traguardi. Tre personaggi davvero pittoreschi ed inusuali, che nel Lucha-verso pensato da Rodriguez & Co. sono stati resi credibili ed interessanti. Ognuno capace di regalare ai Believers emozioni e di coinvolgere gli spettatori grazie alle Storyline in cui sono stati collocati, agli Angle ben studiati, ai vari segmenti ragionati e al loro stile di lotta pazzesco. Olrte che in singolo sarebbe grandioso vederli più spesso esibirsi come Trio. Bene ragazzi e ragazze,il vostro Alex Kebab 92 vi saluta e vi dà appuntamento al prossimo viaggio e vi consiglia questo: se potrete e se avrete il tempo, vedetevi il King of Trios della CHIKARA…fatelo anche per me XD.

Sono un ragazzo di Roma grande appassionato di Wrestling ( WWE, ROH, PWG, TNA, LU, ASCA, ICW, ecc… ) e…nulla, spero che quel che ho fatto fino adesso e quel che farò vi sia piaciuto e vi piaccia.

Alessandro Tulelli

Sono un ragazzo di Roma grande appassionato di Wrestling ( WWE, ROH, PWG, TNA, LU, ASCA, ICW, ecc... ) e...nulla, spero che quel che ho fatto fino adesso e quel che farò vi sia piaciuto e vi piaccia.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com