L’ex Superstar WWE, Paul London, è stato ospite del podcast Pancakes and Powerslam. Durante l’intervista ha parlato del suo passato in WWE, di seguito potete leggere i passaggi più rilevanti.

 

Sul rubare le mosse a qualcuno:

Ricordo che stavamo lavorando con Brian (Kendrick), con Matt Hardy e Shannon Moore a New York e decisi che avremmo potuto iniziare a fare qualcosa dove io correvo, saltavo su Brian e facevo una shooting star press dalle sue spalle. Così iniziammo a farlo, la cosa provocò un buona reazione e continuammo a farlo. Ricordo che (Billy) Kidman mi si avvicinò e mi disse: “Hey! Mi ruberai la mosse tutte le serate? Continuerai a rubarmelo tutte le notti?”. Io lo guardai e gli dissi: “Fai una shooting star press correndo dalle spalle di qualcuno?. La sua razione fu come quelle persone che dicono “Uh, cioè, no” e gli dissi “Si” e me ne andai. Brian venne da me e mi disse che non potevo parlare in quel modo alla gente e che se lo avessi fatto a lui mi avrebbe schiaffeggiato la faccia. Dai, è da cretini comportarsi come se tu fossi il padrone di qualsiasi variazione di una mossa quando non sai neppure fare bene quella normale.

 

Sul perdere il rispetto per un Hall of Famer:

In un secondo Ted DiBiase perse tutto il nostro rispetto. Brian ed io eravamo seduti nella zona del catering, tutti avevano finito di mangiare mentre noi lo stavamo facendo proprio in quel momento. Arriva l’uomo da un Milione di Dollari e ci sposta…in realta spostò gli MNM (Mercury, Nitro e Melina), perchè se non ricordo male quella sera lottavamo contro di loro per finire di costruire il match per il titolo al Ppv. Stavamo parlando di idee per il match, quando Teddy li prende e li porta in un lato della stanza e dice loro “Voglio mettere in chiaro che la decisione del cambio di titolo è dovuta al fatto che Joey (Mercury) è infortunato. Non per quei due la, ossia non è per qualcosa che si sono guadagnati quei due la”. Ce lo disse praticamente in faccia. Praticamente si presentò solo per mancarci di rispetto. Brian si alzò e credo che stesse quasi dargli una Slice Bread, però lo fermai in tempo e ce ne andammo.

 

Sulla WWE come luogo di lavoro:

Quando lavori li devi inghiottire molta merda. Quando lavori li è come se fossi tornato a scuola. Non importa se sei una mega stella o la persona che apre lo show o un capo, o chiunque altro. Dopo un po che sei li, ti trattano come spazzatura, come una vera e propria spazzatura. Ti trattano come se non fossi un essere umano, come se fossi qualcosa che hai pestato casualmente e che ti devi togliere dalla suola della scarpa. E sarai trattato così costantemente. E’ come se fossi una recluta costantemente. E’ bruttissimo. E’ orribile, è un posto orribile dove lavorare, un pessimo luogo per lavorare. Non è buono per nessuna tipologia di essere umano. Guadagnarti la vita li fa parte di quelle cose che ti fanno affondare.