Inside Raw #37: Intercontinental Challenge

Bentrornati ad Inside Raw, la rubrica dove si ananlizza “cosa è accaduto a Raw” per commentarlo. La puntata di ieri ha regalato qualche spunto, parliamone:

Alexa Bliss: Champion

A Payback abbiamo visto la Bliss diventare campionessa e raggiungere un record abbastanza particolare: diventare la prima campionessa a detenere entrambi i titoli femminili del Main Roster. Ho deciso che due parole a riguardo sono dovute, visto che il segmento di ieri non mi ha lasciato molto. Dopo aver pensato un pochino ne sono uscito con un: “Ma Alexa meritava davvero questa vittoria?” Non fraintendetemi, conosco anche io le abilità da cattiva della Bliss, il problema è un altro: il ring… La ragazza presenta molte lacune in ring e ieri mi è stato, inoltre, fatto notare  che durante Payback pareva quasi essersi dimenticata cosa dovesse fare. Ma poi, Bayley che chiude il suo regno così mi lascia l’amaro in bocca… tutta la storia con Sasha? Cancellata? Meglio dare il titolo ad una sfidante che non era neanche riuscita ad impensierire la campionessa, pare

 

Questioni di Pubblico

Ieri abbiamo pure sentito cosa passa per la testa dell’ex-duo più tifato della divisione tag team, Sheamus e Cesaro. Ma la cosa che ho mi ha lasciato molto è che questo promo ha una frase interessante:

Voi preferite adorare il passato invece che concentrarvi su quello che avete oggi nel ring.

Più o meno sono queste le parole che ha detto Cesaro, io vi chiedo di rifletterci, pensare a nomi come: Goldberg, The Rock e gli Hardys (anche se penso siano un “caso a parte”, perché sono tornati per dire come Broken); Tornando al promo, mi è piaciuto il fatto che Sheamus non fosse mai stato completamente convinto del pubblico; mentre, per quanto riguarda gli Hardys continuano a dare “contentini” alla Broken Section

 

Titus Brand, la chiave del successo

Titolo esageratissimo da parte mia, ma comunque è interessante questa situazione, anche se, per ora comedy. Il punto è che possono dare una grande chance a Crews se ben proposto.

Ho la sensazione che sotto la guida di Titus possono darli buoni spunti, ora però, urge dare una personalità più definita ad Apollo, visto che si fa sentire poco

The New TJP

Molto ben fatto questo incontro, la nuova attitude di TJ è una manna dal cielo per il Filippino. Ho letto molti commenti sul fatto che Perkins non sia credibile da heel, io penso possa funzionare visto che può rappresentare il classico ragazzzo tamarro dei giorni nostri odiato dagli adulti.

Oltretutto, non riesco davvero a criticarlo come personaggio, non è uno sgherro di Neville ma subisce molto la sua influenza, e poi, si comporta in modo coerente come heel. Sono curioso di vedere che piani hanno per lui.

 

La fiera delle interferenze

Bello il promo di Dean sul suo titolo che è ora il “n°1 title di Raw”, ciò potrebbe portare a interessanti spunti per il futuro con colui che detiene davvero la corona di più importante: Brock Lesnar. Meno apprezzata è lo svolgimento del match, erano palesi gli interventi di Joe e Bray su Seth e Finn, ma non è questo il motivo della mia delusione, che è l’aver scelto Miz come sfidante.  Nel contesto generale può anche starci, ma è una faida, seppur al tempo poco curata, già vista a Smack Down e sono davvero poco propenso a ripercorrere una faida del genere. Per quanto riguarda le interferenze: giusta quella di Joe su Seth, anche se come “distruttore” avrei preferito un approccio più violento che una semplice urranage; anche per Finn ci può stare, solo che non mi convince questa faida in questo momento, Finn ha uno status troppo alto per farsi impensierire da uno che ha avuto bisogno di tre persone per battere il suo ex-avversario.  Spero che questa faida venga utilizzata per chiarire la psicologia dentro la testa del Re dei demoni

 

Per oggi Raw si chiude qui. Strano che non abbiamo avuto aggiornamenti su i due main eventer di Payback, probabilmente scopriremo qualcosa settimana prossima, e noi saremo sempre qui ad analizzarlo