Channelguidemag.com, famoso portale nordamericano ha intervistato recentemente Rey Mysterio. Qui di seguito potrete leggere i passaggi principali:

 

Il debutto a Lucha Underground:

Nella mia prima apparizione nessuno sapeva che avevo firmato con loro. Non ci furono fughe di notizie. Volevano mantenere tutto segreto. Iniziammo il combattimento ed io ero il secondo lottatore a salire sul ring. Melissa Satos pronunció il mio nome, dicendo che venivo da San Diego, California. Quando disse Rey Mysterio, non ti mento, nonostante “El Templo” sia piccolo, mi sembró di essere circondato da 50.000 persone. Il boato fu incredibile. La intensitá, la emozione, tutto fu perfetto.

 

I talenti di Lucha Underground:

Mi sono sentito come se avessi bisogno di allenarmi al massimo per tornare al mio stato di forma che avevo a 20 anni. Questi ragazzi sono veramente competitivi. Il loro stile é un qualcosa di unico. Li osservo quando salgono sul ring. Erano incredibili giá quando li vedevo da fuori come un fans, prima di iniziare a lavorare con loro. L’evoluzione del wrestling stava passando davanti ai miei occhi. Quando salgo sul ring con loro é un qualcosa di totalemente differente. Le cose che fanno sono impressionanti. Mi fanno impazzire. Ho visto manovre aeree veramente impressionanti durante la mia carriera, peró le cose che fanno adesso sono autentici ibridi. Superano tutti i limiti.

 

Somiglianza con Fénix:

Vedo molto di me in Fénix. In realtá ho avuto l’opportunitá di condividere il ring con lui. La cosa piú pazza di tutto questo é che lo conobbi dieci anni fa quando stavo facendo una sessione di autografi in Messico […]. Era solo un ragazzino e inizió a piangere. Mi ha raccontato tutta la sua storia dopo esserci conosciuti. Mi disse: Ero li quel giorno e non riuscii ad ottenere il tuo autografo. La cosa mi rattristí. Mi convertii, da un certo punto di vista, in una ispirazione per lui. Quindi aver il piacere oggi di condividere il ring con lui é una cosa che mi da un’enorme motivazione. Il suo stile é unico, peró vedo molto di me in lui.

 

Kalisto come il nuovo Rey Mysterio della WWE:

Ho sempre sostenuto che non ci sará mai un altro Rey Mysterio. Non è una questione di gelosia. Sono molto felice che abbia l’opportunitá di avere successo e gli auguro di diventare campione WWE. Credo che questa sia la prioritá di ciascuno di noi. In questo momento é il campione degli Stati Uniti e sta lavorando con la persona giusta che lo puó guidare sulla corretta strada. Anni fa ero io che feci da mentore ad Alberto del Rio quando lui arrivó. In un certo senso ci passammo il testimone. Adesso lui sta facendo la stessa cosa per Kalisto. Cosí funziona questo business, almeno per ció che riguarda i latini. Siamo pochi, peró cerchiamo di aiutarci l’uno con l’altro.