Vintage Wrestling #54: Fake Diesel & Fake Razor Ramon

Nel Settembre 1996, durante lo svolgimento di In Your House 10 – Mind Games, due figure attaccarono nel backstage Savio Vega: Jim Ross, che ai tempi era ai ferri corti (on screen) con la WWE, disse subito che si trattava di Diesel e Razor Ramon.

Tutti però sapevano che Scott Hall & Kevin Nash (i due wrestler che interpretavano quei personaggi) erano andati a lottare in WCW, quindi c’era curiosità per capire cosa stesse davvero succedendo.

Ben presto si venne a scoprire che in realtà Jim Ross, per mettere in imbarazzo la federazione da cui si sentiva distante (ripetiamo, per storyline) aveva arruolato due mercenari, Rick Bognar e Glenn Jacobs, dando loro il compito di interpretare i due personaggi.

Non voglio descrivervi tutto quello che accadde in WWE in quei mesi, mi limito a ricordarvi due punti salienti della carriera di questi due “impostori” che mi serviranno per continuare la storia di cui vi voglio parlare: nel Dicembre di quell’anno, ad In Your House 12 – It’s Time, i due ottennero un match per i titoli di coppia WWE che però persero quando Razor Ramon fu schienato.

Nella Royal Rumble 1997, invece, Razor Ramon fu il primo eliminato del match mentre Diesel arrivò negli ultimi quattro che finirono l’incontro: dopodiché, le fortune dei due in WWE iniziarono a scemare.

Penserete forse che la loro carriera da fake sia finita qui, invece c’è un secondo capitolo che ora vi voglio raccontare: dovete infatti sapere che la WWE, ai tempi, aveva una solida relazione con la federazione nota come USWA, con la quale c’era un costante scambio di talenti. I due, furono quindi spediti in quel territorio, in una specie di “invasion” non molto dissimile da quella che i due originali interpreti della gimmick avevano perpretato ai danni della WCW.

Iniziarono infatti ad interferire in vari match (creando scompiglio) fino quando, dopo un incontro tra Bill Dundee e Mike Samples, l’intero roster della USWA confrontò i due intimandogli di smetterla con le loro scorribande: l’episodio sancisce la svolta di questo racconto perché, laddove Diesel divenne ancora più aggressivo nei suoi assalti, Razor Ramon sembrò iniziare ad avere remore e secondi pensieri.

Questo inizio di separazione tra i due appare ancora più clamoroso quando, prima di un match di Razor Ramon, mentre sta per rilasciare un’intervista il wrestler è attaccato da Mike Samples e della Truth Commission (si, la stessa vista in WWE un anno più tardi): “The Bad Guy”è ridotto a mal partito ma, soprattutto, Diesel non è accorso in suo aiuto. Ramon rilascia così un’intervista in cui afferma che quell’assalto appena subito è colpa di Vince Mc Mahon, che lo ha mandato in USWA a creare trambusto solo perché è frustrato dal fatto che i veri Razor Ramon e Diesel non ci sono più, è inutile far finta di nulla! Il vero Razor Ramon è andato in WCW e il suo successore (ovvero lui) non è riuscito a sfondare.

Il fatto che non sia riuscito a sfondare è però anche colpa dello stesso Mc Mahon che non ha mai creduto in lui, e quindi da adesso inizierà a fare le cose a modo suo: combatte dunque un match con Mike Samples, e viene attaccato di nuovo dalla Truth Commission. Questa volta però, in suo aiuto, accorre parte del roster USWA evidentemente colpito dalle sue precedenti parole.

Se però le parole di Ramon paiono aver fatto breccia nei cuori dei tifosi e di alcuni wrestler USWA, per l’ex compagno Diesel non sono certo una cosa piacevole: la settimana successiva, infatti, Diesel rilascia a sua volta un promo piuttosto esagitato in cui si lamenta di quanto il compagno sia debole e manipolabile. Ricorda come sia stato Ramon a subire il pin decisivo nel match di IYH 12 valido per i titoli di coppia, di come le performance dei due nella Royal Rumble siano state così diverse, e conclude che se proprio c’era qualcosa che non andava era proprio il suo personaggio.

Lui è un perdente, un piagnucolone incapace che ora cerca di ingraziarsi la USWA per non farsi picchiare: anzi, Vince Mc Mahon ha chiesto che venga eliminato e per questo Diesel è tornato in USWA (ovvero per eseguire l’ordine del suo boss).

Dopo altre settimana di tensione, i due decidono quindi di sfidarsi in un “Looser leave the USWA” match. L’incontro è teso, pieno di adrenalina e anche di scorrettezze da parte di Diesel: alla fine però è Ramon a prevalere, mentre Glenn Jacobs dovrà sparire dalla USWA.

La settimana dopo, addirittura, Razor apparirà con un nuovo ring attire e butterà in un cassonetto gli indumenti da “Bad Guy”: lui da ora sarà “The Free Spirit” Rick Titan !

Inutile dire come, anche se questa storia vide trionfare Titan, le carriere dei due rivali andarono su binari certamente opposti: Titan rimase qualche mese in USWA, per poi trasferirsi alla New Japan Pro Wrestling. Qui, dopo circa un anno e mezzo, si ritirò dal ring

Glenn Jacos assumerà invece la gimmick di “Doomsday”, un colossale wrestler mascherato che vincerà anche il titolo mondiale USWA, prima di tornare alla WWE col personaggio del diabolico Kane, fratello di Undertaker (che tanto successo gli sta ancora dando).

Alla prossima !