We The Wrestling vi presenta….Leon

Lettori di We The Wrestling abbiamo realizzato per voi un intervista a un importante talento del nostro panorama tricolore, si tratta dell’attuale BWT Champion Leon.

Ciao Leon, ti ringraziamo per il tempo che ci hai concesso a noi di We The Wrestling e ti diamo il benvenuto in questa sezione legata al panorama italiano. Come ti sei avvicinato al mondo del wrestling?

Come tutti quelli che si sono avvicinati a questo sport penso….. Lo seguo fin da bambino e un giorno ho deciso che anche io volevo diventare un super eroe. Ma il motivo principale però è che a me è sempre piaciuto mettermi in mostra, quindi direi proprio che il wrestling è lo sport perfetto adatto a me.

Dove hai iniziato ad allenarti? In quale federazione?

Io ho iniziato ad allenarmi 3 anni fa circa nel Bologna Wrestling Team (BWT), la scuola numero 1 in Italia e sono lì tutt’ora.

Hai avuto delle figure di riferimento durante il tuo percorso di crescita? Vuoi ringraziare qualcuno in particolare?

Senz’altro la mia figura di riferimento, quella più importante, è il mio allenatore, Red Scorpion, che mi ha insegnato questa disciplina, come comportarmi e come approcciarsi con gli altri lottatori. Vorrei ringraziare anche altri lottatori esperti come king Danza, Kenzo Richards ad esempio che appena hanno notato che ero un ragazzo rispettoso e ci tenevo a far bene questo sport hanno deciso di aiutarmi dandomi consigli importanti.

A cosa o chi si ispira la tua gimmick?

Ma diciamo che semplicemente mi piace fare il pompato esaltato che in ogni situazione mostra i suoi muscoli.

Sei un wrestler giovane, ma hai già una discreta esperienza sia in Italia che all’estero. Hai lottato in tante federazioni italiane come il BWT, la WIVA, l’FCW, la Rising Sun, la PWE, l’ICW, MAW e la TCW. In quale federazione ti sei trovato meglio finora tra quelle della nostra penisola? Ci sono dei particolari motivi?

La federazione in cui mi sono trovato meglio a combattere nella nostra penisola è senz’altro quella a cui appartengo, ovvero il BWT. Semplicemente perché penso che ci siano i migliori atleti in Italia, poi venendo dalla stessa scuola abbiamo lo stesso modo di pensare riguardo al wrestling senza strafare ed evitando di fare molte cose inutili come fanno quasi tutti.

Nella MAW hai lottato nel loro primo show in coppia con Red scorpion (nel tag dei Sovrani  delle Bestie) contro la coppia formata da Steve McKee e Charlie Kid. Ti ricordi qualcosa di quel match?

Si mi ricordo che perdevo tanto sangue dal mio occhio sinistro per una presa fatta male dell avversario……ma poi ho avuto il mio riscatto, è stato un match combattuto fino alla fine.

Sei attualmente il BWT World Champion, cosa significa per te avere il titolo alla vita?

Per me avere il titolo alla vita significa tutto. Quel titolo vuol dire sudore, sacrifici e costanza…..insomma non è per tutti, bisogna meritarselo e io ho fatto tutto il possibile per avere quella cintura. Il giorno in cui lo vinsi non mi sembrava vero…..quel titolo ha un valore che molti non riescono nemmeno a immaginare.

Per qualche ora sei stato anche Rising 24/7 Champion. Come è andata quella vittoria e sconfitta in così poco tempo? Ci vuoi dire qualcosa su ciò?

È stato un match divertente diverso dal solito, qualcosa di nuovo per me. Per qualche minuto ho avuto anche il mio terzo titolo……

All’estero invece hai avuto diversi importanti successi in Spagna, vincendo titoli a Malta e una Royal Rumble nella PWLE in Svizzera, nel canton Ticino. Quali di questi successi ti ricordi maggiormente? Quale invece senti più tuo? Ci vuoi raccontare qualcosa a riguardo?

Sicuramente dei gran bei traguardi, avere più cinture e titoli fa di te un lottatore più riconosciuto. Sia per i titoli a malta, sia per la Battle Royal vinta in svizzera me la sono dovuta sudare e parecchio. A malta 2 avversari tosti e molto conosciuti nel circuito indipendente come Icarus e Dover, che sicuramente non si risparmiano coi colpi e in Svizzera resistere fino alla fine sul ring dopo avere affrontato praticamente tutti e rimanendo sul ring solo col tuo maestro, quella è stata la prova finale.

Nell’ultimo show della Wrestling Mega Stars hai sconfitto un avversario importante e conosciuto, nientemeno che l’ex WWE e ex TNA tag team champion Chris Adonis, una vittoria non da tutti insomma. Come è lottare con degli avversari del genere? E’ più semplice lottare con gente esperta come l’ex Chris Masters della WWE?

Sicuramente Chris Masters è stato l avversario più importante che ho mai affrontato. Persona veramente squisita e a modo, ma che sul ring non si risparmia a combattere. Dai lottatori di quell’esperienza si imparano un sacco di cose nuove e ti fanno fare caso a certe minuzie che di solito non si guardano più di tanto. In poche parole capisci come ragionano in WWE. Prima del match avevo un ansia addosso che non ho mai avuto in vita mia, ma quell’ansia mi è servita per poi fare bene sul ring. A fine match eravamo tutti e due molto soddisfatti del lavoro fatto e poi nei giorni successivi mi ha scritto in privato per darmi dei consigli su come migliorarmi. Match indimenticabile.

Inoltre hai lottato pure nella UKWA e nella EWA in Austria, nella britannica British Empire Wrestling dove hai lottato in coppia con Red Scorpion, nella tedesca NEW dove hai avuto un’opportunità per i titoli di coppia insieme a Nico Narciso. Cosa hai trovato di differente rispetto a uno show svolto in Italia sia a livello di organizzazione, fan e wrestler?

Lottando in vari paesi in Europa, ho notato che la differenza fra l’italia e l’estero è più che altro per un fatto di lottatori. Come spettatori e come organizzazione cambia poco ma come lottatori cambia molto. Ognuno sa dove deve stare, sta al suo posto, cosa che in Italia non succede visto che l 80% dei lottatori si credono dei veterani che non sono.

Ci sono differenze nei metodi di allenamento che hai fatto in Italia e quelli che hai visto nei paesi esteri?

Diciamo che ognuno ha il suo modo di allenare……C’è chi si concentra molto sulla psicologia da ring, e c’e chi si concentra più che altro sull’atletismo. Per esempio in Germania nella N.E.W è così, invece da noi per esempio si cerca di fare un po’ tutto allo stesso modo senza tralasciare nulla. Penso che dovrebbe essere così da tutte le parti, dipende uno che prodotto vuole tirare fuori.

Nell’estate del 2017 hai partecipato al programma televisivo “Only The Strong Survive”. Che sensazioni hai avuto partecipando al programma?

È stata una fantastica esperienza, assolutamente nuova per me e ringrazio ancora Francesco Gioia, lo Strongman n 1 in italia per l opportunità concessami. Per me è stata una cosa totalmente nuova. Durante la prova c’erano esercizi che non avevo mai fatto, io ho un modo di allenarmi totalmente diverso orientato sul bodybuilding. Il mio avversario Francesco Bastianelli, anche lui un noto strongman che rispetto molto per la sua gentilezza che ha mostrato nei miei confronti e per l’impegno che ci mette a fare ciò che più gli piace. Purtroppo ho perso la gara ma sapevo già come sarebbe andata visto che era una cosa totalmente nuova…..però sicuramente mi ha dato tanta visibilità ed è stata un’esperienza indimenticabile.

Se potessi scegliere di affrontare un wrestler a scelta, anche tra i più famosi del mondo, come quelli della WWE, NJPW, ROH e tutte le altre, chi sceglieresti? Hai un dream match che prima o poi sogni di fare?

Il mio lottatore preferito, quello che stimo di più in assoluto è John Cena, quindi chi lo sa, magari un giorno avrò la possibilità di affrontarlo……..

Ti piacerebbe poter lottare nelle federazioni più importanti del globo (come quelle sopra citate)? Se si, quale/i?

Mi piacerebbe assai lottare in tutte le federazioni più importanti del globo per farsi un grande nome.

Quali sono i traguardi che hai per il tuo futuro nel mondo del wrestling? Hai qualche sogno nel cassetto?

Continuare a dare il massimo, cercare di combattere in più federazioni possibili e cercare di diventare un personaggio pubblico grazie anche al wrestling.

Che giudizio daresti al tuo 2018 sul ring?

Il 2018 direi un anno più tranquillo, ho combattuto meno rispetto all anno scorso dove ero in piena gavetta e ne avrò ancora tanta da fare, ma da quest’anno ho deciso di andare solo in posti favorevoli a me e che mi potrebbero aiutare a crescere.

Come valuti il lavoro svolto dalle federazioni italiane? Hai qualche consiglio sia negativo che positivo che vorresti dargli?

Ancora non sono un veterano e non mi sento di dare certi consigli. Però una cosa la vorrei dire, cercate di avere sempre lottatori in grado di farvi fare una bella figura sia come aspetto sia come capacita sul ring.

Cosa manca secondo te alle varie federazioni italiane per raggiungere il livello che viene offerto nelle migliori federazioni europee, oppure americane o asiatiche?

Bisogna allenarsi di più ed essere più credibili, perché non è un gioco come molti credono. O lo fai seriamente o non lo fai.

Ti piacerebbe lottare in America oppure in Giappone?

In America ci andrò a lottare a ottobre/novembre per 2 settimane e vedremo come andrà. In Giappone invece speriamo di andare il prima possibile!!

Che consigli daresti a un giovane che si affaccia al mondo del wrestling per praticarlo, o volendo anche farlo diventare il suo lavoro primario?

I consigli più grandi che posso dare a un giovane che si approccia alla disciplina sono: essere sempre rispettosi e capire fin da subito le gerarchie, farsi il c**o, non trovare scusa banali per non allenarsi, avere tanta pazienza e rimanere sempre sul pezzo, soprattutto se uno un domani sogna di farlo come lavoro.

Concludo con una domanda che faccio a tutti gli intervistati. Come rispondi a chi dice che il wrestling è tutto finto?

Io rispondo sempre così: “Vieni a provare che poi ti svegli!”.  È una gran mancanza di rispetto questa soprattutto per uno che ci tiene a farlo bene. Ogni volta rischiamo un infortunio, a fine match abbiamo sempre qualche dolore e tu mi vieni a dire che e finto? Una volta io durante un match ho preso uno schiaffo talmente forte che mi ha fischiato l orecchio per 2 settimane. Sicuramente questa è una frase intollerabile soprattutto se a un lottatore è successo qualcosa di grave.

Dove possono seguirti i tuoi fan e i nostri lettori?

Sulla mia pagina Facebook LEON WRESTLING PAGE oppure sulla mia pagina Instagram leon_wrestler. Vi aspetto numerosi il 29 settembre a Forlì, al palazzetto “villa romiti”, per il Mega Wrestling Show 3. Ciao a tutti e buona lettura.

Ti ringraziamo per il tempo che ci hai concesso. Buona fortuna per il tuo futuro nel lavoro e nella vita privata.

Leon ha inoltre voluto condividere due immagini che ritiene importanti. La prima è questa:

Si tratta della locandina del prossimo show della BWT e della Wrestling Megastars, La notte dei campioni, che si terrà il 29 settembre a Forlì. Vi riportiamo la nostra news dello stesso show se volete più informazioni a riguardo. La seconda invece è questa:

Si tratta del camp che terrà l’ex superstar di Impact Wrestling (TNA) Robbie E. Saranno nelle date che vanno dal 26 al 29 settembre.

Lorenzo Fanti

Un fan da sempre della WWE, seguo la compagnia da quando era su Mediaset con Rey, Chris Benoit, Kurt Angle, JBL, Booker T e tanti altri. Inoltre seguo con grande passione Impact Wrestling, una compagnia spesso sottovalutata ma che fa ottimi show. Poi ho interesse anche nelle Indy europee. Non disdegno di seguire anche tutte le altre federazioni, ognuna può dare qualcosa alla passione della gente.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com