We The Wrestling vi presenta….Ricky Awesome

Lettori di We The Wrestling abbiamo realizzato per voi un intervista a un importante talento del nostro panorama tricolore, si tratta dell’attuale IWA Cruiserweight Champion Ricky Awesome.

Ciao Ricky Awesome, ti ringraziamo del tempo che ci hai concesso a noi di We The Wrestling e ti diamo il benvenuto a questa sezione del nostro sito dedicata ai talenti del panorama tricolore, della realtà del nostro paese.

Grazie mille, per me è un piacere.

Come ti sei avvicinato al mondo del wrestling?

Da ragazzino, per sbaglio mi capitò un match in tv mentre stavo cambiando i canali, e da li è stato come un colpo di fulmine. Ignorante della cosa, ma curioso, ho iniziato ad acquistare i primi game per play station e altre console. Da li a poco, come tutti noi tra l’altro, mi salì subito la voglia di immedesimarmi in quei personaggi e magari un giorno di poter essere come loro. Ma in ogni modo all’inizio era solo un piccolo sogno, che col tempo mi ha spinto sempre di piu e mi ha fatto capire che questo era il mio mondo.

In che federazione hai iniziato ad allenarti?

Sono nato e cresciuto nell’ I.W.A. Italian Wrestling Association scuola di Frosinone

Hai avuto delle persone che consideri “punti di riferimento” nel tuo percorso di crescita in questo mondo del wrestling? Vuoi ringraziare qualcuno in particolare?

Si, sicuramente. Inizio con la mia famiglia, perchè senza di loro non avrei mai avuto questa opportunità di lanciarmi nel Wrestling. Voglio specificare che per anni e anni sono stato ”murato” da loro perchè preferivano facessi altro. Ma io sentivo dentro di me come una calamita verso quel ring!
Finalmente sono riuscito a debuttare e ho potuto dare modo, a loro di fargli capire che è questo ciò che amo fare, ma spero anche di essere un esempio da seguire per molti ragazzi italiani che magari si credono ”piccoli” o che non sono incoraggiati dalle famiglie! Guardate me, e credete in voi!
Voglio ringraziare il Pres. Diego Piacentini, per le opportunità e i magnifici show che continua a darci. Il mio formatore, allievo dell’Hall of Fame Harley Race, Dave Blasco. E ne approfitto anche per ricordare che a Frosinone, l’I.W.A. ogni
sabato svolge le sessioni di allenamento dalle ore 15:30 alle 19:30, presso la palestra Temple Asd, con RING PROFESSIONALE e la prima lezione è GRATIS.

A cosa o chi si ispira la tua gimmick da wrestler?

Awesome cosa vuol dire? Magnifico,no? Io sono il Talento Italiano per eccellenza! Sono la risposta a tutte le domande! Sono bello e carismatico. In soli 8 mesi sono l’attuale I.W.A. Cruiserweight Champion! Vanto gia un esperienza estera con booking Internazionale! Ho battuto grandi nomi sul panorama italiano ed europeo come Max Peach o Jimmy Barbaro. Insomma, sono quello che tutti cercano! Quello che manca per essere tutto un po’ più perfetto, un po’ più Magnifico. Un pò più Awesome!

Sei un wrestler giovane, ma hai già una discreta esperienza in Italia. Hai affrontato wrestler importanti in Italia come Flyin’ Gabriel, David Karm, Funny Boy, Jimmy Barbaro, Max Peach e tanti altri. Con quali ti sei trovato meglio a lottare? Invece quelli con cui ti sei trovato peggio?

Non c’è un migliore o un peggioreCredo si tratti più di feeling e fiducia tra di noi, anche perchè è importante tra noi wrestler. Sono tutti grandi nomi quelli che hai detto e con tutti loro ho fatto dei gran match. Ma se dovessi scegliere, sceglierei Max Peach. Siamo molto in sintonia sul ring e credo che il match con lui sia uno dei miei migliori fin ora. Ho avuto la meglio su tutti, ma uno di loro non sono mai riuscito a sconfiggerlo.. Parlo di David Karm, che tra l’altro sarà il mio prossimo avversario e proverà l’ assalto alla MIA cintura, il 15 Dicembre a ”Future of Wrestling”, prossimo show I.W.A. Quindi o diventerà lui campione per la prima volta, oppure sarà un ennesimo nome da aggiungere alla lista dei lottatori sconfitti con un definitivo 1.. 2.. 3..

Come ti sei trovato nella scuola di wrestling della Italian Wrestling Association? Come trovi la stessa? La consiglieresti a un wrestler che vuole iniziare a praticare questo sport?

Come ho detto prima, io sono nato nell’I.W.A. Venni a sapere dell’open day della scuola e andai. Voglio specificare l’ ”Open Day” perchè io sono l’Unico I.W.A. Original, ovvero che tra chi è venuto prima e dopo, io sono li dentro dal primo giorno in cui la scuola ha aperto, e ne sono fiero ed orgoglioso. Io mi alleno li e su un RING PROFESSIONALE. Siamo una grande squadra che crede nella stessa cosa, cioè quello di ampliare sempre di più questo sport sul territorio italiano. Oltre ad allenamenti professionali, c’è molto rispetto tra di noi ed in automatico un ambiente familiare. Chiedo a te che leggi, cosa manca per non venire da noi a provare?

Hai lottato a tanti show dell’ IWA come La legge della strada atto secondo, la resa dei conti, supershow of wrestling (tre giorni di match), Divide Et Impera 2, e infine anche la legge della strada 3. In quale di questi eventi ti sei trovato meglio? Quale ti è rimasto impresso maggiormente sia per fattori positivi che negativi?

Due in particolare. Il primo, Divide Et Impera 2, perchè è stato lo show dove sono diventato per la prima volta I.W.A. Cruiserweight Champion. E’ stata una serata fantastica e piena di emozioni. E il secondo, senza dubbio, i 3 giorni di Supershow of Wrestling. In quella occasione c’era anche un Training Camp, ovviamente di 3 giorni, con Karim Brigante e Darren Allen, due tra i più grandi Professional Wrestler in circolazione. Approfitto anche qui per ricordare che nel 2019 faremo un altro camp, per info contattate la pagina I.W.A. e spero che molti di voi non si lasciano sfuggire questa opportunità.

Lo scorso weekend hai lottato anche nella federazione dei “I miti del Wrestling” a Naples Slam contro David Karm, Flyin’ Gabriel e Jet. Come hai trovato questo incontro? Ci vuoi raccontare qualcosa dello stesso?

Incontro molto bello e carico di adrenalina, giustamente eravamo quattro flyers, quindi non sono mancati i voli e le acrobazie aeree. Il pubblico era numeroso e molto partecipe. Purtroppo non sono riuscito ad avere la meglio sugli altri 3, ma sono sicuro che abbiamo dato uno spettacolo ottimo e sopratutto di essere stati, anche solo per una serata, i supereroi di molti bambini. Un ringraziamento speciale va anche ai fan, bisogna dire anche questo.

Sei attualmente ll campione dei pesi leggeri dell’ IWA, cosa significa per te avere il titolo alla vita? Ti ricordi qualcosa in particolare del match di Divide Et Impera 2 dove hai vinto il titolo contro Flyin’ Gabriel? Ci vuoi dire due parole su esso?

Eh cosa dire, a parlarne mi vengono ancora i brividi.. Ricordo che è stato un match duro, dove Gabriel mi aveva addirittura attaccato alle spalle prima del suono della campana. Sono stato per molta parte del match in svantaggio, ma nel momento in cui Gabriel stava per eseguire la sua finisher (Swanton Bomb), prontamente mi sono spostato. Ho approfittato della situazione, e sono andato a segno con le mie finishers. Prima la Satellite DDT che lo ha messo K.O. , seguita da un Frog Splash devastante che mi ha portato alla vittoria! Ho sempre dimostrato che meritavo quella cintura, e con molto sudore e sacrificio sono riuscito a vincerla. Per me, vale più di ogni altra cosa. Posso assicurarti che non sarà per niente facile togliermela.

Nella tre giorni di wrestling avuta questo maggio durante Supershow of Wrestling hai affrontato avversari di livello. Come hai trovato quella manifestazione? I fan hanno risposto bene secondo te?

Sono quei momenti difficili da descrivere a parole. Non dimenticherò mai quei giorni per tanti motivi. Dalle lezioni di Karim Brigante e Darren Allen. Alla mia prima vittoria. Alla prima volta che sono arrivato ad un passo per essere campione, ma la sorte non ha girato dal verso mio. Ricordo particolarmente il giorno della mia prima vittoria. Parte la mia Theme Song, esco, e mi trovo una marea di bambini pronti a saltarmi addosso ed abbracciarmi. Stessa situazione appena vinsi il match ahahah Scavalcarono le transenne che dividevano il pubblico dal ring, e mi sono saltati addosso, accompagnandomi fino all’uscita. Sono momenti indimenticabili. Tutto questo grazie al fantastico mondo del Professional Wrestling.

Nella tua carriera hai ormai fatto diversi match, c’e qualcuno che ti ricordi in particolare? Oppure qualcuno a cui sei maggiormente legato?

Ma certo, il mio debutto. L’inizio di tutto. C’era molta gente a quello show e sul ring c’era Dave Blasco che aveva lanciato una open challenge Non ho pensato due volte e sono entrato. Inutile dire che la mia voglia di voler debuttare, era indirettamente proporzionata alla mia esperienza. Neanche il tempo di girarmi per togliere il giacchetto, che Dave Blasco mi prende alle spalle e mi esegue la sua Scorpion Death DDT. Esito finale? Torno a casa con una sconfitta, ma in quella sconfitta avevo già attirato i miei primi fan, curiosi del mio personaggio e ansiosi di vederlo in azione in un match equilibrato e con il giusto minutaggio.

I due prossimi show dell’ IWA saranno Future of Wrestling #1 e La Battaglia di Inverno 2, prenderai parte agli show? Ci puoi anticipare qualcosa a riguardo?

Potrei mai mancare? Sarò presente ad entrambi, proprio perchè la dirigenza vuole spingere sempre più in alto, e quale modo migliore se non inserire il ”Futuro del Wrestling Italiano” in tutti e due i spettacoli? Oltre me ci saranno altri nomi come David Karm, Flyin’Gabriel, Dave Blasco, Flavio Augusto ecc.. Non voglio anticipare nulla, però invito chiunque a venire allo show. Staccatevi per un paio d’ore dalla solita monotonia, levate quei telefoni in mano ai vostri figli, e venite a godervi uno spettacolo di puro Wrestling dove sicuramente tornerete a casa con una giornata diversa e i sorrisi sui volti dei vostri bambini.

Se potessi scegliere di affrontare un wrestler a scelta, anche tra i più famosi del mondo, come quelli della WWE, NJPW, ROH e tutte le altre, chi sceglieresti? Hai un dream match che prima o poi sogni di fare?

Il mio idolo è sempre stato The Rock, ma credo sia molto difficile come cosa ahahahah. Se dovessi essere più realista, direi Ricochet e Will Ospreay.

Ti piacerebbe poter lottare nelle federazioni più importanti del globo (come quelle sopra citate)? Se si, quale/i?

Beh ovviamente punto al gradino più alto, cioè la WWE. Ma non nego che mi piacerebbe lottare in tutte le altre federazioni, dalla NJPW alla Lucha Underground, sia per ampliare la popolarità del mio personaggio, ma anche per lasciare un po’ di me in ognuna di essa. E’ uno dei miei desideri, diciamo cosi. Lasciare un ricordo ovunque io vada. Mai dire mai. Ho fatto cose impossibili in soli 8 mesi. E in 8 anni? Chi lo sa…

Quali sono i traguardi che hai per il tuo futuro nel mondo del wrestling? Hai qualche sogno nel cassetto?

Punto principalmente ad allenarmi sempre di piu ed imparare sempre nuovi stili di combattimento, in modo tale da essere pronto a qualsiasi tipo di match con qualsiasi tipo di avversario. Diciamo che non smetto mai di (voler) imparare. Mi piacerebbe molto esordire su ogni tipo di palcoscenico, italiano e straniero, quindi sono aperto ad eventuali booking. Il sogno nel cassetto, lo mantengo per me, chiuso bene a chiave. Però posso dirti che oggi sono campione ”italiano”, quindi sono campione nazionale. Beh spero un giorno di poter diventare campione mondiale, che inutile starlo a spiegare, è tutt’altra cosa.

Che giudizio daresti al tuo 2018 (fino ad oggi) sul ring?

Giudizio più che ottimo. Non dimentichiamoci che il mio primo match ufficiale è stato a marzo, quindi sono solo 8 mesi che combatto. 8 mesi, Campione dei pesi leggeri I.W.A., esperienze estere, ho sconfitto tutti sul mio cammino, sono sulla bocca di molti nomi importanti nel mondo del wrestling. Credo non ci sia altro da aggiungere. Tante soddisfazioni che ripagano grandi sacrifici. Chissà cosa riserva per me il futuro…

Come valuti il lavoro svolto dalle federazioni italiane? Hai qualche consiglio sia negativo che positivo che vorresti dargli?

Collaborazione. Credo ci sia ancora un po’ di distanza tra le federazioni italiane e questo penso sia un male. Io dico di essere tutti una famiglia allargata. Magari dei spettacoli dove si sfidano le diverse scuole di allievi e poi magari anche i Pro, boh non saprei. Non faccio il promoter, ma sicuramente sarebbe una bella idea far qualcosa tutti insieme e far notare che in Italia il Wrestling c’è e dobbiamo farci sentire!

Cosa manca secondo te alle varie federazioni italiane per raggiungere il livello che viene offerto nelle migliori federazioni europee, oppure americane o asiatiche?

La presenza del fan. Il fan è fondamentale! Purtroppo l’italiano medio preferisce starsene al solito bar sotto casa, piuttosto che, aiutare noi a crescere sempre di più da ogni aspetto e punto di vista, ma anche per passare una giornata diversa insieme tutta la famiglia. Il fan deve essere motivato, senno preferisce starsene a casa. Come ho detto prima, spegnete quei telefonini e lasciatevi ”distrarre” dalla solita monotonia, venendo a vedervi uno dei nostri show . Anche perchè chi ci prova una prima volta, è sempre tornato. Quindi so di cosa sto parlando.

Che consigli daresti a un giovane che si affaccia al mondo del wrestling per praticarlo, o volendo anche farlo diventare il suo lavoro primario?

Ragazzi siamo nel 2018 ormai! Sono finite quelle barriere del ”Sei troppo piccolo” oppure che il Wrestling sia solo in America. Nessuno è ”piccolo”, io dico invece ‘bisogna saper essere all’altezza”. Ci sono diverse ”categorie” proprio per questo. Mi spiego meglio. Ci sono quelli alti 2 metri e quelli alti 1 metro e sessanta Ci sono i Big Man e ci sono i Flyer. Ci sono quelli bravi col microfono, quelli bravi a lottare, quelli bravi a fare il manager, quelli a fare l’arbitro. Se questo è un mondo che ti piace, il tuo mondo, sicuramente troverai il giusto ruolo che fa per te. Per una volta mettetevi alla prova, alzatevi da quel letto e venite a provare le emozioni che solo il Wrestling riesce a dare

Concludo con una domanda che faccio a tutti gli intervistati. Come rispondi a chi dice che il wrestling è tutto finto?

La parola giusta è ”Premeditato”. Mi spiego. La finzione è qualcosa che non c’è, che non esiste. Il Wrestling c’è, esiste. Una lotta c’è, un combattimento c’è. Che senso avrebbe senno una preparazione atletica? Chiunque potrebbe farlo. Mentre il Premeditato, è semplicemente la conoscenza di qualcosa che sta per accadere, e che perciò accade. Invito sempre a partecipare ad uno show dal vivo per rendersene conto sopratutto dai rumori dei nostri bumps sul ring.

Dove possono seguirti i tuoi fan e i nostri lettori?

Sulla mia pagina Facebook: Ricky Awesome IWA Sul mio profilo Instagram: ricky.awesome.baybe E sicuramente nei prossimi show targati I.W.A.

Ti ringraziamo per il tempo che ci hai concesso. Buona fortuna per il tuo futuro nel lavoro e nella vita privata.

Grazie mille, anche a voi. Un abbraccio. E.. VIVA IL FANTASTICO MONDO DEL WRESTLING!!!

Lorenzo Fanti

Un fan da sempre della WWE, seguo la compagnia da quando era su Mediaset con Rey, Chris Benoit, Kurt Angle, JBL, Booker T e tanti altri. Inoltre seguo con grande passione Impact Wrestling, una compagnia spesso sottovalutata ma che fa ottimi show. Poi ho interesse anche nelle Indy europee. Non disdegno di seguire anche tutte le altre federazioni, ognuna può dare qualcosa alla passione della gente.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com