Lettori di We The Wrestling abbiamo realizzato per voi una nuova intervista a un talento del panorama italiano in grande ascesa, si tratta di David Karm, un wrestler che lotta principalmente nella Italian Wrestling Association, e anche in altre realtà del nostro panorama.

Ciao David, ti diamo il benvenuto nella sezione del nostro sito relativa al wrestling italiano e ai wrestler del panorama tricolore.

Ciao, e grazie a voi per questa opportunità

Come ti sei avvicinato al mondo del Wrestling?

Col wrestling è stato amore a prima vista! Una mattina di quando ero bambino stavo girando i canali in tv, ad un certo punto mi imbattei in uno show della WWF e da lì è stato piantato il seme che ha fatto poi nascere “The Sabinian Fighter”

Dove hai iniziato ad allenarti? In quale federazione?

Ho cominciato ad allenarmi 14 anni fa a Rimini nella ICW con Manuel Majoli… Ricordatevi che sono di Rieti e fatevi due conti…

Hai avuto delle figure di riferimento durante il tuo percorso di crescita? C’è qualcuno che consideri un “maestro” per te?

Non credo sia possibile avere una sola figura di riferimento nel wrestling… Dave Blasco, Karim Brigante, Max Peach, Flavio Augusto e Manuel Majoli sono sicuramente le persone dalle quali ho attinto più cose, ma molto mi è stato insegnato anche durante i tanti seminari fatti in IWA, dove ho avuto l’occasione di apprendere da wrestlers del calibro di Renè Dupree, Jodie Fleisch, Ophidian e BT Gunn

A cosa o chi si ispira la tua gimmick?

Sinceramente? A nessuno. Ho sempre cercato di portare me stesso ad essere un personaggio sul ring, ma mancava qualcosa. Praticamente per gioco è uscita dal nulla la nuova versione di Karm nel marzo del 2018. La cosa era interessante e divertente, ho provato a lavorarci sopra ed ad un certo punto il Sabinian Fighter ha cominciato a vivere di vita propria. Posso quasi affermare che io sono la gimmick di “The Sabinian Fighter” David Karm nella vita reale, e non il contrario!

Ti ricordi come è stato il tuo primo incontro? Ci vuoi raccontare qualcosa della prima volta sul ring? Che emozioni hai provato?

Il mio primo match fu ad uno show RWA di qualche anno fà, lottai contro Flavio Pantaleo in un single match. L’emozione più forte fu la gioia e la consapevolezza di essere finalmente dove dovevo essere

Allo show dell’ Italian Wrestling Association tenutosu nel settembre del 2017 “ Divide Et Imperia” hai affrontato Mr. Mastodont uscendone sconfitto. Come ti sei trovato a lottare con lui?

Avevo già affrontato Mastodont qualche anno prima in RWA. Quel match ha sancito il mio ritorno nel wrestling dopo 7 anni di assenza, perciò, sconfitta o meno, quello è stato uno dei match che ricorderò sempre! (Anche perchè Mastodont mi incrinò due costole con un Samoan Drop, difficile scordarlo…)

Nel successivo evento della federazione, La Legge della strada Atto II,in un handicap match dove eri in coppia con Flyin’ Gabriel avete sconfitto Mr. Mastodont. Cosa ti ricordi di quell’incontro?

Per me quello è stato un match molto importante. Non mi piacque la reazione del pubblico, e capii che dovevo fare qualcosa per distinguermi dalla massa e non essere uno tra tanti. Il mese dopo mi presentai con il cappello e Sabino, e da lì in poi…

Nel maggio 2018 sempre per l’IWA hai lottato nella tre giorni di eventi chiamato “Supershow of Wrestling”, nella prima sera hai avuto l’occasione di conquistare il vacante (in quel momento) titolo dei pesi leggeri ma sei uscito sconfitto contro Flyin’ Gabriel e Ricky Awesome. Nella seconda sera invece sei diventato il nuovo #1 contenter per lo stesso titolo sconfiggendo Ricky Awesome mentre nell’ultima serata sei arrivato a un passo dalla vittoria del titolo contro Flyin’ Gabriel, ma hai sconfitto quest’ultimo solo per squalifica e quindi non hai conquistato la cintura. Quale dei tre match a cui hai preso parte hai preferito? Ci vuoi raccontare come è arrivata la tua vittoria per squalifica nella terza serata?

Una grande esperienza! Tre giorni di seminari con Darrel Allen e Karim Brigante con show annessi! Intervenni nel match tra Awesome e Gabriel per il titolo vacante IWA Cruiserweight Champion, e convinsi il promoter Diego Piacentini a trasformare il match in un triple treath. Ad un passo dalla vittoria persi per un roll up di Gabriel. La volta successiva ci fù il number one contender contro Ricky Awesome, match molto dinamico che vinsi con “l’aiuto” di Sabino. Ho molti bei ricordi di quel match, perchè tra l’altro ci fù il mio “turn” e cominciai a far parte dei buoni. Terzo match contro Gabriel per il titolo, poco prima di chiudere Gabriel mi colpì agli occhi, dopodichè malmenò anche il referee facendosi squalificare. Fù il primo di svariati tentativi di agguantare il titolo, ci ho messo 10 mesi per riuscire a vincerlo!

Nel settembre 2018 a IWA Divide at Imperia 2 hai conquistato il Rising Sun Wrestling Promotion 24/7 Championship sconfiggendo Dave Blasco. Come è arrivata questa vittoria?

Un match meraviglioso, uno dei miei preferiti per via di tutta la storia che c’è stata prima di arrivare allo scontro! Qualcuno aveva fatto sparire Sabino, e Pepsiplunge, allora detentore del titolo, decise di aiutarmi nella ricerca. Alla fine, durante lo show si venne a scoprire che fù Blasco l’artefice di tutto, e nella stessa sera sfidò il povero Michael per il titolo! Chi, se non il Sabinian Fighter, poteva intervenire in suo aiuto? Match molto fisico, pieno di capovolgimenti di fronte. Venni battuto con una Colosseum Destroyer dal paletto, ma essendo un titolo 24/7, ho approfittato di una distrazione di Blasco causata da Michael per schienarlo con un roll up e agguantare il titolo! Il mio primo titolo in carriera!! Però restituito immediatamente a Michel Pepsiplunge per ringraziarlo per l’aiuto nel ritrovare Sabino

A IWA La Legge della Strada 3, nel novembre 2018, hai sconfitto Dave Blasco in uno Street Fight. Ci vuoi dire qualcosa riguardo a quella vittoria?

Quel match fù l’effettiva Resa Dei Conti tra me e Blasco. Durante il match per il titolo 24/7 della Rising non si è capito effettivamente chi avesse vinto, perciò è stato decretato uno street fight match per stabilire chi alla fine fosse il vincitore. E ha vinto il Sabinian Fighter!

Allo stesso show era presente e ha lottato una wrestler molto giovane come la britannica Candyfloss, adesso è parte del roster di NXT UK. Che impressione hai avuto su di lei?

Carina e riservata. Fuori dal ring è una ragazza timida, aggiungiamoci il mio inglese molto personalizzato e capirai da te che non ho avuto molta interazione con lei durante lo show…

A IWA La Lotta per Frusna 3 nel marzo del 2019 hai vinto il titolo dei pesi leggeri contro Ricky Awesome e Adriano. Poi nei successivi show hai difeso la cintura contro wrestler del calibro di AB Knight, Flyin’ Gabriel, Jimmy Barbaro, Kylo Reece, Max Peach, Jayden Williams e Ricky Awesome. Che sensazioni hai avuto quando hai vinto il titolo? Sei orgoglioso di indossare tutt’ora questo titolo alla vita?

Il momento più appagante della mia travagliata carriera nel wrestling! Ricordo che l’arena esplose al 3 del referee!! Era la fine di una epopea durata 10 mesi, ed i fan erano tutti con me in quella serata!! Tutti i miei successivi avversari erano agguerriti e motivati, ma alla fine Karm ha sempre mantenuto il titolo! Esclusa una parentesi quando Jorge Carranza, grazie ad una interferenza di Gabriel, riuscì a battermi e prendermi il titolo. Per fortuna subito riagguantato il mese successivo a Barcellona!

A IWA Wrestling Christmas Show, una show totalmente devoluto in beneficenza dalla federazione, tenutosi a dicembre del 2019 hai affrontato ancora una volta Dave Blasco in un Christmas Rules Match. Che regole aveva questo match?

Il perdente avrebbe dovuto vestirsi da Babbo Natale e distribuire caramelle al pubblico… Diciamo che non sono mai stato così contento di perdere un match!

Solo lo scorso mese hai preso parte anche a IWA “Future of Wrestling in Back!!!”. Durante lo show hai difeso il tuo Cruiserweight Championship contro uno dei maggiori talenti che stanno uscendo dal Regno Unito, il giovanissimo Jayden Williams. Come ti sei trovato a lottare con lui? Che opinioni ti sei fatto di lui durante l’incontro?

Secondo te ha la possibilità di arrivare nelle migliori federazioni del mondo? Un F E N O M E N O!!! Ragazzo umilissimo ed educato, è stato un piacere ed un onore affrontarlo sul ring! Ho vinto soltanto grazie alla mia superiore fisicità, altrimenti il titolo sarebbe volato anche in Inghilterra! Quel ragazzo farà strada, credimi!

Oltre agli show dell’ Italian Wrestling Association hai lottato anche i due eventi de I miti del Wrestling, Naples Slam e The Champ is Here. Come hai trovato l’organizzazione della federazione? Quella degli show invece?

Mi sono trovato molto bene, i fan napoletani sono molto calorosi ed è una cosa che adoro! La federazione fà pochi show, perciò ci può stare qualche dettaglio fuori posto, ma mi sono trovato bene in entrambi gli show e Michele Ippolito ha una sincera passione per il wrestling, ed è questa la cosa più importante! Oltre ad essere una brava persona al di fuori dei giochi

Se potessi scegliere di affrontare un wrestler a scelta, anche tra i più famosi del mondo, come quelli della WWE, NJPW, ROH, AEW e tutte le altre, chi sceglieresti? Hai un dream match che prima o poi sogni di fare?

Adoro la nuova Gimmick di Bray Wyatt, ma il wrestler attuale che sinceramente vorrei affrontare è Chris Jericho. Mi è sempre piaciuto come stile e personaggio, e mi sono sempre chiesto come sarebbe stato un match contro di lui. Più realisticamente mi piacerebbe molto un champ vs champ contro il nostro attuale Heavyweight champion, Max Peach. Un wrestler che stimo tantissimo dentro e fuori da ring. E un altro tarlo è avere un match contro Karim Brigante, con cui mi alleno sin dai lontanissimi tempi della RWA ma con cui non ho mai avuto modo di lottare!

Ti piacerebbe poter lottare nelle federazioni più importanti del globo? Se si, quale/i? A chi non piacerebbe?

La WWE secondo me deve essere l’obbiettivo ed il sogno principale di qualsiasi lottatore. Si deve sempre puntare al top!

Quali sono i traguardi che hai per il tuo futuro nel mondo del wrestling? Hai qualche sogno nel cassetto?

Lo scorso ottobre ho debuttato all’estero, a Barcellona, in uno show della Rage Wrestling contro Jorge Carranza per riprendermi il mio titolo IWA Cruiserweight Champion. É stata un’esperienza indimenticabile, e mi piacerebbe infinitamente poter cominciare a lottare nelle più grandi promotion europee! Il mio traguardo più prossimo è questo, cominciare ad essere conosciuto a livello europeo. Poi mi piacerebbe molto andare negli USA, anche soltanto per studiare il wrestling moderno nella sua terra d’origine!

Che giudizio dai al tuo 2019 sul ring? Cosa ti aspetti da questo 2020 appena iniziato?

Una buona annata, e voglio che questo 2020 non sia da meno!

Come valuti il lavoro svolto dalle federazioni italiane? Hai qualche consiglio sia negativo che positivo che vorresti dargli?

Chi più e chi meno stanno tutte provando ad alzare il livello, e questo è importantissimo. Sinceramente non me la sento di dare giudizi o consigli, l’Italia è un terreno un pò arido per il wrestling, più che altro per la difficoltà negli spostamenti per andare a vedere gli show dal vivo. Una cosa però secondo me andrebbe fatta: come nelle nazioni più importanti nel wrestling, come USA e messico, sarebbe il caso di avere un patentino, un’abilitazione riconosciuta a livello nazionale per avere l’autorizzazione sia a lottare sia ad organizzare show. Si eviterebbero molti infortuni e figuracce

Che consigli daresti a un giovane che si affaccia al mondo del wrestling per praticarlo, o volendo anche farlo diventare la fonte di reddito primaria?

Per farlo diventare una fonte di reddito primaria bisogna fare tantissimi show, considera che ragazzi come il tedesco Julian Pace che a 22 anni ed in soli due anni di attività hanno lottato in più di 100 match! Ed il problema è che sono comunque pochi per poterci vivere! A chi si affaccia al mondo del wrestling ho solo tre cose da dire: allenamento, studio e passione. E ricordatevi che il wrestling si fa SUL RING.

Concludo con una domanda che faccio a tutti gli intervistati. Come rispondi a chi dice che il wrestling è tutto finto?

Sono stato un marzialista per molti anni. Posso rispondere che il wrestling è l’unica attività che ti insegna ad andare incontro al colpo piuttosto che pararti o schivare. Il wrestler è un grande incassatore che è disposto a rischiare di farsi molto male pur di intrattenere e far divertire il pubblico.

Dove possono seguirti i tuoi fan e i nostri lettori?

per chiunque sia interessato può seguirmi sulla mia pagina fb “The Sabinian Fighter David Karm IWA”, sul canale YouTube della Italian Wrestling Association e tra poco tempo ritornerò sul mio profilo Instagram SabinianFighter.

Ti ringraziamo per il tempo che ci hai concesso. Buona fortuna per il tuo futuro nel lavoro e nella vita privata.

grazie a te per avermi sopportato per tutta l’intervista! Un SABINIAAA!!! a te e a tutti i lettori di we The wrestling!