WTW REVIEW: Destruction in Hiroshima 2016

Giovedì era il giorno di Destruction in Hiroshima…permettetemi di dire…titolo un po curioso. La card presentava incontri interessanti anche se dall’esito piuttosto scontato. Cosa successo? come sarà proseguita la Road to Wrestle Kingdom? Per saperlo, mettetevi comodi e leggete ciò che EMG ha preparato per voi:

 

Hiroyoshi Tenzan, Ricochet and Satoshi Kojima def. Captain New Japan, Togi Makabe and Yoshitatsu @ 8:20

Fortunatamente il primo incontro della serata (o mattinanta), dipende dai punti di vista è filato liscio come l’olio. Quando ci si appresta a vedere un intero PPV della NJPW si sa già cosa ci si aspetta nella prima metà dell’evento…e soprattutto cosa ci si aspetta dal primo incontro. Ebbene, questa volta si è assistito a qualcosa di discretamente divertente e assolutamente guardabile senza che il dito pollice inizi a tremare per la smania di schiacciare il pulsante del telecomando sul tasto FF, il tutto soprattutto grazie ai Tenkozy e Ricochet, sempre adorati dal pubblico.

RATE 2 out of 5 stars (2 / 5)

 

Bobby Fish, David Finlay, Kyle O’Reilly and Ryusuke Taguchi def. Manabu Nakanishi, Tiger Mask, Tomoaki Honma and Yuji Nagata @ 6:40

Vedere Nakanishi che quasi si spacca il collo con un botch durante un pescado…mi ha fatto veramente sobbalzare sulla sedia dell’autobus (si, EMG guarda sempre wrestling sui trasporti pubblici). Il match in se non è stato un granchè nonostante i ReDRagon (ho visto solo io O’Reilly ingra/o/ssato?). Obiettivamente un piccolo passo indietro rispetto al match di apertura, ma comunque un incontro sufficiente che regala al pubblico alcuni dei suoi begnamini

RATE 1.5 out of 5 stars (1,5 / 5)

 

Guerrillas of Destiny (Tama Tonga and Tanga Roa) defeated Roppongi Vice (Beretta and Rocky Romero) @ 8:35

Match di coppia normalino normalino…la coppia Samoana (o di dovunque essa sia) continua a non convincere…macchinosa senza idee e troppo spesso noiosa. Dall’altro lato i Rappongi Vice sono un ottimo tag team che in passato ha regalato ottimi incontri…non in questo caso. La vittoria va ai membri del BC…e dopo si capirà il perchè…ma incontro che segna un pò la fase calante della categoria di coppia nella promotion giapponese…forse un po troppo logorata dalla poca innovazione e dal continuo immobilisimo.

RATE 1.8 out of 5 stars (1,8 / 5)

Chaos (Hirooki Goto and Tomohiro Ishii) defeated Bullet Club (Chase Owens and Yujiro Takahashi) @ 9:39

Altro match match di coppia e altro incontro che segue i filoni classici della prima metà degli eventi made NJPW. Neppure Goto e Ishii (entrambi a regime molto limitato…non che si siano sforzati troppo) sono riusciti a far emergere una contesa piuttosto anonima nella quale solamente C.Owens ha fatto vedere cose buone e voglia di far divertire. Takahashi non pervenuto. A EMG non piace scrivere queste cose…però non è neppure colpa sua se lo spettacolo proposto non rispetta le attese di un fan. Altro match sufficiente e nulla di più

RATE 1.8 out of 5 stars (1,8 / 5)

 

Hiroshi Tanahashi, Juice Robinson, Kushida and Michael Elgin defeated Los Ingobernables de Japón (Bushi, Evil, Sanada and Tetsuya Naito) @12:38

Partiamo dal presupposto che vedere J.Robinson a metà card…deve inorgoglire il ragazzo. A parte questo inutile commento, il 4vs4 è stato un match godibile e ben bookato. Ovvio che tutto il teatrino sia stato costruito per risaltare il ME di Destruction in Kobe…però quando le cose sono fatte bene, anche se sono ovvie è giusto ribadirlo. La storia è stata chiara: Ingobernables Vs Elgin, che ovviamente esce vincitore sul ring ma sconfitto fisicamente per la sfida di domenica. Infatti, il continuo lavoro all’arto inferiore dell’atleta, aveva proprio come scopo quello di indebolirlo in vista della sua difesa del titolo intercontinentale. Interessante anche il post match dove KUSHIDA ha fatto presente a Bushi la sua voglia di rivincita…il titolo deve tornare a casa. Tecnicamente parlando non si sono viste cose eccelse, ma l’incontro è stato estremamente solido.

RATE 2.5 out of 5 stars (2,5 / 5)

Tag team match for the IWGP Tag Team Championship

The Briscoe Brothers (Jay Briscoe and Mark Briscoe) (c) defeated The Young Bucks (Matt Jackson and Nick Jackson) @ 15:02

EMG Aveva molte aspettative da questo incontro e sebbene la contesa sia stata gradevole, ci siamo trovanti ad osservare un match del posso ma non voglio. Incontro lineare che non è mai decollato del tutto ma che ovviamente non ha annoiato visto che nel ring si affrontavano due dei miglior tag team del wrestling contemporaneo…e proprio per questo motivo nasce la delusione. Alla fine, poi ci viene spiegato…che l’incontro non aveva nulla in palio se non l’intervento di Tama Tonga ed il suo fiero compagno che si sono detti pronti a riprendersi i titoli dei Briscoe…perchè in Giappone comanda il Bullet Club….Insomma altro incontro propedeutico al futuro…

RATE 2.3 out of 5 stars (2,3 / 5)

 

ROH World Championship

AdamCole (c) defeated Will Ospreay @12:17

Finalmente, dopo 6 incontri, la card proponeva un 1Vs1…e non un 1vs1 qualunque, ma Adam Cole contro Will Ospereay. Ovvio che l’attesa c’era perchè sulla carta il match prometteva spettacolo…spettacolo che c’è stato ma che non è mai andato fuori da quello che comunemente si dovrebbe vedere in un incontro con due lottatori del genere sul quadrato. Il britannico è un ottimo flayer (anche se si porta sulle spalle un corpo martoriato da infortuni) o dategli l’aggetivo che volete, ma manca ancora molto in ciò che riguarda la conduzione del match, la personalità e la mimica facciale necessaria per saper vendere i colpi dell’avversario. Cole è Cole, lottatore completo in grado di sorreggere un match da solo, anche solo a livello di intrattenimento. Quello che ne esce è una contesa carina ma sterile che non ha mai dato l’impressione dell’incertezza del risultato. Una piccola delusione.

RATE 2.3 out of 5 stars (2,3 / 5)

 

Kazuchika Okada (with Gedo) defeated Bad Luck Fale (with Yujiro Takahashi) @ 17:03

Ci è voluto Okada per risvegliare un pubblico un po assopito…questo a dimostrare come nel wrestling ci potranno essere fenomeni incompresi, ma alla fine il pubblico paga per chi vuole realmente vedere. Ma veniamo al match…L’inizio è tutto a favore del membro del BC che grazie anche all’intervento di Takahashi domina senza se e senza ma, cercando di mettere fuori uso il braccio utile per connettere con la rainmaker, che in chiave storia raccontata non fa una grinza. Immagino abbiate già capito come sia proseguito…ebbene non vi sbagliate, ritorno di Okada fino al pin vincente. Detto ciò, scontato come i saldi estivi, il match è stato carino e divertente grazie anche a una delle migliori prestazioni di Fale, incognita di questo incontro. Alla fine contesa scontata che per lo meno non ha lasciato nulla al caso.

RATE 2.5 out of 5 stars (2,5 / 5)

 

Tokyo Dome IWGP Heavyweight Championship challenge right certificate

Kenny Omega (with Matt Jackson and Nick Jackson) defeated Yoshi-Hashi (with Hirooki Goto) @24:44

Ci sono volute tre ore per vedere finalmente un incontro con la M (di Match) maiuscola. Buona la prestazione di entrambi i lottatori, ma non sicuramente eccelsa, sicuramente superiore ai match precedenti, anche se la cosa non era troppo complicata. Vince ovviamenete Omega che si dimostra come sempre un animale da ring in grado di ben figurare contro qualsiasi tipologia di lottatore si trovi davanti (cosa rara nel wrestling)…vince moralmente YOSHI-HASHI, che esce dal main event a testa alta dimostrando come la NJPW i wrestler bravi li abbia…bisogna solo aver il coraggio di proporli…vero Gedo?

RATE 3.8 out of 5 stars (3,8 / 5)

 

PPV RATE 2 out of 5 stars (2 / 5)

PPV sufficiente e nulla di più, quello presentato dalla NJPW, nessun incontro degno di nota, evento stanco che si è trascinato annoiando durante tre ore salvato, almeno per una piccola porzione, da un degno main event seppur non eccelso. La NJPW non riesce ad uscire da questo torpore che ormai la attanaglia da vari mesi. Ogni tanto propone buoni match, ma il livello generale si è notevolmente abbassato rispetto agli anni precedenti. Il continuo proporre questi match senza filo logico…il proporre ppv inutilmente divisi in due date, non fa bene alla compagnia e non fa bene soprattutto allo spettacolo. Secondo EMG la unica nota positiva è stata quella di vedere una faccia nuova in un ME, anche se la cosa ha ovviamente il lato oscuro della medaglia…E’ vero che abbiamo visto un lottatore fresco nel match più importante dell’evento, ma con quale credibilità è stato presentato…qualcuno di voi…con quella stipulazione, ha pensato che Omega avrebbe potuto perdere l’incontro?

EMG OUT!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Enrico Maria Gorreri

EMG...semplicemente EMG

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com