WTW REVIEW: ROH All Star Extravaganza 2016

All Star Extravaganza 2016 si presentava con una card molto interessante e che prometteva spettacolo. La Ring of Honor ha vissuto gli ultimi periodi della sua vita con alti e bassi, presentando incontri di livello e vere e proprie delusioni. Saranno cambiati dei titoli? Chi avrà vinto la guerra delle scale…si effettivamente così chiamata perde un po di fascino…chi avrà vinto la Ladder War? …ecco così va decisamente meglio…

ROH TV Title Match

Bobby Fish def. Donovan Dijak @ 11:44 via referee stoppage

Se ci fosse stato un “romurometro” avremmo appurato come la maggior parte del pubblico era dalla parte del lottatore giovane. Dijak piace, piace perchè è un big man con un ottima prospettiva di crescita e che sul ring ci sa stare non solo tecnicamente ma anche come presenza scenica, nonostante sia ancora acerbo e manchi di cardio (guardatelo dopo soli 5 minuti, lenti di incontro). Il match comunque si fa guardare senza ovviamente brillare. Giusta la storia raccontata in ring con Fish che, nettamente in svantaggio fisico, cerca di lavorare gli arti inferiori del rivale per prerare l’epilogo del match. Nel complesso una contesa più che sufficiente.

RATE: 2.5 out of 5 stars (2,5 / 5)

For a Shot at The ROH Tag Team Titles

Dalton Castle and Colt Cabana def. War Machine, Rhett Titus & Kenny King and Shane Taylor & Keith Lee @ 8:45 via pin 

Match divertente ma esageratamente strutturato…era presente un copione ed i lottatori lo hanno seguito alla lettera. Ovvio che tutti gli incontri sono così, diverso è che lo si noti tanto marcatemente. Mattatore della serata decisamente il sempre ottimo Dalton Castle che ruba la scena prendendosi anche il pin finale vincente. Gli All Night Express erano classiche vittime sacrificali, mentre gli altri quattro mastodontici atleti hanno proseguito nella costruzione della loro faida. Se devo essere sicero era da tempo che non vedevo due lottatori così immensi (Taylor e Lee) così agili sul ring…coppia interessante vedremo cosa la ROH ne vorrà fare.

RATE: 2 out of 5 stars (2 / 5)

Dragon Lee def. Kamaitachi @ 16:05 via pin 

Incontro in ROH come non se ne vedevano da un tempo. Bello e divertente, caratterizzato da manovre dal tasso di coefficiente molto alto che hanno portato ovviamente ad un paio di botch alcuni dei quali dal possibile risultato pericoloso. EMG è contro il rischio inutile, però ovvio che vedere queste cose esalta e appassione (vedasi il Phoenix Plex trasformato in una Canadian Destoryer). Detto questo, seppur il match non aveva nulla in palio, la costruzione è stata logia ed intelligente. Una prima parte a favore del nipponico, una seconda a favore del messicano e una parte finale con tanti near fall. Nel complesso un match assolutamente da non perdere.

RATE: 4 out of 5 stars (4 / 5)

Kyle O’Reilly def. Adam Page @ 9:58 via pin 

Questo O’Reilly aumentato di peso continua a non convincere EMG. Il lottatore ha perso brillantezza e cardio e sul quadrato lo si nota. Non so quale sia stata la sua motivazione, ma per il momento i risultati non si sono ancora visti…anzi. Il match in se è stato più che sufficiente ma nulla di più. Si sono visti scambi interessanti, ma sono rimasti elementi a se stanti, per il resto un match piuttosto lento e macchinoso salvato comunque dal fatto che le persone in ring sanno come portare avanti una contesa.

RATE: 2 out of 5 stars (2 / 5)

ROH Six-Man Tag Title Tournament Match

KUSHIDA, ACH and Jay White def. The Briscoes & Toru Yano @ 14:18 via pin

3v3 dalla costruzione e dall’andamento classico. Partenza lenta con qualche picco qua e là per poi arrivare alle fasi finali con alcuni falsi finali e un po di confusione tipici di queste tipologie di contese.  Altro incontro più che sufficiente che non annoia ma che non decolla mai rimanendo nel purgatorio dei midcarder seppur il minutaggio concessogli sia stato di tutto rispetto. Nel complesso gli interpreti usano intelligentemente i propri spot e i quasi 15 minuti passano senza neppure accorgersene.

RATE: 2.3 out of 5 stars (2,3 / 5)

Jay Lethal def. Tetsuya Naito @ 13:10 via pin

La sete di vendetta di lethal contro colui che avrebbe dovuto spalleggiarlo nella sua guerra contro il Bullet Club, Naito e che invece lo aveva inesorabilmente tradito. Così si presenta uno degli incontri più attesi della serata…ed il pubblico si divide. Match solido ma non tra i migliori che i due lottatori abbiano combattuto. Diciamo così, una start up per il titolo intercontinentale della Njpw. Non sarà la última volta che vedremo combattere uno contro l’altro questi due atleti uno contro l’altro. L’impressione è che siano andati avanti con il freno a mano tirato proprio per sparare tutte le cartucce al momento giusto, che immagino, a questo punto, dopo la vittoria di Lethal, sarà durante un PPV sul suolo nipponico. Piccola delusione.

RATE: 2.5 out of 5 stars (2,5 / 5)

ROH World Title Match

Adam Cole vs. Michael Elgin @ 14:10 via pin

Il match é caratterizzato da un ritmo alto fin dall’inizio,  con Elgin che cerca di dettare legge con il suo repertorio di Power Move e Cole che resiste ed appena ne ha la possibilità cerca di ridurre la mobilità del canadese colpendolo ripetutamente al ginocchio. Tuttavia si assiste ad una contesa “normale” non degna dei livelli standard che dovrebbe avere la difesa titolata della cintura più importante della compagnia. Secondo EMG la collocazione del match, come pre main event, ha tolto un po di interesse e ha spoilerato involontariamente il finale. Diciamo che entrambi i lottatori hanno avuto giorni migliori. Vedremo ora quale sarà il destino di Cole e sopratutto di quello di Elgin che in poco meno di una settimana ha perso due incontri contri valevoli per prestigiose cinture di due compagnie differenti. Seconda piccola delusione.

RATE: 2.5 out of 5 stars (2,5 / 5)

ROH Tag Team Title Ladder War Tag Team Title Match

The Young Bucks def. Champions The Addiction and The Motor City Machine Guns @ 23:44

Il miglior tag team match dell’anno e uno dei migliori TLC (o chiamatelo come volete) della storia ha chiuso l’ultimo ppv della Ring of Honor. Quando si vedono questi incontri, non sono necessarie tante parole, sarebbe semplicemente sufficiente prendersi 25 minuti della propria vita e dirigerli verso un divano ed una televisione. Match pazzesco. Palma d’oro agli Addiction che nonostante l’età sono ancora in grado di sfornare prestazioni sontuose e di prendersi bumb di tutto rispetto, impeccabili gli Young Bucks, sotto tono i MCMG. Questo il lato positivo, però dovreste sapere che EMG è un brontolone e dopo 30 anni di Wrestling cerca il pelo nell’uovo…la domanda è: in incontro di queste fattezze, così bello e fluido perchè mettere un’interferenza e rubare protagonismo ai lottatori sul ring? Sono cose che faccio sempre fatica a comprendere fino in fondo e che non apportano nulla alla storia raccontata in ring e che in questa occasione non era assolutamente necessaria.

4.3 out of 5 stars (4,3 / 5)

PPV RATE  3.5 out of 5 stars (3,5 / 5)

Ppv solido che sopravvive grazie a due splendidi match che lo sorreggono e lo innalzano ad un livello superiore. Se non fosse stato per la Ladder War e per Komaitachi Vs Dragon Lee, in questo momento starei parlando di un evento totalmente differente. Peccato perchè secondo EMG si sarebbe potuto fare molto di più. Possiamo dirlo, non tutte le ciambelle escono con il buco e con il senno di poi Lethal Vs Naito e Cole vs Elgin sono stati due piccole delusioni, grandi se le si giudica basandosi sugli interpreti. Nel complesso comunque un Ppv che non ha assolutamente annoiato, ma che merita di essere visto per la presenza di due sopra citati incontri.

Enrico Maria Gorreri

EMG...semplicemente EMG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com