UFC 201 era il primo PPV dopo la clamorosa vendita della compagnia…era il primo PPV dopo la nuova squalifica di Jon Jones…era un PPV che non presentava una card, diciamo, molto succulenta ma che vedeva nel main event ritornare quel lottatore, Robbie Lawler, che, insieme a Carlos Condit, aveva da vita ad uno degli incontri più belli dell’anno se non il più bello. Diciamo così, un evento sottovalutato, passato un po sotto traccia…Sarà stato veramente così, oppure avrà regalato emozioni? Se volete saperlo come sempre mettetevi comodi, indossate un paio di occhiali se ne avete bisogno, e lasciatevi condurre da EMG nello splendido mondo delle arti marziali miste…

Flyweight Division

Ryan Benoit (Usa, 8-4) def. Freddy Serrano (Colombia, 3-0) by Decision (split) (28-29, 29-28, 29-28)

TALE OF THE TAPES: Freddy Serrano è imbattuto, ha un background olimipico (2008) e detiene il record nella categoria Flyweight della vittoria più rapida (0:44). Benoit ha 7 vittorie per Knockout di cui 5 sono venute al primo round. L’americano ha dieci anni in meno del lottatore colombiano ed un consistente vantaggio di reach.

VERDETTO: Incontro divertente, tecnicamente “strano”. Serrano è un lottatore estremamente originale nella conduzione dei match. Fa cose che difficilmente si vedono nel ring, Benoit è un molto più classico ma poco incisivo. Nel complesso si vedono molte cose: Axe Kick, takedown, capriole…tutte di Serrano, ad indicare la peculiarità del incontro. La vittoria va per split decision a Benoit…verdetto discutibile visti anche i 5 takedown del colombiano. Fischi dal pubblico.

RATE 2.3 out of 5 stars (2,3 / 5)

 

Bantamweight Division

Erik Perez (Mex, 15-6) def. Francisco Rivera (Usa, 11-6, 1NC) by Decision (unanimous) (30-26, 30-26, 29-28)

TALE OF THE TAPES: Peres ha, nei suoi record, 10 vittorie nel primo round e il più veloce Knockout nella storia della UFC/WEC BW (0:17). Rivera è un “selvaggio” del ring. Lottatore aggressivo e molto pericoloso ha dalla sua 8 vittorie per knockout. Perez è otto anni più giovane di Rivera. Due fighter abituati a finire i loro incontri rapidamente.

VERDETTO: Ci si aspettava un incontro arrembante e lo si è visto solo nei primi 45 secondi del terzo round. Per il resto un discreto incontro, più controllato del previsto. C’è anche da sottolineare che Rivera non saliva sul ring da quasi 9 mesi. Vince giustamente Perez, però ancora una volta Rivera si dimostra lottatore dal grande cuore e senza paura.

RATE 3 out of 5 stars (3 / 5)

 

Welterweight Division

Jake Ellenberger (Usa, 30-11) def. Matt Brown (Usa, 22-14) by TKO (kick to the body and punches) – I Round, 1:46 –

TALE OF THE TAPES: Ellemberger è un lottatore estremamanete pericoloso, ha dalla sua parte 20 vittorie per Knockout ed ha una grandissima abilità nel difendere i takedown…un veterano del ring. Brown ha vinto i suoi ultimi 6 incontri prima del limite. Così come il rivale, lottatore agressivo ed estremamente pericoloso…altro veterano…

VERDETTO: Partenza scoppiettante di Ellemberger che manda, prima, al tappeto Brown dopo pochi secondi, e poi lo finisce dopo un minuto con un kick al corpo brutale che non lascia scampo al rivale. Grandissima prova del veterano, che si dimostra ancora una volta un grandissimo striker.

RATE 3.5 out of 5 stars (3,5 / 5)

 

Women’s Strawweight Division

Karolina Kowalkiewicz (Pol, 9-0) def. Rose Namajunas (Usa, 6-2) by Decision (split) (28-29, 29-28, 29-28)

TALE OF THE TAPES: KK è ancora imbattuta e vanta 3 vittorie nel primo round. RN è un eccellente grappler, che ha nei takedown il suo punto forte. Incontro che si presenta molto interessante e tecnicamente molto complesso. La lottatrice americana è sette anni (24) più giovane della polacca.

VERDETTO: Incontro bello ed estremamente equilibrato. Entrambe le lottatrici hanno fatto ciò che sanno fare meglio. Per riassumere l’incontro in poche parole, basterebbe dire solamente che è mancato il colpo risolutivo. Kowalkiewicz e Namajunas sono due ottime atlete, ed un terzo round ha favore della polacca ha fatto la differenza nel match assegnadole una giusta vittoria per split decision.

RATE 3 out of 5 stars (3 / 5)

 

Welterweight Divison 

Tyron Woodley (Usa, 15-3) def. Robbie Lawler (c) (Usa, 27-10, 1NC) by KO (punches) – I Round, 2:12 –TALE OF THE TAPES: Woodley è un ex NCAA All-American Wrestler, ha il 95% di Takedown Defense ed ha ottenuto 8 vittorie nel primo round. Il campione è un lottatore estremamente aggressivo, viene da cinque vittorie consecutive e vanta 20 vittorie per knockdown. Quattro degli ultimi suoi 6 incontri, hanno vinto per il premio di Fight of The Night.

VERDETTO: Un destro…è bastato un colpo ben assestato con il braccio destra per mandare al tappeto Lawler e scrivere con il fuoco la parola FINE sull’incontro dopo soli 3 minuti (più o meno) del primo round. Solo questo si è visto in questo incontro, nulla di più…ma è bastato. Finisce qui la striscia di vittorie dell’ormai ex campioni…inizia, invece, il regno di Woodley.

RATE 3.5 out of 5 stars (3,5 / 5)

 

PPV RATE RATE 3 out of 5 stars (3 / 5)

Evento godibile ed in alcuni tratti divertente. Non ci saranno stati i grandi nomi, ma c’è stata della buona lotta. Abbiamo visto un po di tutto, knockout, capriole, match equilibrati…il pubblico non si è sicuramente annoiato. Finisce il regno di Lawler che a mio modo di vedere sarebbe dovuto finire già con Condit ed inizia quello di Woodley, lottatore estremamente completo che dovrà dimostrare con i risultati quanto ottenuto oggi sul ring ottagonale. L’appuntamento è per UFC 202…il ritorno di McGregor che cercherà la sua rivincita contro Diaz.

 

EMG OUT!