WTW REVIEW: WWE Elimination Chamber 2019

Benvenuti a una nuova WTW Review, oggi parleremo di WWE Elimination Chamber 2019, l’evento si è svolto nella nottata italiana al Toyota Center di Houston in Texas. Inoltre sono state assegnate le cinture di coppia femminili, un evento storico per la federazione. A scrivere sarà oggi il vostro Lorenzo Fanti. Vediamo nello specifico cosa è successo…

WWE Cruiserweight Championship Match: Buddy Murphy (c) def. Akira Tozawa via Pinfall

Il match del kickoff per questo ppv, in palio c’era il titolo Cruisweight detenuto da Buddy Murphy contro il giapponese Akira Tozawa, fresco #1 contender dopo il Fatal Four Way Match svoltosi a 205 Live. Come sempre il sinonimo di 205 Live è stato qualità, spettacolarità e anche in questo incontro non mi hanno deluso. Tozawa è stato un degno avversario per il campione grazie alla sua velocità e alla sua grande tecnica mostrata nello svolgimento delle mosse aeree. Il titolo è stato vicino più volte a cambiare detentore, ma dopo un grande match da parte di entrambi i contendenti Murphy ha chiuso lo stesso con lo schienamento vincente che lo ha confermato campione. Non c’era un modo migliore per iniziare il ppv.

4 out of 5 stars (4 / 5)

Tag Team Elimination Chamber match for WWE Women’s Tag Team Championship: Bayley & Sasha Banks def. Naomi & Carmella,
Nia Jax & Tamina, The Riott Squad (Liv Morgan & Sarah Logan), Mandy Rose & Sonya Deville, The IIconics (Billie Kay & Peyton Royce) via Submission

Il match considerato opener del main show, in palio per la prima storica volta nella WWE le cinture di coppia femminili. Per di più è stata scelta la speciale stipulazione del Tag Team Elimination Match e soprattutto dentro la gabbia dell’ Elimination Chamber. Le coppie a contendersi questi titoli erano per di più formate da stable o team già uniti prima dell’incontro. Mi aspettavo un qualcosa di più da questo incontro e se devo essere sincero con voi non mi ha deluso anche se guardando il pelo nell’uovo poteva essere gestito un pelo meglio. Subito sul ring le favorite dalle quote americane Sasha Banks e Bayley contro Mandy Rose e Sonya Deville. Poi a loro si sono aggiunte la The Riott Squad e e le The Iiconics. Anche con l’ingresso di Naomi e Carmella non ci sono state eliminazioni. Le prime ad essere eliminate sono state proprio quest’ultime, ma la scossa grossa è stata data da Tamina e Nia Jax così come c’era da aspettarsi. Le ultime due a rimanere sul ring sono state proprio le prime due coppie salite sul ring con mia grande sorpresa dato che non mi aspetto in primis l’eliminazione di Tamina e Nia Jax, ma soprattutto la permanenza così lunga di Mandy Rose e Sonya Deville. Alla fine a spuntarla per sottomissione è stata Sasha Banks che ha così portato la vittoria finale al team composto da lei e Bayley, complimenti vivi alle prime storiche campionesse di coppia.

3.8 out of 5 stars (3,8 / 5)

WWE SmackDown Tag Team Championship Match: The Usos (Jey Uso & Jimmy Uso) def. The Miz & Shane McMahon (c) via Pinfall

Sembrava che l’incontro in questione potesse anche venir modificato o forse anche cancellato dopo l’arresto nella scorsa giornata di Jey Uso, ma alla fine è stato deciso di non modificarlo, meglio così. Tornando a ciò che ho visto The Miz e Shane McMahon hanno lavorato molto bene di squadra a inizio match, con un ottima coesione. Poi sono stati gli sfidanti, i The Usos, a farsi avanti e a mettere in difficoltà i campioni di coppia dello show blu. Dopo un volo dalla terza corda di Shane per mettere fuori gioco (sopra il tavolo) uno due sfidanti, sul ring invece The Miz è andato vicinissimo alla vittoria ma Jey Uso è riuscito a rigirare lo schienamento e hanno così conquistato le cinture diventando i nuovi campioni. Una faida nata nelle ultime puntate e secondo me conclusa degnamente con questo match.

3.5 out of 5 stars (3,5 / 5)

Handicap match for WWE Intercontinental Championship:  Finn Bálor def. Bobby Lashley (c) & Lio Rush via Pinfall

Uno sfidante degno di nota per Bobby Lashley, soprattutto in grado di mettere in forte pericolo la sua cintura. La stipulazione del match titolato era dalla sua parte, un handicap match tra Lashley e Lio Rush contro Finn Balor. Dopo una prima parte di match dominata da Lashley, Rush ha cercato di fare il passo più lungo della gamba prendendo il posto sul ring e iniziando così la fine del regno di Lashley. Prima non è riuscito a dargli nuovamente il cambio per il blocco di Balor, poi invece è andato a perdere consegnando così la cintura allo sfidante. Per Balor si tratta della prima vittoria del titolo, ovviamente meritatissima. Vivi complimenti al nuovo campione intercontinentale, vedremo come potrà elevare quel titolo spesso mistrattato. La scena dopo il match ha di fatto reso il finale un addio tra Lashley e il suo manager Lio Rush. Ho trovato questo incontro veramente interessante anche se non spettacolare, soprattutto per la vittoria finale di Balor che si meritava certamente.

3.5 out of 5 stars (3,5 / 5)

WWE Raw Women’s Championship Match: Ronda Rousey (c) def. Ruby Riot via Submission

Un incontro che di per se è durato veramente pochi minuti, Ronda Rousey ha sconfitto senza problemi per sottomissione la sfidante, Ruby Riott. Quindi mi viene difficile parlare del match in se, ma almeno Ronda ha fatto vedere alla sua sfidante di WrestleMania 35 la sua potenza anche se non ce ne era bisogno. La cosa migliore è successa appena il match si è concluso quando Charlotte ha raggiunto Ronda sul ring ma all’improvviso ed a sorpresa dal pubblico è apparsa zoppicante e con le stampelle Becky Lynch. Quest’ultima quando è arrivata sul ring ha prima attaccato il suo “rimpiazzo” per Wrestlemania Charlotte Flair, poi sempre con la stampella anche la confermata campionessa Ronda Rousey. Questo ha fatto si che ogni dubbio su un possibile Triple Threat tra di loro nel ppv maggiore della compagnia sia più che una semplice voce di corridoio. Il segmento finale ha fatto guadagnare diversi punti in più al match in se.

3.8 out of 5 stars (3,8 / 5)

No Disqualification match: Baron Corbin def. Braun Strowman via Pinfall

Trovo che la faida tra di loro si sia protratta più a lungo di quello che doveva, è dal tempo che Corbin era il GM di Raw che tra di loro non c’e un buon rapporto di “lavoro”. La stipulazione del match che era un No Dq, ha comunque dato dei punti a favore dato che ha reso il tutto veramente imprevedibile e le due superstar delle mine vaganti sul ring e fuori dallo stesso. Braun Strowman era a un passo dalla vittoria fino all’intervento di Bobby Lashley e Drew McIntyre in aiuto di Corbin. Dopo aver colpito Strowman con diverse armi, una tripla Powerbomb su due tavoli impilati ha dato la resa finale per Braun. Un match che personalmente ho trovato un po’ scontato e senza una trama logica.

2.5 out of 5 stars (2,5 / 5)

Elimination Chamber match for WWE Championship: Daniel Bryan (c) def. AJ Styles, Jeff Hardy, Randy Orton, Samoa Joe & Kofi Kingston via Pinfall

Il match della serata, il miglior incontro del ppv a livello qualitativo, al suo pari o leggermente sotto ho trovato solo il match dei pesi leggeri nel Kickoff. I nomi sul ring non potevano che dimostrare un qualcosa di importante, basta pensare al WWE Champion Daniel Bryan, AJ Styles, Jeff Hardy, Randy Orton e due possibili outsider come Samoa Joe e Kofi Kingston. Insomma le premesse erano molto buono e per fortuna di chi lo ha seguito live come me si sono decisamente mantenute. I primi a fare il loro ingresso sul ring sono stati Samoa Joe e AJ Styles, prontamente seguiti da Daniel Bryan e Kofi Kingston. AJ Styles ha eliminato Joe, poi ha fatto il suo ingresso anche Jeff Hardy. Il campione ha eliminato quest’ultimo. L’ultimo a uscire dalla “cella” di vetro è stato Randy Orton che ha fatto dopo qualche minuto subito una vittima eccellente, AJ. Ma Kofi è stato una grande sorpresa eliminando il Legend Killer. Sono così rimasti Kofi e Daniel Bryan sul ring come ultimi due, il duello finale tra di loro è stato ben fatto e veramente ideale per i miei gusti. Ma alla fine dopo aver resistito per diverse mosse al campione non ha potuto che soccombere sotto le sue gesta. Una gran bella conferma per Daniel Bryan e soprattutto una grandissima prestazione da parte di Kofi Kingston, una come non ne vedevo da anni da parte sua.

4.3 out of 5 stars (4,3 / 5)

PPV RATE

3.5 out of 5 stars (3,5 / 5)

Lorenzo Fanti

Un fan da sempre della WWE, seguo la compagnia da quando era su Mediaset con Rey, Chris Benoit, Kurt Angle, JBL, Booker T e tanti altri. Inoltre seguo con grande passione Impact Wrestling, una compagnia spesso sottovalutata ma che fa ottimi show. Poi ho interesse anche nelle Indy europee. Non disdegno di seguire anche tutte le altre federazioni, ognuna può dare qualcosa alla passione della gente.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com