WTW REVIEW: WWE Summerslam 2018

Benvenuti a una nuova WTW Review, oggi parleremo di WWE Summerslam 2018, l’evento si è svolto nella nottata italiana. A scrivere sarà oggi il vostro Lorenzo Fanti. Vediamo nello specifico cosa è successo…

Zelina Vegas & Andrade Cien Almas def. Lana & Rusev

L’opener dello show, il match a coppie miste non era effettivamente il massimo della mia aspettativa per lo show, ma non è stato male alla fine. Lana e Zelina Vegas sono state le vere protagoniste dell’incontro anche se non ha avuto molto minutaggio in generale. La stessa Zelina ha portato a casa una bella vittoria con uno schienamento anche se aiutata dall’uso illecito delle corde. Però ci può stare una vittoria sporca per Almas e Zelina.

(2,5 / 5)

WWE Cruiserweight Championship Match: Cedric Alexander (c) def. Drew Gulak

Uno dei match dal quale mi aspettavo molto, la tecnica e la qualità di 205 Live era alla base delle mie alte aspettative. E’ andata così come credevo e sono rimasto piacevolmente sorpreso dalla bellezza del match, Cedric Aleaxnder e Drew Gulak sono stati bravissimi a interpretarlo. Il lottato inoltre è stato di grande livello e non c’e stato niente che non mi sia piaciuto. La vittoria e conferma titolata del campione ci poteva stare, ma secondo me era l’ora per iniziare un nuovo regno titolato ma si vede che la compagnia ha altre idee per la mente.

(3,8 / 5)

Raw Tag Team Championship Match: The B-Team (Bo Dallas e Curtis Axel) (c) def. The Revival (Dash Wilder e Scott Dawson)

Poteva essere un nuovo inizio per i The Revivals, ma così non è stato dato che sono usciti sconfitti da questo match titolato continuando la loro striscia negativa di risultati. Hanno lottato alla pari con i campioni, i The B-Team, e avevano anche vinto se non fosse stato per la distrazione portata all’arbitro. Ma alla fine conta solo quello che può vedere l’ufficiale di gara sul ring e la fortuna con la furbizia sono stati ciò che ha portato alla conferma titolata di Bo Dallas e Curtis Axel. Mi aspettavo un po’ di più da questo incontro personalmente.

(2 / 5)

WWE Intercontinental Championship Match: Seth Rollins (w/Dean Ambrose) def. Dolph Ziggler (c) (w/Drew McIntyre) 

Il secondo match titolato del ppv, Dolph Ziggler ha trovato di fronte a se Seth Rollins e il suo nuovo “amico” Dean Ambrose (seppur fosse il manager). Ma anche lui aveva la sua guardia del corpo per l’occasione, lo scozzese Drew McIntyre. Come era ben immaginabile ogni interferenza da parte dei due manager era più che attesa e si sapeva ancora prima di iniziare. Dolph Ziggler ha fatto un ottimo match, uno dei migliori del suo ultimo periodo alla WWE, ma anche Rollins non è stato da meno dato che la cintura in palio era un bello stimolo per lui. Le varie distrazioni da fuori ring hanno portato alla vittoria, seppur meritata, di Seth Rollins che diventa così il nuovo campione.

(3,3 / 5)

SmackDown Tag Team Championship Match: The New Day (Big E & Xavier Woods) (w/Kofi Kingston) def. The Bludgeon Brothers (Harper e Rowan) (c) via DQ

Un match nel quale i campioni, i The Bludgeon Brothers dovevano dimostrare qualcosa di importante dopo un regno che non posso definire ne ottimo ne disastroso, diciamo nella media. I loro avversari erano niente meno che un tag che ha avuto molte volte i titoli di coppia dei due roster, i The New Day. E’ stato molto intenso come incontro e ognuno dei due tag ha agito secondo loro metodo migliore, i campioni di potenza e i The New Day di agilità ovviamente. All’inizio è stato un semi dominio dei due big man poi gli sfidanti hanno preso in mano la situazione e il tutto si è riequilibrato. Per mantenere i titoli hanno dovuto ricorrere alla squalifica, è la prima volta che gli vedo così in difficoltà. Chissà se il trio avrà una nuova occasione per i titoli di coppia.

(3,5 / 5)

Money in the Bank contract Match: Braun Strowman def. Kevin Owens

Un incontro che si può quasi considerare uno squash match, Braun Strowman in due minuti contati ha distrutto e massacrato un inerme Kevin Owens che non è mai stato in grado di contrastarlo. Devo dire che questa vittoria ci può stare in chiave creare uno Strowman imbattibile e come storyline che ha portato fino al match confermo che la vittoria del detentore della valigetta è più che coerente.

(3 / 5)

Triple Threat match for WWE SmackDown Women’s Championship: Charlotte Flair def. Carmella (c) & Becky Lynch 

L’incontro che ha avuto una delle costruzione migliori nelle varie puntate settimanali di Smackdown Live, Carmella e Becky Lynch sono state delle ottime interpreti per questa storyline poi l’arrivo alla fine di Charlotte nello stesso match, una che di possedere titoli se ne intende, è stato un toccasana che ha reso questo match ancora più interessante di quello che già era. Tutte e tre hanno fatto un buon match come livello di lottato, hanno avuto molte possibilità per arrivare alla vittoria  ma la più lesta e astuta nel finale è stata Charlotte Flair, ha vinto ed è diventata la nuova campionessa per la sua settima volta in carriera. L’attacco a fine match di Becky contro la nuova campionessa è stato un colpo di scena, ma così può rilanciarsi molto più facilmente.

(3,8 / 5)

 WWE Championship Match:  Samoa Joe def. AJ Styles (c) via DQ

Siamo arrivati a questo incontro dopo diversi attacchi verbali (ovviamente di storyline) di Samoa Joe alla famiglia del WWE Champion AJ Styles. Rivedo il vecchio Samoa Joe in queste cose, un vero heel capace di tutto pur di poter portare fuori dalla sanità mentale il suo avversario, poi per questo match ha avuto una motivazione in più cioè quella di poter provare a portare a casa la cintura di campione. AJ è stato bravo a rimanere concentrato sul match e non cadere nelle sue provocazioni. Uno dei più belli del ppv come match, è stato di una grande intensità e non ci sono mai stati momenti morti seppur sia stato anche lungo l’incontro. La rabbia di AJ nel finale è partita e ha colpito Samo a Joe con una sedia di acciaio e portandolo così alla vittoria per squalifica. Rimane però campione.

(3,8 / 5)

The Miz vs Daniel Bryan

Un match del presente, ma una rivalità che proviene dal passato di entrambi fin da quando Bryan era solo un rookie in una delle prime edizioni di NXT e The Miz era il suo “pro” assegnatoli. Vedere Daniel Bryan sul ring è sempre una meraviglia per gli amanti del wrestling e in questo match ha fatto vedere che in fatto di tecnica non è secondo a nessuno, lui vive per lottare. E’ quasi impossibile vedere un suo match brutto. The Miz è sempre una sicurezza sul ring, riesce a trovare il punto di contatto con qualsiasi wrestler con cui lotti. A Summerslam non si sono nascosti per nulla e hanno lottato a viso aperto, entrambi avrebbero potuto portare a casa questa importante quanto storica vittoria. The Miz nel finale è stato furbo a usare un oggetto proibito passatogli da Maryse tra il pubblico e il risultato è lo schienamento decisivo.

(3,8 / 5)

Baron Corbin vs Finn Balor

Un incontro senza una base di partenza buona, forse fatto per evitare ai due wrestler, ormai senza una storyline decente da diverso tempo,  di rimanere senza un match al ppv e provare a rilanciarli con una buona prova in questo match. La sorpresa maggiore è il ritorno di Balor nella sua versione “demone”, una cosa che quando succede porta solo bene a lui. Di per se l’incontro è stato molto breve e potremmo definire anche questo uno squash match. Però la vittoria di Demon Finn Balor potrebbe essere un vero nuovo inizio per lui, lo spero vivamente dato che merita ben altri lidi. Baron Corbin non è mai stato pervenuto durante il match.

(3,3 / 5)

WWE United States Championship Match: Shinsuke Nakamura (c) def. Jeff Jardy

In palio c’era l’US Championship di Shinsuke Nakamura, Jeff Hardy aveva tutte le intenzioni per riprendere il suo titolo. Entrambi hanno una grande esperienza e che dire sono due dei miei preferiti quindi mi risulterebbe difficile dire qualcosa di negativo su di loro, ma voglio rimanere obiettivo in queste cose e non metterei mai davanti un mio giudizio retroattivo a quello che ho visto. Nakamura è sempre un maestro sul ring, la sua tecnica è sopraffina. Jeff Hardy è sempre lui e non puoi aspettarti che un bel match quando è dentro a un match. Tutto è stato un susseguirsi di mosse spettacolari e rapide che non hanno fatto mai dispiacere la visione dello stesso. Nakamura si è confermato nuovamente campione con lo schienamento vincente.

(3,5 / 5)

WWE Raw Women’s Championship Match: Ronda Rousey def. Alexa Bliss (c) 

Il match che attendevo di più dato che sul ring c’era la mia preferita, anzi le mie preferite di tutta la divisione femminile cioè Alexa Bliss e Ronda Rousey. Poi con tutta la storyline che c’e stata dietro, la costruzione del match titolato puntata dopo puntata di Monday Night Raw, si è alzato tantissimo l’hype che potevo avere io e della gente dato che anche su internet è sempre stato uno degli incontri dove la gente andava a parare il più delle volte. Ronda ha giocato di potenza, arguzia mentre Alexa Bliss è sembrata un po’ più impaurita del solito a lottare contro l’ex lottatrice MMA. Ronda ha dominato questo incontro e la ormai ex campionessa non ha potuto fare nulla per contrastarla diventando così la nuova campionessa femminile del roster rosso.

(4 / 5)

WWE Universal Championship Match: Roman Reigns def. Brock Lesnar (c)

Il main event del ppv targato WWE, la base era ben fatta e anche se non era uno dei match per il quale avrei fatto i salti di gioia poteva essere peggiore come incontro e ha raggiunto a mio avviso un discreto livello di piacimento e di lottato. Roman Reigne e Brock Lesnar non si sono risparmiati in nessun colpo ed è stata una dura lotta la loro. E’ coerente porre fine in questo modo al regno titolato di Brock Lesnar, Reigns inizia ora il suo regno come campione, vediamo chi sarà il suo prossimo sfidante.

(3,3 / 5)

PPV RATE

Un ppv che doveva essere un miglioramento rispetto ai precedenti, a mio avviso c’e stato una netta inversione di rotta ed è stato piacevole come evento. Ovviamente ha avuto i suoi alti e bassi ma in generale non posso lamentarmi di quanto visto. Abbiamo dei nuovi campioni e campionesse come Ronda Rousey, Roman Reigns, Seth Rollins. Insomma ci sono tutti i presupposti per ripartire e fare bene adesso…

(3,5 / 5)

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com