WWE live in New York

Chi ha avuto modo di leggere i miei report sulle “trasferte, sa che ultimamente sono più presente in Germania che in Italia. Infatti, presto o tardi, tornerò a parlarvi ancora di DWA e del Legend Tour 2018: prima però di trattare questo capitolo, Vi voglio raccontare della mia visita lampo a New York nello scorso mese di Marzo.

Dal 15/03/2018 e fino al 19/03/2018 mi è capitata una buona occasione (specie a livello economico) di visitare la città simbolo degli USA per la seconda volta: ci sono arrivato in un momento particolare, ovvero a ridosso di Wrestlemania 34 e a pochi giorni dalla chiusura dei negozi della nota catena di giocattoli “Toys R Us”, che da anni vendeva le action figures della WWE.

Inizierei proprio da quest’ultima poiché, come Vi racconterò a breve, la seconda esperienza è stata sicuramente una cosa improvvisata su due piedi: lo storico negozio di Times Square, credo uno dei più grandi in cui abbia messo piede, lo sapevo già chiuso e riconvertito ad altri usi. Ho così visitato le due “botteghe” sulla 1466 Broadway, e quelle nel “Manhattan Mall” vicino ad Herald Square: effettivamente semplici negozietti, se paragonati alla gloria del vecchio magazzino che ricordavo dalla visita del 2012.

Inoltre, le molteplici linee di giochi in saldo, faceva intuire che le glorie passate erano ben lontane: mi sono comprato dunque un Virgil “Wrestling Elite Flashback”, uno Sting basic e due Mattel retro di Goldberg e Seth Rollins a poco meno di 80 Euro al cambio attuale: nonostante i miei timori, nessun problema in dogana al ritorno, nonostante in valigia in sostanza ci fossero più figures che vestiti! Ahahaha!

Veniamo però al piatto forte di questa visita: per puro caso, ovvero camminando nei pressi del Madison Square Garden la sera del primo giorno, vengo a sapere che la WWE ha in programma un evento nella storia arena il giorno dopo: mi attivo dunque prima tramite la guida locale (invano), e poi direttamente io recandomi alle casse del palazzetto. Alla cassa, dopo aver spiegato quello che cercavo, trovo un messinese emigrato a New York (ah, com’è piccolo il mondo) che mi illustra i pochi biglietti rimasti.

Fatta la mia scelta, torno in hotel dove faccio una doccia: mangio rapidamente al Burger King due traverse sopra il Madison Square Garden, e mi metto in fila in attesa dell’apertura cancelli: ora, accusatemi di essere esterofilo, ma nulla a che vedere con la massa disordinata di caproni che ogni volta trovavo nei palazzotti italiani fino a quando sono andato.

Apertura puntualissima (se non un paio di minuti prima), flussi ben regolati da svariati ingressi, controlli rigorosi ma non invasivi, e soprattutto nessuna polemica o “mi faccia passare, io sono la nonna della zio, del nipote, dell’assessore di Monteriggioni”,

Mi accomodo quindi nel mio posto: il palazzotto si riempie rapidamente, e la WWE ci delizia con un divertente pre –show: dapprima ci invita a twittare con l’hastag #wwemsg per vedere pubblicati i nostri pensieri sul tabellone del Madison, poi organizza un piccolo concorso a premi con in palio due foto autografate da Seth Rollins, e poi con un sondaggio ci chiede che match di Wrestlemania vorremmo rivedere sui maxischermi tra Ultimate Warrior vs. Randy Savage, John Cena vs. The Rock, Shawn Micheals vs. Kurt Angle.

Un po’ a sorpresa, almeno per me, vince quest’ultimo: alla fine del match, viene poi mandato un recap delle ultime puntate di Raw e Smackdown. Ora è davvero tempo di show !

Il “WWE Road to Wrestlemania tour” si apre col botto, ovvero con le star di Smackdown ospiti all’interno del roster di Raw: AJ Styles, viene “infortunato” da Kevin Owens e Sami Zayn e non combatte quindi il suo tag team match. Va quindi in scena un Shinsuke Nakamura vs. Kevin Owens, che termina per squalifica quando Samy Zayn prova a riservare lo stesso trattamento riservato poco prima a Styles a Nakamura. Proprio Styles riemerge dal backstage e fa battere in ritirata i due cattivi. Ovation finale per Nakamura, davvero molto over questa sera.

Un’altra ovation imponente si avrà due match dopo, nello scontro tra Bray Wyatt e Matt Hardy: vincerà il primo, per la gioia dei presenti. Vi posso dire però che, dal vivo, l’entrata dell’ex Husky Harris è qualcosa di incredibile e solo quella di Undertaker a Treviso (qualche annetto fa) mi aveva messo i brividi in quel modo.

La cosa che però mi sorprende di più è venire a sapere che, questa sera, assisteremo ad un match per il titolo Universal tra Lesnar – Kane e Braun Strowman… vale a dire, signori, vedrò Brock Lesnar dal vivo! Il match è una battaglia tra bestie che picchiano durissimo, e vede trionfare Lesnar con un pin su Kane.

A fine match, i due del Bar provano ad infierire su Braun Strowman: pessima idea, giacché finiranno sbattuti su dei tavoli di legno! Le sorprese però non sono ancora finite… John Cena e Nikki Bella (ovvero i due piccioncini attualmente in crisi) sono anch’essi presenti per un mixed tag team match contro Elias e Sonya Deville.

Non me ne vogliano gli ammiratori, anche perché il buon Elias riesce in ogni caso a creare reazione nel pubblico: ma io lo trovo di un’inutilità pazzesca, utile solo per farsi pestare dal buono di turno.

Nel main event, The Miz ed il Miztourage combattono contro Finn Balor, Seth Rollins e Roman Reigns: il buon Roman, anche qui per mia gran sopresa, risulta poco fischiato ed anzi abbastanza applaudito.

Intendiamoci: le ovation per Strowman, Nakamura, Cena e (sì anche per lui) Brock Lesnar erano ben altra cosa. Mi aspettavo però un’ostilità maggiore verso il samoano.

Finisce quindi un evento con una card di tutto rispetto, di cui Vi ricordo i risultati:

1. Shinsuke Nakamura batte Kevin Owens per DQ, causa interferenza di Sami Zayn.
2. Cedric Alexander sconfigge Drew Gulak (complimenti ad Alexander, dal vivo – sul ring, è qualcosa di impressionante, per me è molto sottovalutato
3. Asuka ha la meglio su Mandy Rose
4. Bray Wyatt batte Matt Hardy
5. Sheamus and Cesaro conservano I Monday Night Raw Tag Team Championships in un Fatal 4-Way Match contro Titus Worldwide, New Day, Luke Gallows and Karl Anderson
6. Brock Lesnar mantiene il WWE Universal Championship in un Triple Threat Match con Braun Strowman and Kane
7. Alexa Bliss conserva il Monday Night Raw Women’s Championship in un Triple Threat Match contro Sasha Banks and Bayley.
8. John Cena and Nikki Bella sconfiggono Elias Samson and Sonya Deville
9. Roman Reigns, Seth Rollins and Finn Bálor hanno la meglio sul WWE Intercontinental Champion The Miz, Curtis Axel and Bo Dallas

Grazie per l’attenzione, ed alla prossima!

 

 

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com