WWE NXT TakeOver San Antonio 2017 Report

Salve a tutti, appassionati di wrestling e benvenuti al primo appuntamento dell’intenso fine settimana di gennaio in WWE con il grande evento del roster in giallo-nero di NXT: NXT TakeOver San Antonio.

Eric Young vs Tye Dillinger

Cominciamo alla grande con il match tra Tye Dillinger e Eric Young. Dopo averlo attaccato più volte in passato, Eric Young e la sua cricca hanno proposto a Tye Dillinger di unirsi a SAnitY la settimana scorsa, ma questi aveva rifiutato attaccandoli. Il suo posto è stato però preso dal massiccio e minaccioso Big Damo, rinominato Killian Dain, che adesso è parte della stable e accompagna con Alexander Wolf il suo leader sul ring. Eric Young offre di nuovo al Perfect 10 la giacca ufficiale di SAnitY, ma Dillinger rifiuta nuovamente e attacca Young con la stessa per poi colpirlo con una Chop e una Clothesline di rimbalzo sull’angolo. Eric Young si rifugia dietro ai suoi compari che lo proteggono da un ulteriore assalto del Perfect 10, quindi torna sul ring e riesce rapidamente a mettere all’angolo l’avversario che però evita il pugno e colpisce con una Chop, venendo però buttato fuori dal leader di SAnitY. Wolf e Dain si precipitano ad attaccare Dillinger, ma questo rientra sul ring e attacca con furia Eric Young, lo mette all’angolo con delle Chop e con una Irish Wheep lo fa volare fuori dal ring. Eric Youn rientra in fretta, ma viene di nuovo messo all’angolo da Tye Dillinger che colpisce con i suoi Perfect 10 Punch, ma la serie non arriva in fondo visto che Young gli mette le mani in faccia e con una subdola ditata negli occhi fa precipitare Dillinger fuori dal ring. L’arbitro richiama Young cosicché Killian Dain è libero di colpire l’avversario del suo capo con un Running Cross Body, quindi Eric Young torna indietro per riportarlo sul ring. Eric Young sale sulla terza corda e connette con l’Elbow Smash, ma Dillinger fiuta il pericolo e dopo il colpo rotola fuori dal ring. Eric Young gli è subito addosso e dopo averlo riportato sul ring lo sbeffeggia emulando il gesto del Perfect 10 tra un pugno e l’altro, quindi applica uan Dragon Lock appoggiandosi all’angolo. Richiamato, Young molla la presa e tenta lo schienamento. Solo due. Il leader di SAnitY colpisce di nuovo con delle Chop, quindi connette con la Sit Out Neck Breaker. Solo due. Eric Young vuole applicare di nuovo la Dragon Lock all’angolo, ma Dillinger reagisce e riesce a aprirsi un varco per il Super Plex. Young si libera dell’avversario con un Head Butt, e si lancia dalla terza corda, impattando però con il Drop Kick del Perfect 10. I due avversari si rialzano e cominciano a scambiarsi pugni diretti e Chop fino a che non è Tye Dillinger a cadere. Eric Young gli urla in faccia, ma Dillinger lo prende per la barba e risponde con un Head Butt, quindi comincia a rimbalzare tra le corde mettendo a segno una doppia mandata di Double Clothesline per chiudere con un Back Body Drop. Dillinger mette a segno una Running Chop all’angolo e lancia la Irish Wheep, ma Eric Young riesce a minimizzare i danni con un salto e ad atterrare sull’apron per poi correre all’altro angolo per saltare e cogliere di sorpresa l’avversario. Dillinger aveva però capito le intenzioni dell’altro e sale anch’egli sulle corde per colpire con una abbozzo di Super Belly To Belly Suplex dettata dalla fretta. Solo due. Tye Dillinger colpisce ancora Young e prepara la Tye Breaker, che però va a segno su Alexander Wolf, che cerca di intervenire. Tye Dillinger si carica Young per la Tye Breaker, ma sul ring sale anche Killian Dain, e stavolta il Perfect 10 è pronto: molla Young e connette con il Super Kick su Dain. Eric Young è di nuovo in piedi e colpisce alle spalle Tye Dillinger e si prepara per la sua spettacolare Neck Breaker, ma Dillinger reversa con un Sunset Flip e schiena. Solo due. Il Perfect 10 va a segno adesso con la Tye Breaker e schiena l’avversario, ma Alexander Wolf riesce a mettere sulla prima corda il piede del suo leader a interrompe lo schienamento. Eric Young viene portato fuori dal ring dai suoi compagni, ma stavolta Tye Dillinger non ci vede più e con un Cross Body oltre la terza corda abbatte Wolf e Dain, quindi riporta Eric Young sul ring e connette con un Cross Body volante dalla terza corda. Lo schienamento di Dillinger viene ribaltato e Young schiena a sua volta reggendo l’avversario per il costume. Solo due. Dillinger e Young sono di nuovo in piedi, ma Eric Yougn fallisce la Clothesline e con un Baseball Drop Kick Tye Dillinger colpisce di nuovo Killian Dain, che stava per rientrare. Eric Young riesce a riportare l’avversario sul ring e colpisce con la sua Neck Breaker per lo schienamento vincente.

Andrade “Cien” Almas vs Roderick Strong

Dopo aver fallito nel Fatal Four Way la corsa per il posto a primo sfidante del campione, vinta da Bobby Roode, Andrade Almas ha messo nel mirino Roderick Strong, che lo ha eliminato dalla contesa, e dopo la sfida lanciata due diverse settimane fa e il menefreghismo di Strong nei suoi confronti, Almas gli ha fatto accettare la sfida con le cattive. Dopo un inizio da lotta greco-romana da parte di Strong, Almas cerca un approccio più psicologico, buttando un po’ di trash talking come gli riesce meglio. Roderick Strong supera in rapidità Andrade Almas e cerca di chiudere la Kimura Lock, ma viene portato all’angolo e colpito con una ginocchiata. Dopo essere sfuggito all’offensiva di Almas, Strong lo mette a terra con una Drop Kick, ma Almas reagisce aiutandosi con le corde del ring che gli consentono una facile Neck Breaker. Almas continua chiudendo l’avversario all’angolo con calci e Chop, ma Roderick Strong reagisce e colpisce con delle Chop e riesce a buttare l’avversario sull’apron da dove però si inventa una Triangular Choke Arm Bar appeso alle corde. Rientrato nel ring, Almas è ancora in vantaggio e tiene l’avversario sotto scacco infierendo sul braccio sinistro, quindi lo mette al tappeto con una Snapmare e chiude il Running Drop Kick basso. Solo due. Andrade Almas chiude la Fujiwara Arm Bar ancora sul braccio sinistro, ma Strong reagisce così Almas lo piega di nuovo con una ginocchiata (per il messicano un jolly buono per ogni occasione) e esegue una Hammer Lock Body Slam. Almas tenta il suo doppio Moonsault acrobatico, ma va a vuoto. Fortunatamente Andrade atterra in piedi e può continuare l’attacco, che si infrange tuttavia nell’Olympic Slam dell’avversario. Con una velocità disarmante, Roderick Strong si rialza e in rapida successione para una carica con un Big Boot, piazza un Enzeguri Kick, abbatte l’avversario con una Clothesline, lo mette di nuovo al tappeto con una Vertical Face Buster chiudendolo all’angolo e colpisce con il Jumping Knee, fallisce il Back Drop e va a segno con un Drop Kick. Roderick Strong carica di nuovo l’avversario, ma questi para con un Big Boot e cerca di salire sulla seconda corda. Strong lo prende in braccio e esegue una Back Breaker. Solo due. Dopo un ribaltarsi di ribaltamenti di manovre la cui fisica mi sfugge, Andrade Almas chiude una German Suplex con annesso schienamento, ma Strong esegue il Kick Out. Cien cerca di nuovo il German Suplex, ma Roderick Strong si libera della presa da dietro e cerca di raggiungere le corde. Almas lo prende in tempo, finge un Roll Up e invece solleva l’avversario per la Powerbomb. Solo due. I due atleti sono di nuovo in piedi al centro del ring e si scambiano colpi diretti talmente forti che li sento da qui. Alla fine Andrade Almas riesce a mettere Strong all’angolo con un Big Boot e carica per il suo Double Knee finale, ma in rincorsa viene raggiunto dal Knee Plus di Strong. I due sono di nuovo in piedi e ricominciano a scambiarsi gomitate, ma stavolta è Strong a avere la meglio con un Big Boot, anche se Almas non si arrende, fa fallire la Back Breaker dell’avversario e riesce a sgambettarlo a terra per poi applicare una presa a doppio braccio che però è chiusa troppo male per uno come Roderick Strong che si libera in pochissimo tempo. Andrade va a caricare il Moonsault, ma Storng sale a sua volta sul paletto e fa cadere il messicano e dopo aver fiaccato la sua resistenza esegue una Back Breaker sulla cima delle corde. Solo due. Strong non riesce a eseguire la mossa che aveva in mente (qualunque essa fosse) e Andrade ne approfitta per chiudere la sua Hammerlock DDT, ma Strong glielo impedisce e lo porta all’angolo, dove Almas evita la successiva carica dell’avversario facendolo sbattere contro l’angolo stesso. Cien lancia il suo Double Knee, ma Strong lo evita e si lancia contro le corde, venendo però colpito dalla Clothesline dell’avversario che aveva previsto la cosa. Strong si rifugia all’angolo e Andrade riesce finalmente connettere con il Double Knee per poi caricare la Hammerlock DDT. Roderick Strong si libera dalla presa, e dopo una Inverted Face Buster riesce a colpire con il suo Running Kick e ottiene lo schienamento vincente. (porca troia, gente, che match!)

The Authors Of Pain vs #DIY

Dopo aver difeso con successo gli NXT Tag Team Championships dall’assalto dei Revival, Johnny Gargano e Tommaso Ciampa devono vedersela con i trionfatori del torneo Dusty Rhodes Tag Team Classic, che hanno ottenuto in premio questo match qui a San Antonio dove le cinture sono in palio. Partono sul ring Tommaso Ciampa e Rezar, con quest’ultimo che vuole fare il passo più lungo della gamba, andando ad attaccare fin da subito anche Johnny Gargano, ma venendo allontanato velocemente da Ciampa, che tuttavia finisce contro l’angolo e subisce una ginocchiata. Irish Wheep di Rezar, ma Ciampa frena la corsa e colpisce con una Back Elbow, quindi tenta la presa da dietro, ma il German Suplex viene fermato e lo Psyco Killer ripiega su una torsione del braccio che mette in ginocchio l’avversario, ma solo per pochi secondi, perché Rezar si rialza e cerca più volte la Powerbomb, sempre negata dal campione. Non potendo sfuggire in eterno all’avversario, Tommaso Ciampa da il cambio a Johnny Wrestling, che cerca di sorprendere Rezar con una delle sue Spear a rientrare. Gli Authors Of Pain hanno però fatto i compiti a casa e Rezar evita la Spear e tagli a Johnny la strada per il suo angolo. Johnny Gargano cerca di colpire Rezar alla faccia usando la sua rapidità di mani in uno scontro quasi pugilistico, ma viene messo al tappeto da un singolo colpo del mostruoso guerrigliero isolano. Rezar tenta la Powerbomb, ma Johnny la evita e va a dare il cambio. Il tag non avviene, ma si scatena la rissa a quattro sul ring con i guerriglieri di Ellering che riescono ad avere la meglio, ma con un colpo incrociato di Super Kick di Johnny Gargano su Akam e Jumping Knee si Ciampa su Rezar, gli #DIY hanno la meglio e riescono subito dopo a lanciare fuori dal ring gli Authors Of Pain che vengono poi colpito entrambi con un Suicide Dive a testa di Johnny Wrestling, in più Akam viene colpito anche dal Running Knee dall’apron di Ciampa. Johnny Gargano tenta di eseguire una DDT a rientrare su Rezar, ma l’avversario prende al volo il meno corpulento campione e lo porta dall’altro lato del ring dove viene messo sull’apron. Gargano colpisce con l’Enzeguri Kick, ma si distrae per colpa di Akam che colpisce con un calcio, il che permette a Rezar di attaccare con uno Shoulder Takle e spedirlo dritto dritto sulle balaustre. Akam prende il tag e recupera Johnny Gargano eseguendo una Body Slam a rientrare sul ring, quindi mette Johnny all’angolo per poterlo pestare come l’uva assieme al compagno. Akam rientra e chiude la Back Breaker Lock, ma Gargano non si arrende e riesce con non poca fatica a liberarsi dalla morsa per poi guadagnare l’angolo. Akam lo carica, ma Johnny Wrestling evita l’attacco e si avvicina al suo angolo per dare il cambio. Gargano viene fermato da Akam e a nulla vale l’Enzeguri Kick che riesce a piazzare, perché avviene il cambio tra gli Authors Of Pain e Rezar continua a colpire per poi eseguire con il compagno una combinazione di Foot Stomp dalla seconda corda e Powerslam. Solo due. Lo scontro tra Akam e Johnny si sposta fuori dal ring, dove il membro degli Authors Of Pain, nella smania di far danni, va ad incocciare contro il paletto dando un po’ di respiro al campione che, evitando l’Elbow Drop di Akam, riesce a dare il cambio a Tommaso Ciampa, che esordisce con una Clothesline dalla terza corda, che abbatte Akam. Ciampa attacca anche Rezar, pronto a intervenire, e torna su Akam, ma due Clothesline e un Jumping Knee non bastano a mettere al tappeto l’uomo di Ellering. Si aggiunge anche Rezar, che viene messo all’angolo. Improvvisamente Tommaso Ciampa entra in modalità Brock Lesnar e comincia a elargire German Suplex a tutti quanti gli avversari, per poi impattare con il Running Knee su Akam. Solo due. Tommaso Ciampa comincia a macinare Chop su Akam, che invece è entrato in modalità Hulk Hogan e si rifiuta di andare al tappeto nonostante le Chop e i Big Boot senza sentire il dolore. Tommaso cerca di nuovo il Big Boot, ma Akam si rialza e lo decapita con una Clothesline. Solo due. Gli Authors Of Pain cercano una mossa combinata, ma Ciampa sfugge loro dalle mani, abbassa la terza corda per lasciare passare fuori Rezar, e da il cambio a Johnny Gargano, con cui mette a segno una doppia Spear a rientrare su Akam. Solo due per Johnny Wrestling. Gargano mette Akam all’angolo e comincia a colpirlo con furore, quindi da il cambio a Tommaso Ciampa pronto per la combinazione di colpi all’angolo, ma Akam colpisce Gargano con una Clothesline buttandolo giù dall’apron e facendo così andare a vuoto Ciampa, che viene messo al tappeto dal guerrigliero e fatto oggetto della mossa combinata di Neck Breaker e Powerbomb degli Authors Of Pain. Solo due. Gli Authors Of Pain sopo pronti per la Last Chapter, ma l’attacco di Rezar viene intercettato dal Super Kick di Johnny Gargano e Tommaso Ciampa cerca di Roll Up su Akam. Solo due. Tommaso Ciampa applica la Bridge Arm Bar su Akam e Rezar, che cerca di intervenire, viene preso da Johnny Gargano, che applica la Choke Lock. Decisamente più fresco dell’avversario, rezar riesce a rialzarsi in piedi portandosi dietro Johnny, che viene lanciato sul compagno con una Body Slam. Gli #DIY riescono a abbozzare una reazione e a colpire a lungo gli avversari che però si rialzano. Ciampa a Gargano li stendono di nuovo con un Super Kick e un Jumping Knee, quindi sono pronti per la loro combinazione con entrambi gli Authors Of Pain al centro del ring, come avevano fatto nel match con i Revival, ma questi non sono i Revival. Akam e Rezar prendono al volo di due avversari e dopo averli fatti colpire l’uno con l’altro in posizione di Powerbomb eseguono su entrambi la Powerbomb. Quindi eseguono la Last Chapter e Rezar si prende lo schienamento vincente su Tommaso Ciampa. Gli Authors Of Pain sono i nuovi NXT Tag Team Champions.

Mentre i commentatori Tom Phillips, Corey Graves e Percy Watson stanno parlando del match appena concluso, ecco che si sente una voce conosciuta e Seth Rollins, spuntato dalla folla dell’NXT Universe, prende possesso del ring. Sapendo che Triple H sarebbe stato presente allo show, Seth Rollins si è intrufolato nell’arena e ora chiama sul ring il COO per mettere fine a questa storia. Triple H risponde all’appello del primo NXT Champion che è pronto a combattere, ma il The Game manda avanti tre uomini della sicurezza, che vengono attaccati respinti da The Architect, che poi si precipita verso il backstage, ma viene preso in corsa da altre guardie che riescono a fermarlo e portarlo via dall’arena.

Asuka vs Nikki Cross vs Peyton Royce vs Billie Kay

Dopo i casini combinati da Peyton Royce e Billie Kay nel backstage di NXT, le due australiane hanno finalmente ottenuto di poter concorrere al titolo di Asuka, ma con un elemento imprevisto e potenzialmente pericoloso come Nikki Cross. La ragazza di SAnitY si è infatti infilata a forza nel match attaccando sia le australiane che Asuka nelle ultime settimane e il tutto si è evoluto in un Fatal Four Way Match al femminile. riuscirà l’amicizia di Billie Kay e Peyton Royce a resistere al momento di indossare la cintura? Inizia il match e Kay e Royce si trovano a guardarsi le spalle in mezzo a due fuochi e decidono di abbandonare momentaneamente il ring, salvo poi risalire poco dopo per attaccare entrambe le avversarie impegnate a studiarsi fra loro. Nikki Cross viene appesa a testa in giù all’angolo da Billie Kay mentre Peyton Royce cerca di trattenere Asuka, così entrambe possono avere inizialmente la meglio su Asuka, che reagisce colpendo con un calcio Billie Kay, con un Hip Attack Peyton Royce, ed entrambe con una combinazione di Clothesline e Ruinning Bulldog. Nikki Cross torna sul ring, ma ecco che le due australiane arrivano a rovinare tutto. Billie Kay e Peyton Royce riescono a mettere fuori combattimento Nikki Cross, ma Asuka, in un’azione che dove ancora finire di capire, riesce a connettere con una German Suplex su entrambe e togliersele di mezzo, per rimanere di nuovo sola con Nikki Cross. Nikki ha dapprima la meglio con un Head Butt e riesce a mettersi in testa all’avversaria al tappeto, ma Asuka si rialza e esegue una Bridge German Suplex. Solo due. Kay e Royce vengono abbattute dall’apron con una singolo Hip Attack, quindi torna a colpire con un calcio Nikki Cross che lo evita e va a segno con un Kobra Cluch Neck Breaker. Nikki tenta lo schienamento dopo una Dragon DDT, ma il conto di ferma a due e Nikki carica di nuovo, finendo però fuori dal ring. Asuka la raggiunge e rimane sull’apron per colpire con un calcio. Nikki Cross evita di nuovo e la sgambetta per poi connettere con una Twisting Neck Breaker dall’apron all’esterno del ring. Senza una logica apparente, Nikki Cross punta Peyton Royce e Billie Kay, sale sulla terza corda e colpisce con una Cross Body e prende Petyon, che però reagisce e con l’aiuto dell’amica riesce a avere la meglio sulla ragazza di SAnitY e la lanciarla contro le balaustre più volte. La lotta tra le tre si sposta sullo stage, pericolosamente vicino al tavolo di commento, ancora con le australiane in testa, ma ecco che Nikki Cross riesce a reagire lanciando Peyton Royce contro il bordo rialzato dello stage, quindi sale sul tavolo di commento, che ricordiamo essere al di sopra del piano rialzato, e cerca Billie Kay senza successo. La ragazza è infatti anch’essa sul piano rialzato e riesce a sgambettare Nikki Cross sul tavolo, quindi chiama Peyton Royce e insieme eseguono una doppia Vertical Suplex sul pannello adiacente al tavolo. Le due australiane tornano sul ring dove Asuka è ancora in condizioni pietose, la riportano sul ring e la fanno oggetto di una manovra combinata tra una presa a mezz’aria di Billie Kay cui si aggiunge il Running Knee di Peyton Royce. Solo due per Peyton. Le due australiane, frastornate dal fallimento, sono pronte a ricorrere alla loro manovra vincente: il Bulldog sul ginocchio di Billie Kay. Peyton Royce carica la mossa, ma all’ultimo Asuka riesce a colpire Billie con un calcio alla tempia e tornare sull’altra avversaria che tuttavia evita il calcio alto e mette a segno lo Spinning Kick per poi cercare lo schienamento dopo una manovra a cui fatico a dare un nome. Solo due. Peyton Royce perde tempo dando sfogo alla frustrazione e Asuka ne approfitta per colpirla con un calcio, quindi colpisce con lo Spinning Kick anche Billie Kay e finisce Peyton con un calcio alla tempia. Uno, due, tre, e The Emperess Of Tomorrow rimane NXT Women Champion.

Bobby Roode vs Shinsuke Nakamura

Entrando in scena come un tanta di quella figa intorno da riempirci tre calendari di Playboy, Bobby Roode è pronto più che mai a portare l’assalto all’NXT Championship di Shinsuke Nakamura e rispettare l’impegno preso di portare NXT a un nuovo livello facendo scorrere soldi a fiumi nelle casse dello show giallo e trasformandolo in un luogo di classe. Dal canto suo The King Of Strong Style ha già affermato più volte che Roode non è abbastanza in gamba per detronizzarlo e non vuole certo mancare alle sue stesse aspettative. Il match inizia con Nakamura leggermente in vantaggio, che riesce a colpire con dei calci bassi il Glorious One e ad applicare la Fujiwara Arm Bar. Bobby Roode risponde con una Head Lock al tappeto. Dato che l’approccio diretto non funziona benissimo, Roode applica la tattica del leprotto per far abbassare al guardia all’avversario, cosa che si rivela tutt’altro che semplice trattandosi del King Of Strong Style. In qualche modo però Bobby Roode riesce nel suo intento e dopo una potente Back Elbow a bruciapelo, riesce a mettere sotto pressione Shinsuke Nakamura con una presa al braccio che mette a terra il campione e lo rende facile preda della Triangular Head Lock. Nakamura si libera con molta fatica e Bobby Roode riesce a evitare tutti i suoi calci, ma mentre il Glorious One è impegnato a vantarsene The King Of Strong Style colpisce con un calcio al corpo e mette a terra l’avversario bersagliandolo quindi con un Knee Drop. Bobby Roode viene messo all’angolo, ma riesce a uscire dalla situazione e abbozza un contrattacco, che si spegne sull’Inverted Kick del campione che lo spedisce fuori dal ring. Dopo aver colpito Roode all’esterno del ring, Shinsuke Nakamra torna nel quadrato e mette all’angolo l’avversario per continuare con le sua ginocchiate, quindi esegue una Irish Wheep dall’altro lato, ma la sua carica viene parata da Bobby Roode che mette Nakamura sulla terza corda e quindi lo lancia fuori dal ring. The Gloriuos One lancia l’avversario contro i gradoni per due volte, quindi torna sul ring e schiena. Solo due. Roode mette Nakamura all’angolo, poi, dopo una Clothesline che lo mette al tappeto, sale sulla seconda corda e colpisce con la Double Axe Andle. Solo due. Bobby Roode prosegue con una Neck Lock, ma Shinsuke Nakamura riesce a liberarsi e Roode colpisce con il Knee Drop sul collo. Solo due. Bobby Roode continua a pestare Nakamura all’angolo, ma il campione non cede e finisce sull’apron. Convinto del suo vantaggio, The Glorious One si pavoneggia con il pubblico, e quando torna al capezzale dell’avversario si becca un calcio rovesciato alla testa, seguito da un Running Knee sull’apron e un Knee Drop a ghigliottina. Bobby Roode viene ributtato sul ring e Nakamura lo colpisce con una scarica di colpi da artista marziale e continua con due calci alti laterali seguiti da un Enzeguri Kick. Dopo una serie di ginocchiate all’angolo e il suo tipico piede sulla gola con attacco epilettico, Shinsuke Nakamura procede a mettere Roode sulla terza corda e colpire con il Jumping Knee, ma la mossa si stampa sull’incrocio delle corde e Bobby Roode si libera del campione con un colpo aiutato dalle corde. Bobby Roode prova di nuovo il Double Axe Andle, ma Nakamura si sposta e tenta l’Inverted Exploder Suplex. Bobby Roode colpisce Nakamura annullando la manovra e il campione è di nuovo sotto pressione. Bobby Roode carica a testa bassa e viene colpito dalla ginocchiata di The King Of Strong Style, che va a segno prima con il Jumping Knee e poi con la Inverted Exploder Suplex. Il campione chiama il Kinshasa, ma Bobby Roode non muove un muscolo e resta a terra apparentemente privo di sensi. Quando Nakamura si avvicina però, Bobby si riprende, evita lo Stomp, e esegue il Roll Up. Solo due. Shinsuke Nakamura si rialza in fretta e lancia il calcio alto, ma Roode lo evita e connette con la Back Stabber. Solo due. Bobby Roode prepara la Glorious DDT, ma Nakamura reagisce con le solite ginocchiate e si lancia al contrattacco, subendo però la Spine Buster del Glorious One. Solo due. Bobby Roode mette l’avversario sulla terza corda e sale per il Super Plex, ma Nakamura resiste e riesce a liberarsi di Bobby Roode con un Vertical Face Buster, quindi si lancia con un calcio voltante alla Bruce Lee e carica con il Kinshasa. Bobby Roode respinge con un doppio calcio all’angolo e cerca uno schienamento appoggiandosi alle corde e sperando in un arbitro con gravi deficit di vista, ma così non è, e il conteggio viene annullato. Bobby Roode comincia a piazzare una serie di Chop, ma Shinsuke Nakamura si mette in Hogan Mode e respinge l’offensiva con una serie impressionante di calci e ginocchiate, aiutandosi persino con le corde. Bobby cerca di reagire, ma Nakamura applica una Cross Arm Breaker che il Glorious One è abile a non permettere di chiudersi. Nakamura converte la presa in una Triangle Choke, ma Roode riesce a sollevarlo e cerca di aggiustare la posizione per la Powerbomb. Il campione non si fa fregare e ribalta la presa con un Sunset Flip per poi colpire un Bobby Roode agli sgoccioli di energia con un Slide Running Knee. Solo due. Shinsuke Nakamura sale sulla seconda corda pronto per il Kinshasa, ma Bobby Roode fiuta il pericolo e rimane a terra, rotolando poi sull’apron. Bobby Roode si crede al sicuro, ma Nakamura si porta sull’esterno dell’angolo e tenta comunque il Kinshasa, che va a segno, ma non benissimo e Nakamura accusa il colpo al ginocchio. Shinsuke Nakamura riporta l’avversario sul ring e mette a segno il Kinshasa, ma il ginocchio gli cede e non riesce a schienarlo. Shinsuke Nakamra viene soccorso dal paramedico a bordo ring, ma decide di continuare a lottare e, appena tornato sul ring, viene colpito dalla Glorious DDT si Bobby Roode. Solo due. Infuriato, Bobby Roode va ad applicare uno One Leg Boston Crab all’arto infortunato dell’avversario, ma Nakamura non vuole arrendersi e cerca di reversare e chiudere la Triangle Choke, ma Bobby Roode si libera e connette con la Glorious DDT ottenendo lo shienamento vincente. Bobby Roode è il nuovo NXT Champion.

Questo è tutto per oggi, il finale del grande show di NXT TakeOver San Antonio. Saremo però di nuovo a NXT la settimana prossima per vedere come tutto ciò che è successo stasera avrà ripercussioni sugli show settimanali, ma intanto non perdetevi l’appuntamento di domani con Royal Rumble.

Riccardo Magliano

Reporter WWE e TNA qui su WeTheWrestling.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com