WWE Raw 19/06/2017 Report

Salve a tutti, appassionati di wrestling. Siamo tornati a Raw per una nuova puntata che segue il PPV di SmackDown Live! Money In The Bank, e prepara lo show rosso alla sua risposta al grande evento in blu: Great Balls Of Fire.

Cominciamo col ritorno di Roman Reigns, che dopo essere mancato per un paio di settimane dopo la sconfitta nel Ftal Five Way per il primo posto al main event contro Brock Lesnar, torna sul ring per dire che ci sono delle certezze nella sua carriera: non può essere battito in uno contro uno, ha costretto uno come Braun Strowman all’ospedale, ha sconfitto The Undertaker costringendolo al ritiro nella sua terza WrestleMania. In virtù di questi fatti, Roman Reigns dichiara che dopo Great Balls Of Fire, non importa chi sarà l’Universal Champion, dovrà vedersela con lui a SummerSlam, questo perché qui è il suo territorio ed è lui a fare le regole. Entra quindi in scena Samoa Joe, che ricorda al Big Dog che nella sua lunga lista di avversari sconfitti non c’è quello di Samoa Joe, perché lui non lo ha mai sconfitto. Quindi si presenta di nuovo come Samoa Joe, il vero primo sfidante e il prossimo Universal Champion. Roman Reigns risponde che per una volta è d’accordo con Paul Heyman, che quello che ha davanti non è Samoa Joe, non può essere considerato Samoa Joe, al massimo solo Joe. In risposta, Samoa Joe colpisce Reigns con un Head Butt e lo fa crollare fuori dal ring dove comincia a colpirlo con i suoi jab destri e lo lancia per due volta contro le balaustre, quindi lo riporta sul ring, ma prima che possa applicare la Coquina Cluch, Reigns si protegge la gola e riesce a ribaltare l’avversario con una proiezione da judoka, per poi colpire col Superman Punch. Samoa Joe è costretto alla ritirata.

Hardy Boyz vs The Club

Anche dopo il clamoroso pareggio nel loro rematch di sette giorni fa, gli Hardy Boyz non hanno gettato la spugna e si preparano a ritentare l’assalto ai titoli di divisione, ma prima devono dimostrare di meritare una seconda possibilità in un match contro i pericolosi membri del Club Karl Anderson e Luke Gallows.

Vittoria degli Hardy Boyz per schienamento di Jeff Hardy su Luke Gallows dopo la Swenton Bomb.

Passiamo adesso a Goldust e ai suoi deliri cinematografici, che non risparmiano neanche Sunset Boulevard. Goldust parla delle due facce di Hollywood: quella alla luce del sole, dove i sogni diventano reali e le stelle del cinema brillano della loro propria luce, e quella nell’ombra di coloro che non riescono a raggiungere le stelle e i cui sogni si infrangono. Goldust ha assaggiato il fango della parte oscura di Hollywood, ma è riuscito a rimettersi in piedi e presto raggiungerà le vette della città degli angeli con alti d’oro. Per quanti riguarda R-Truth, egli è invitato alla prima del film Shattered Truth diretto da Goldust. Un film che lo farà ridere, piangere, e che non potrà mai dimenticare, il tutto la settimana prossima a Raw.

Torniamo sul ring con il concerto di Elias Samson, che però non parte neanche, perché mentre The Drifter accorda la chitarra, appare a interromperlo Finn Balor. Samson squara The Demon e lascia il ring.

Finn Balor vs Bo Dallas

La presenza di Balor sul ring non è casuale, perché il prossimo match lo vede opposto a un altro ex campione di NXT: Bo Dallas, che da parecchio non appariva sugli schermi si Raw.

Vittoria di Finn Balor per schienamento dopo la Coup De Grace.

Passiamo adesso nell’ufficio del General Manager, dove appare Corey Graves, preoccupato per la solita questione che sia lui che il GM riescono ancora a tenere nascosta a tutti. Il colloquio viene interrotto da Enzo Amore e Big Cass, convocati da Kurt Angle precedentemente perché stanno portando scompiglio nel backstage. Enzo & Cass affermano che stanno ancora cercandi chi li ha attaccati nelle settimane passate e se Enzo Amore pensa siano i Revival, Big Cass punta il dito contro Big Show. Kurt Angle dice che queste sono conclusioni fin troppo affrettate, ma entro fine serata si saprà chi ha attaccato entrambi.

Mentre Kurt Angle torna a parlare con Corey Graves, noi passiamo a Seth Rollins, uomo copertina di WWE 2K 18, che approfitta dello spazio concessogli per sponsorizzare il gioco per ripercorrere la sua carriera dopo l’abbandono dello Shield e della sua seconda possibilità offertagli dal WWE Universe. Seth vorrebbe fare una promessa al pubblico, ma viene interrotto da Bray Wyatt, che afferma che nonostante tutte le arie che The Architect si da come ribelle all’autorità dopo essere stato un corporate champion, egli si sta ancora conformando, solo che invece che conformarsi alla figura che l’Authority vuole, si sta conformando alla figura che il pubblico vuole, ma è sempre la stessa storia. Anche se Seth vesta i panni di un uomo onesto, entrambi sanno che non è quell’uomo. Seth Rollins risponde che lui non è quell’uomo: lui è il migliore, e lo ha dimostrato più volte, non come Wyatt che si è limitato a darsi questo alone di quello che sa tutto di tutti, non rendendosi conto che non è così che funzionano le cose, che il pubblico conosce veramente Seth Rollins nella sua trasparenza di uno che non vuole fare altro che salire sul ring faccia a faccia con io suo avversario invece che starsene al riparo dietro al megaschermo. Provocato, Bray Wyatt irrompe nella scena, ma Seth Rollins approfitta buio per salire sulla terza corda e con un Cross Body si libera dell’avversario.

Charly Caruso è adesso nel backstage con Finn Balor, che dice che a Extreme Rules non è andata come sperava, ma il suo obbiettivo rimane l’Universal Title e farà tutto ciò che è in suo potere per tornare a lottare per esso. Charly chiede quindi un pronostico per il main event di stasera, ma ecco che appare Elias Samson, che attacca alle spalle Finn Balor e lo avverte di non interromperlo mai più.

Akira Tozawa vs TJP

Passiamo ai confronti tra Cruiserweights, che stasera presenta il più probabile prossimo sfidante titolato Akira Tozawa confrontarsi contro un ex detentore della cintura dei pesi leggeri e ultimo pretendente del King Of Cruiserweight TJP. Prima che lo scontro cominci però si presenta anche Titus O’Neil, presidente del Titus Brand che, ricordiamo, ha da tempo nel mirino Tozawa, che pretende di introdurre il match nel modo più adeguato: il suo.

Vittoria di Akira Tozawa per schienamento dopo la Senton Bomb. Dopo la fine del match, Titus O’Neil elogia le capacità di Tozawa nella speranza di convincerlo definitivamente a farlo firmare per il suo brand, ma viene interrotto da Neville, che durante il match si era messo in disparte a osservare. The King Of Cruiserweights si mette in piedi sul tavolo di commento e da a O’Neil del pezzente per poi dire a Akira Tozawa che non ha speranza contro di lui e, come ha detto la settimana scorsa, se si permetterà di nuovo di mancare di rispetto al King Of The Cruiserweights, verrà annichilito. Titus risponde a Neville dicendo che quello che vede di fronte a lui non è un coraggioso e orgoglioso re, ma solo un ragazzino spaventato, spaventato dal fatto che il suo tanto decantato Neville Level sarà annichilito dal Pawah Of Tozawa.

Adesso tocca a R-Truth, che accetta l’invito di Goldust per la settimana prossima nella puntata di Raw di Los Angeles, ma non promette di starsene calmo da una parte.

Passiamo agli spogliatoi con Bo Dallas, reduce da una pesante sconfitta, che respinge i tentativi di rincuorarlo dell’amico Curtis Axel, che cerca di fargli ritrovare la fiducia nella positività. I due vengono raggiunti da The Miz, che ricorda ai due, ne caso se lo fossero dimenticati, che sono due perdenti, e che le loro speranza di fare qualcosa di grande nella loro carriera si stanno esaurendo. The Miz propone quindi a Bo Dallas e Curtis Axel di unirsi a lui come suo Enturage e lui promette di fare di loro le star che meritano di essere.

Charly Caruso parla ora con Samoa Joe, che ricorda a tutti cosa è successo l’ultima volta che lui e Roman Reigns sono entrati in rotta di collisione in un match, e dice che a Great Balls Of Fire riuscirà a mettere Brock Lesnar nella Coquina Cluch e a non lasciarlo andare, quindi Roman Reigns si pentirà di quello che ha chiesto.

Samoa Joe vs Roman Reigns

Siamo quindi al match tanto atteso: il primo sfidante all’Universal Champion Samoa Joe contro il prossimo primo sfidante Roman Reigns, in palio per ora, solo il diritto sul territorio.

Vittoria di Samoa Joe per sottomissione di Roman Reigns alla Coquina Cluch. Roman Reigns era stato distratto dall’arrivo nell’arena di un’ambulanza, che portava indietro dall’ospedale il suo vecchio amico Braun Strowman, di rientro anticipato dall’infortunio, che si avvia verso il ring. Ufficializzata la vittoria, Joe lascia il ring e da spazio a Teh Monster Among Men, che sale sul ring e attacca Roman Reigns con la usa Reverse Choke Slam, quindi lancia la sua sfida al Big Dog a Great Balls Of Fire, in un Ambulance Match.

Torniamo sul ring con The Miz, che deve in qualche modo chiedere scusa a Maryse per i casini combinati durante la festa dei incoronazione di due settimane fa, cos’ ha organizzato questo piccolo ricevimento che comprende un grosso regalo al centro del ring, una bottiglia di champagne e due uomini-orso, che fino a ora al Magnifico non hanno portato molta fortuna. The Miz chiede scusa alla moglie per aver distrutto quel bellissimo orologio con pendolo due settimane fa e di averla accidentalmente fatta cadere dall’apron la settimana scorsa, quindi ha deciso di farle un regalo: l’enorme pacchetto al centro del ring rivela contenere quello stesso orologio aggiustato da The Miz in persona nelle notti in cui la moglie lo ha lasciato a dormire sul divano. Con una sviolinata che prima o poi dovrò riciclare, The Miz riesce a riconquistare Maryse, ma ecco che arriva Dean Ambrose a rovinare tutto. Il piano riesce alla perfezione, perché nel tentativo di difendersi, The Miz si fa scudo con la moglie, che si colpisce da sola col bicchiere di champagne, respingendo poi le attenzioni del marito, che si scaglia contro Dean Ambrose, ma finisce addosso all’orologio, distruggendolo di nuovo. Maryse allontana Miz e lascia il ring, ma quando Dean Ambrose rimane da solo con The Miz viene attaccato dai due orsi, che si rivelano essere Bo Dallas e Curtis Axel, neo entrati nell’Enturage. Ambrose viene finito dal Magnifico con la Skull Crushing Finale.

Sheamus e Cesaro vs Apollo Crews e Titus O’Neil

Come lottatore O’Neil lascia un po’ il tempo che trova, ma come manager sembra cavarsela discretamente visto che è riuscito a mettere a segno questa manovra per dare notorietà al proprio brand sfidando con il suo secondo in comando Apollo Crews i campioni di coppia di Raw Cesaro e Sheamus.

Vittoria di  Cesaro e Sheamus per schienamento di Cesaro su Apollo Crews dopo una White Noise accompagnata insieme al compagno.

Nia Jax vs Sasha Banks

Dopo il casino successo la settimana scorsa, Nia Jax ha ancora bisogno di sfogarsi e la vittima destinata è The Boss Sasha Banks, ma alla contesa assisterà anche Alexa Bliss, al sicuro al tavolo di commento.

Vittoria di Nia Jax per squalifica a causa dell’intervento di Emma, che in un alterco con Alexa Bliss, finisce per colpire la gigantessa regalandole la vittoria. In seguito è il caos: Nia attacca Emma, ma viene a sua volta attaccata alle spalle da Sasha Banks. Alexa Bliss decide di stare dalla parte di Nia tirandole via di dosso The Boss, quindi si allea con Emma per attaccarla. Intervengono Dana Brooke e Micky James che riescono ad aiutare Sasha, ma vengono attaccate da Nia Jax, che le mette a terra entrambe. Nia Jax fallisce il Leg Drop su Sasha Banks e a questo punto spunta Bayley, che attacca Alexa Bliss e Emma, mette fuori gioco la prima con una Back Suplex e la seconda con una combinazione di Spear all’angolo, Back Running Elbow e Running Knee. Infine Dana Brooke, Micky James, Sasha Banks e Bayley si uniscono per combattere Nia Jax e riescono infine a avere la meglio grazie al calcio di Sahsa Banks seguita dal Bulldog dalla terza corda di Bayely e infine il doppio Drop Kick di Dana e Micky.

Entra ora sul ring Kurt Angle per far luce sul giallo che incornicia gli attacchi ai danni di Enzo Amore e Colin Cassady. Le due vittime raggiungono Angle sul ring e vengono chiamati sul ring i primi sospettati: i Revival e Big Show. Il primo interrogato è Big Show, che si sente deluso che Kurt Angle, con cui ha passato gran parte della sua carriera possa pensare che lui sia capace di colpire alle spalle qualcuno: non è nello stile di Big Show, se avesse un problema con i Certified G andrebbe loro faccia a facci e li colpirebbe dritti sul volto, non alle spalle. Detto questo dice che se questo è ciò che Kurt Angle pensa di lui, allora forse non è l’uomo adatto al suo show e se ne va. Big Cass continua a rimanere convinto che il colpevole sia Big Show, dicendo che un solo uomo in tutto il roster avrebbe potuto fare danni simili con un solo colpo lasciandogli un bernoccolo in testa, ma Kurt Angle lo richiama all’ordine e dice che restano ancor ai revival. Scott Dawson interrompe subito il discorso e afferma che lui e Dash Wilder non sono certo i più simpatici nello spogliatoio, ma hanno degli alibi di ferro per quegli attacchi, e Kurt Angle, ripensando alle domande poste s arbitri, tecnici e atleti durante le sue investigazioni, è costretto a sottoscrivere. Interviene però Corey Graves, che ricorda di aver parlato con i medici del backstage, che hanno confermato che quello che ha detto Big Cass è falso, perché nessuno di loro ricorda di aver trovato danni di nessun tipo alla testa di Cassady, ne tanto meno il bernoccolo che dice di aver avuto in seguito all’attacco. Big Cass si difende dicendo di essersi rivolto a dei medici privati, ma Graves rincara la dose con un’altra domanda: come mai anche se era stato attaccato Big Cass ha combattuto lo stesso la settimana scorsa? Cassady dice che lo ha fatto per non lasciare da solo il compagno, ma Graves rivela di aver installato delle telecamere nascoste in seguito ai primi attacchi e ha visto cosa è successo la settimana scorsa. Il video mostra chiaramente che Big Cass ha inscenato l’attacco ai suoi danni spostando alcuni oggetti del backstage e mettendosi a terra. Corey Graves, ormai entrato in modalità Procedural, accusa Big Cass di aver attaccato Enzo Amore nelle settimane scorse. Big Cass, dopo un attimo di silenzio, ammette di essere lui l’artefice degli attacchi ai danni di Enzo Amore, lasciando il compagno a bocca aperta. Big Cass confessa di non aver mai sopportato Enzo Amore, di aver fatto squadra con lui soltanto perché gli faceva pena visto che nessuno in tutto il roster lo sopportava ed è andato avanti a sentire le sue lagne per anni, ma alla fine è arrivato al punto di rottura e ha messo in pratica tutto ciò che aveva pensato per tutto questo tempo. Il perché di questa pagliacciata è solo la voglia di Cassady si capire se Enzo Amore fosse abbastanza furbo da capire cosa gli stava succedendo a un palmo dal naso oppure fosse davvero così stupido come sembra, e il risultato è che Enzo Amore è addirittura più stupido di quanto pensasse, e per anni si è rivelato nient’altro che una palla al piede per lui e per il decollo della sua carriera. Dopo aver chiuso con Enzo Amore con queste parole, Big Cass sigla le sue parole con un Big Boot sull’ex compagno.

Questo è tutto per oggi da Monday Night Raw. Noi ci vediamo la settimana prossima per una nuova puntata dello show rosso, avvicinandoci sempre di più a Great Balls Of Fire.

Riccardo Magliano

Reporter WWE e TNA qui su WeTheWrestling.net