Benvenuti alla nuova puntata di Inside NXT, la nostra rubrica dedicata al mondo di NXT. Oggi scopriremo insieme cosa è successo nella puntata andata in onda nella nottata italiana di WWE NXT

Non Title Match

L’opener dello show, l’NXT Champion Tommaso Ciampa ha affrontato Grayson Waller. Il titolo non era in palio. Una prova interessante per l’australiano, ha messo in difficoltà il campione nel corso dell’incontro portandolo diverse volte oltre il due nel conto dell’arbitro negli schienamenti. Ha fatto capire che può essere una superstar di buon livello per il brand seppur per il momento non lo vedo in pianta stabile nel giro titolato, almeno per quanto riguarda l’NXT Championship. Nel finale Ciampa ha trovato una meritata vittoria, ma resta ugualmente la buona prova di Waller, il suo percorso potrebbe beneficiare molto di questa prestazione.

Lotta di coppia

Indi Hartwell & Persia Pirotta hanno affrontato Kacy Catanzaro & Kayden Carter. Un Tah Team Match che poteva servire ad entrambi i team per rilanciarsi ed avvicinarsi alle campionesse di coppia femminili del brand. Mi aspettavo un buon incontro tra di loro e non sono rimasto deluso, è stato di un livello importante. In pochi minuti Kacy e Kayden hanno trovato una buona vittoria che le porta tra le pretendenti più vicine a un possibile match titolato, mi piace molto la loro crescita.

Squash Match

Un match non annunciato precedentemente, Santos Escobar ha affrontato Malik Blade. Non vedevo assolutamente speranze per Blade contro il leader dei Legado del Fantasma, uno dei talenti più puri del brand di NXT 2.0. Dopo un inizio dove Malik ha provato a sorprendere il messicano, è stato quest’ultimo a prendere il controllo della situazione e dell’incontro. In forse un paio di minuti ha trovato la vittoria, senza nemmeno troppo faticare. Poi sono arrivati Kyle O’Reilly dal backstage e hanno preso la parola dicendo di essere loro i prossimi sfidanti per i titoli di coppia degli Imperium, a quel punto Aichner e Barthel sono apparsi da una sorta di palchetto dell’arena, fa sempre piacere sentire il nostro Fabian parlare italiano, e hanno lanciato la sfida agli altri team per War Games.

Non Title Match

La NXT Women’s Champion Mandy Rose ha affrontato Cora Jade. Anche qui il titolo di Mandy non era in palio. Cora è una delle leve e superstar più giovani del brand, forse addirittura la più giovane, e la federazione sta puntando tantissimo su di lei, basta vedere come viene gestita show dopo show. Un incontro che ho particolarmente apprezzato il loro, è stato assolutamente piacevole da seguire. Cora Jade ha trovato una bella vittoria grazie alla furbizia e all’aiuto esterno di Kay Lee Ray, questa vittoria la lancia ancora di più verso il titolo di Mandy.

Sottomissione

La superstar dei Diamond Mine, Ivy Nile, ha affrontato Yulisa Leon. Un match che è sempre stato nelle mani di Ivy, in meno di tre minuti ha dominato e chiuso la sua avversaria nella morsa al collo che gli ha portato la vittoria per sottomissione. Ivy è stata una buona aggiunta alla stable, fin dal suo arrivo ha dato una grossa mano con la sua presenza femminile nella stessa. Per lei prevedo che sarà sempre una parte più integrante della divisione femminile, ha tutto quello che serve per eccellere in essa, ne sono certo.

Tag Team Wars

I Grizzled Young Veterans hanno affrontato il team formato da Josh Briggs & Brooks Jensen. Anche questo incontro non era stato annunciato e tutto sommato è stato interessante, soprattutto sul piano tecnico. Forse mi sarei aspettato un minutaggio un po’ maggiore per loro ma era chiaro che era solamente un riempitivo in vista del main event, il match titolato. Detto ciò credo che l’incontro in se sia stato piacevole da seguire. Nel finale Briggs e Jensen hanno trovato la vittoria sul duo britannico.

NXT North American Championship on the line

Il main event della puntata, Carmelo Hayes ha messo in palio il suo North American Championship contro Johnny Gargano e Pete Dunne. Due sfidanti per la cintura di Hayes. Avevo delle ottime aspettative per questo match anche grazie ai nomi importanti al suo interno e la sua buona costruzione. Un gran bel match da vedere, tanta intensità sul ring da parte dei tre contendenti. L’intervento esterno di Tony D’Angelo ha messo fuori gioco Pete Dunne e nel finale Hayes ha trovato il pin vincente su Gargano confermandosi ancora campione. La lotta per il suo titolo è più viva che mai.

In conclusione…

8.3 out of 10 stars (8,3 / 10)