Barred ormai è alle porte e onestamente mi sembra che l’esperimento sia riuscito discretamente bene. Due ottimi incontri e il resto un discreto contorno. Da oggi si volta pagina e volta pagina anche questa rubrica. EMG ha deciso di dare un’impostazione più di articolo che di review. Più storia meno, meno descrizione degli incontri. Spero che vi piaccia e aspetto ansioso i vostri feedback. (PS le review della ICW le vedrete per determinati show nella sezione Indy Review così come è stato per Barred).

SIGLA e…
WELCOME TO THE F*****G ASYLUM (ed il Garage?)

Risultati

  • ICW Zero-G Title #1 Contendership Tournament Quarter Final Match: Daz Black defeats Alex Parker (8:19) 7.3 out of 10 stars (7,3 / 10)
  • ICW Zero-G Title #1 Contendership Tournament Quarter Final Match: Luke Kyro defeats Logan Smith (8:10) 7.3 out of 10 stars (7,3 / 10)
  • ICW Zero-G Title #1 Contendership Tournament Quarter Final Match: Kyle Khaos defeats Saqib Ali (w/Chris Toal) (9:15) 6.8 out of 10 stars (6,8 / 10)
  • Emily Hayden defeats Ellie Armstrong (6:00) 7 out of 10 stars (7 / 10)
  • Kez Evans defeats John Trettan (w/Chris Toal) (4:42) N.G.
  • Anastasia defeats Angel Hayze (9:18) 6.8 out of 10 stars (6,8 / 10)
  • ICW Zero-G Title #1 Contendership Tournament Quarter Final Match: Craig Anthony defeats Ian Skinner (9:56) 7.8 out of 10 stars (7,8 / 10)

Puntata dedicata a due cose in particolare: in primis, al torneo che dovrà stabilire il first contender al titolo Zero-G detenuto dall’infortunato ormai pronto al rientro Liam Thomson, in secundis a due promo di cui parlerò più avanti.

Partiamo dal torneo. Otto persone si sfidavano in questa puntata per i quarti di finale e non appena conosciuto il tabellone, nella mia testa si era già materializzata la finale di questo torneo. Tranquilli che ve lo dico, per EMG si sfideranno Daz Black e Craig Anthony, con quest’ultimo che uscirà vincitore.

Gli incontri sono stati discreti ma non esaltanti, sicuramente il migliore di tutti è stato il main event che ha dimostrato ancora una volta come questi due atleti, appunto Anthony e Ian Skinner siano tra i migliori “giovani” talenti presenti nel roster al momento.

In secundis due importanti promo, uno di Leyton Buzzard e l’altro di Kez Evans, freschi vincitori dei loro importanti incontri dentro la gabbia.

El Capitan è salito in ring per aprire la puntata e sottolineare una cosa che va ripetendo da tempo, nell’ultimo anno (escludiamo ovviamente il periodo covid) ha battuto tutti ed ovviamente, secondo il suo ragionamento si merita al 100% una opportunità titolata. Il messaggio a Dallas è chiaro e segue le onde del suo successo, anzi più che un messaggio si tratta di una promessa: entro la fine dell’anno la cintura più importante della compagnia sarà intorno alla sua vita.

Ovviamente la cosa non sarà così facile, perchè prima che questo succeda, ci sono cose in mezzo che dovranno prendere il ordine. Abbiamo il campione Noam Dar che dovrà difendere il titolo contro Sha Samuels (il quando rimane ancora un mistero) ed una volta successo questo ci si dovrà confrontare con il padre padrone della valigetta della SquareGo!. Proprio Evans è il protagonista del secondo promo importante della serata ed anche in questo caso il messaggio è chiarissimo. Kez, ha studiato i precedenti possessori della valigetta e sa perfettamente una cosa, non commetterà gli stessi errori, lui incasserà quando sarà il momento opportuno. Cosa vorrà dire? Dal mio punto di vista, che non sfiderà qualcuno, ma approfitterà di una situazione, ovvio che mi posso sbagliare.

Poco altro da aggiungere in questa puntata se non due discreti incontri femminili che, però, lasciano in eredità la seconda sconfitta consecutiva della Hayze ed il sentore che la Amstrong, nel prossimo futuro, possa apportare cose positive alla divisione del gentil sesso.

Per il resto poco altro da aggiungere questa settimana.

EMG F*****G OUT!

Non dimenticatevi che potete seguirci nei nostri canali social, FacebookTwitterYoutube e Instagram.