• Theo Doros defeats Logan Smith (10:15)
  • Emily Hayden defeats Harmony Skye (4:18)
  • Open Challenge: Thatcher Wright (w/Charles Vyce & Mr. Ian Skinner) defeats Levi (6:43)
  • Sheikh El Sham defeats Saqib Ali (w/Chris Toal) (6:55)
  • Anastasia defeats Molly Spartan (w/Kasey) (6:57)
  • Leyton Buzzard defeats Che Monet (8:57)
  • Daz Black & The Purge (Krobar & Stevie James) defeat The Manifesto (Dylan Thorn, Eddie Castle & Grant McIvor) (w/Alexander Darwin MacAllan) (13:07)

Partiamo in un modo differente dal solito, ossia introducendo un nuovo membro nel roster della Insane Championship Wrestling, Sheikh El Sham. Il nuovo lottatore, dalle evidenti origine Arabe, introduce se stesso dicendo che non capisce come mai ci sia voluto tanto per arrivare in ICW e poi inizia a fare un promo nella sua lingua madre contro il suo sfidante di oggi Saqib Ali. Ebbene prima del match, Chris Toal, comunica al nuovo arrivato che Dallas gli ha concesso la possibilità di decidere la stipulazione dell’incontro: se El Sham perderà, dovrà pagare i debiti che lo stesso manager di Ali ha nei confronti di Sweeney… ovviamente, vincerà.

La seconda cosa da evidenziare della puntata è un interessante e grottesto promo di Thatcher Wright che si autoproclama “Chanchellor of the Open Challenge” visto che è ancora imbattuto. Questa volta a rispondere alla sfida è Levi, ma come sempre il Cabinet risulta fondamentale per la vittoria del suo leader. Però, durante le uscite degli atleti si presenta all’Asylum un infuriato Kez Evans che chiama a rapporto il proprietario Mark Dallas, ma in arena si presenterà il “braccio destro” Scott Reid. Il promo si rivela estremamente interessante. Kez vuole una spiegazione del perchè è stato sospeso dopo il suo incontro con Craig Anthony e soprattutto dove si trova il campione Noam Dar, mentre lui è sempre stato li a “tirare avanti” il carretto. La risposta non tarda ad arriva ed diritta e ficcante come una freccia. Reid gli fa notare come a lui non piaccia come persona, come sia un opportunista e non sia quello che in realtà proclama di essere, che tutto quello che ha vinto, incluso quel titolo è stato vinto alle spalle degli altri e soprattutto in questo periodo, alle spalle di Craig Anthony, che considera migliore di lui. Ma il discorso non finisce qui, anzi le parole si fanno sempre più dure. Reid vuole salvare il titolo, quel titolo che sta mantendo Evans all’interno della compagnia e glielo dice chiaro nei denti, vuole che qualcuno gli tolga quella cintura, così come lui l’ha tolta a Craig e da quel momento in avanti lui non avrà più poteri ed al primo errore farà in modo di non farlo più salire su un ring della ICW. Senza esitare un attimo il campione Zero-G gli promette che diventerà il campione dei pesi massimi e diventerà definitivamente il volto della compagnia e tutto il roster dovrà rendergli onore.

Uno dei migliori promo dell’anno della federazione a mani basse!

Dopo questo importante segmento, vediamo finalmente qualcosa di nuovo nel panorama femminile quando Angel Hayze interviene nell’incontro di Molly Spartan, risultando fondamentale per la vittoria di Anastasia contro una dei membri delle She Wolves. Credo che la prossima settimana vedremo ripercussioni.

Arriva poi il momento della risposta di Leyton Buzzard che ovviamente accetta la sfida lanciata da Andy Wild per un 60 minute Iron Man Match e la motivazione è molto semplice ed efficace: Io, El capitan, posso lottare per 60 minuti, tu resisti 15 minuti. Se è questo che vuoi, ti dimostrerò che sono il migliore del roster ICW.

La puntata di conclude con il main event, nel quale The Manifesto affronta Daz Black più un tag team a sorpresa, i Purge, che ritornano dopo varie settimane e permettono al giovane lottatore di avere la sua piccola rivincita. Ovvio che la storia non finirà qui, però nella giornata di oggi è stata scritta una importante pagina relativa a questa Stable ed al suo leader ADM, che abbandona l’arena con un sorriso enigmatico che nasconde pensieri e piani che non tarderemo a scoprire.

Per il resto poco altro da raccontare. Ci si aggiorna alla prossima settimana.

EMG F*****G OUT!

Non dimenticatevi che potete seguirci nei nostri canali social, FacebookTwitterYoutube e Instagram.