Il 17 febbraio 2002, al “Bradley Center” a Milwaukee,Wisconsin, per l’allora WWF fu un giorno storico. Dopo quasi 10 anni tornava a “casa” Hulk Hogan. Ma non più l’eroe americano,bensì il suo contrario,colui che aveva fatto la storia della WCW,la versione Hollywood di Hogan,a capo di quel New World Order che ha cambiato la storia del pro wrestling. Si svolgeva No Way Out e Hogan faceva il suo ritorno scortato dai compari del n.W.o Kevin Nash e Scott Hall,pronti a rivoluzionare la federazione dei McMahon. Nel backstage,Hogan si prende gioco di The Rock,visibilmente emozionato nel rivedere l’Hulkster,che gli chiedeva una foto.Fin qui tutto normale. La nostra storia comincia il giorno dopo,nella puntata di Monday Night Raw del 18 febbraio.

Risuona la theme del n.W.o, Hogan è solo e sale sul ring. “E’ grande essere qui su un ring della WWF. Questa federazione ha reso Hulk Hogan una leggenda….” Ma… Questa federazione ha tradito Hulk Hogan,i suoi fans lo hanno costretto a lasciarla, i suoi fans lo hanno sbattuto fuori dalla WWF. Ma conta poco,perché non c’è una una superstar più grande di Hogan e nessuno lo sarà mai: concetto chiaro,Hollywood Hogan è il meglio di ieri,oggi e domani( perdonalo Bret,non sa quel che dice!). E qui cambia la storia del Wrestling. Qui nasce quello che all’epoca fu definito il match del secolo. “If You Smell,What The Rock is cooking?! The Rock e Hulk Hogan sullo stesso ring,chi l’aveva mai vista una cosa del genere? Il campione del popolo accusa Hogan di essere scappato,lo definisce traditore: ha tradito la federazione,chi credeva in lui,i suoi fans e The Rock stesso. Hulk ha ricordato i momenti d’oro in WWF,ma per dimostrare di essere il migliore di sempre ha solo una possibilità: affrontare The Rock a Wrestlemania x8. “Yes or no,Hogan!” Tra il tripudio generale Hogan acconsente,ci sarà il match. “Sarà un piacere prenderti a calci nel sedere Rock. Fino a Wrestlemania,buona fortuna,potresti averne bisogno!” “Non ne sarei tanto sicuro,brother!” Rock Bottom!!!  E’ iniziata la road to Wrestlemania dei due,forse i  cinque più grandi di sempre. Settimane di screzi,Hogan che con i suoi compari frusta The Rock,lo riduce ai minimi termini e lo investe con un camion mentre Rock è in ambulanza. Entrambi sicuri della vittoria,pubblico spaccato. Riprendiamo la celebre frase di Jerry “The King” Lawler: “Wrestling past,Wrestling Future,this is Wrestlemania Baby!”. Icon vs Icon.

17 marzo 2002,SkyDome,Toronto,Ontario,Canada. Wrestlemania x8. Grandi match,ma gli occhi tutti puntati sul MATCH. Ci siamo Hogan vs The Rock, una volta nella vita capita di vedere queste cose. Il vero main event,capace di oscurare quello effettivo per il titolo indiscusso tra Jericho e HHH. Pubblico spaccato,da un lato i fans di The Rock,dall’altro i fedelissimi di Hogan. Rocky,Hogan,Rocky,Hogan, per tutto lo show. Ci siamo,i due sono sul ring,si studiano,si osservano,si guardano intorno.

Scatta il gong,parte il match. E che MATCH! Nonostante la differenza d’età,Hogan c’è,è gasato,si sente forte. Riprende le vecchie mimiche,il pubblico esplode e The Rock è apparentemente sconvolto. Bando alle ciance,le parole non sono mai troppe per parlare di certe cose.  The Rock attacca,Hogan risponde e viceversa.  Emozioni a non finire,prove di forza continue,colpi tra i due. Hogan non demorde,The Rock lo provoca,lo porta a dare il meglio. Alzati e combatti,Just Bring It! Hogan subisce dei pugni,saltano gli schemi,volano cinture e bandane. Hogan non accusa i colpi di The Rock e…”YOUUUU!” Big Boot,Leg Drop,lo chiude? No. The Rock è ancora vivo. Scambio di colpi,Hogan riprova il suo leg drop ma va a vuoto. Adrenalina a mille,emozioni indescrivibili. Pubblico diviso,prima Rock Bottom ma niente da fare. i due sono esausti,ma The Rock ha un po’ di adrenalina in più si rialza,seconda Rock Bottom e People’s Elbow… 1…2……….3!!!!!!!!!! The Rock ha sconfitto Hollywood Hulk Hogan!!! Emozionati anche i commentatori, Jim Ross ha quasi la voce rotta. Il Match del Secolo è finito e The Rock Ha vinto!
L’Immortale,che per TUTTO IL MATCH ha spesso usato le movenze della vecchia gimmick,è in piedi sul ring,quasi in lacrime. Si tocca all’addome,vuole stringere la mano a Rocky. Momento di suspense incredibile e c’è la stretta di mano con relativo abbraccio. Hogan ha perso,ma non di certo perde la sportività…

Non è finita: Rock si allontana, sul ring salgono Nash e Scott Hall. Chiedono spiegazioni ad Hulk,e brutalmente iniziano il pestaggio contro il loro leader. Ma The Rock vede e corre in soccorso di Hogan. I due fanno piazza pulita,spazzando via il New World Order!

Fine? Nemmeno per sogno. The Rock invita Hogan a festeggiare,come se avesse vinto lui. E’ un trionfo,il passato del Wrestling,il futuro del Wrestling,insieme,sul ring,scrivono la storia della WWE! Icona Hogan,Icona The Rock. Un sogno.

Le conseguenze? Beh non finirà qui tra i due. Nella puntata di Raw post Wrestlemania i due si ringrazieranno a vicenda. Hogan definirà quel match come il migliore della sua carriera,The Rock dalla sua risponderà dicendo che in ogni posto,in ogni luogo,in ogni momento,avere Hogan sul ring sarà sempre un onore. I due si affronteranno a No Way Out 2003,con ruoli inversi: The Rock hell e Hogan face. Non si toccheranno però i livelli di quel match di Wrestlemania x8,uno dei dieci più belli di sempre. E non si potrà mai ringraziare abbastanza The Rock per quella prestazione(SUPERLATIVA!). Ma soprattutto,non saranno mai abbastanza i “GRAZIE” per Hulk Hogan che era già tra i più grandi,ma che quella notte,allo SkyDome di Toronto,diventò,nonostante l’età,il più grande. L’Immortale,per sempre,per tutti i fans di questo sport che,non ce ne vogliano le varie associazioni,sa regalare soprattutto emozioni e  passione.

Alla prossima,Vintage is Better!