Nagoya, Japan, 20 dicembre 2020

Kazuki Hashimoto & Masaki Morihiro vs. Kazumi Kikuta & Ryuichi Kawakami (5:50)

Evento che inizia con un incontro, molto breve che combina poco wrestling e poco comedy. Veramente nulla da segnalare se non l’unica cosa divertente, il fatto che nella contesa sia stata inserita una mazza/clava a forma di würstel usata come arma. Il classico inizio in sordina degli eventi giapponesi.

VOTO 5

Daichi Hashimoto & Michio Kageyama vs. Akira Hyodo & Takuho Kato (8:26)

Incontro decisamente migliore del prima sia dal punto di vista tecnico che dell’intrattenimento. Rientriamo sempre nel low card giappo per cui poche cose da segnalare però, se non altro, si sono viste manovre ben eseguite ed una continuità d’azione sufficiente.

VOTO 6

Death Match

Abdullah Kobayashi, Jaki Numazawa & Ryuji Ito vs. Drew Parker, Kankuro Hoshino & Yuki Ishikawa (10:29)

Primo death match della serata, nel quale erano presenti lottatori che hanno rappresentato in un modo o nell’altro la storia della compagnia e che si trovano ovviamente sulla strada del declino. Ciò nonostante sono atleti che sanno interpretare questo tipo di incontro e nonostante il ritmo sia stato lento, nel complesso il match è stato guardabile con alcuni momenti migliori, tipo quello nelle fasi finali che ha visto in ring Ito e Hoshino. Contesa nel complesso più che sufficiente.

VOTO 6+

Kosuke Sato, Kota Sekifuda & Yuya Aoki vs. Strong Hearts (CIMA, El Lindaman & T-Hawk) (11:12)

Finalmente si sale di livello e personalmente me lo aspettavo vista la presenza degli Strong Hearts (che adoro). La cosa che mi ha sorpreso, è invece stata che il trio avversario si è calato nella parte con perfetta sintonia, dando vita ad una contesa di meno di una decina di minuti super rapida e divertente, assolutamente senza pause, con ottimi scambi e manovre anche innovative. Una gradevolissima sopresa, un mix di tecnica ed agilità di rilievo.

VOTO 7.5

Daisuke Sekimoto & Yasufumi Nakanoue vs. Brahman Brothers (Brahman Kei & Brahman Shu) (10:32)

Incontro ovviamente comedy vista la presenza dei Brahman Brothers, la cosa curiosa è stato vedere Sekimoto farne parte. Nel complesso pero incontro ben riuscito con un inizio molto divertente ed originale (proprio i primo 15 secondi). Classico ponte in attesa dei tre eventi titolati della serata. Nel complesso match più che sufficiente.

VOTO 6.5

BJW Tag Team Titles

Astronauts (Fuminori Abe & Takuya Nomura) (c) def. Twin Towers (Kohei Sato & Shuji Ishikawa) (16:17)

Incontro di una fisicità pazzesca. Sedici minuti di schiaffi, testate e botte in tipico stile puroresu. Se non fosse per il finale, un po troppo aclimatico starei parlando di uno dei miei incontri di coppia preferiti in terriorio giapponese nel 2020. Un contrasto generazionale che racconta benissimo la storia dei due millenials campioni che cercano di rispondere colpo su colpo ai veterani che continuano ad intimorirli con la pesantezza delle loro botte. Un incontro assolutamente da vedere e che dimostra, come sempre, come la BJW non sia solamente death match.

VOTO 8.5

BJW Strong World Heavyweight Title

Yuji Okabayashi (c) def. Hideyoshi Kamitani (18:13)

Incontro solidissimo, ma senza grandi picchi. Ovviamente, visti i contendenti, è stata una battaglia fisica a forza di schiaffi, lariatto e qualche volo dal paletto. Fin dall’inizio si presentava come una contesa dal risultato “scontato” e nonostante la buona prova di Kamitani, non ho mai avuto la sensazione che il campione potesse perdere il titolo, salvo un piccolo sussulto nel finale. Nel complesso un buon incontro titolato ma non da mandare agli annali.

VOTO 8-

BJW Death Match Heavyweight Title Thousand Needles Death Match

Minoru Fujita (c) def. Yuko Miyamoto (24:52)

Nonostante l’amore che ho per Yuko Miyamoto, devo essere onesto e questo non è stato il suo miglior incontro. Mi spiego meglio, dal punto di vista del lottato e della violenza si sono visti nel passato ed anche nel presente incontri ben più belli di questo. Tuttavia questo match è stato originale nell’utilizzo di alcuni oggetti “contundenti” come ad esempio ricci di mare e castagne (ovviamente con il guscio). Bella anche la parte in cui entrambi si sono messi il filo spinato in testa come una corona di spine ed hanno iniziato a darsi testate. Nel complesso un match godibile ma non indimenticabile con una chiusura però in crescendo caratterizzata da vari falsi finali.

VOTO 8+

EMG F*****G OUT!

Non dimenticatevi che potete seguirci nei nostri canali social, FacebookTwitterYoutube e Instagram.