Si lo so…RAW non é il territorio di EMG, peró a volte si é costretti a fare cose contro la propria volontá, oppure, per aiutare un amico…ed é esattamente ció che lo scrivente sta facendo…rivedrete presto Francesco Collodoro su queste colonne.

Hell in a Cell si presentava ai fan con tre grandi incontri annunciati…tutti all’interno della gabbia, ma sopratutto dava in pasto ai fan il primo main event rosa della storia…Women Revolution baby…forse tutti coloro che hanno aperto bocca fino ad oggi dicendo che questa rivoluzione non sarebbe mai avvenuta e che il gentil sesso non avrebbe mai calpestato il ring di un ultimo incontro di un ppv dovranno ricredersi…o forse, come é piú probabile…inizieranno a…………giá sapete cosa succederá.

 

WWE US Title Hell in a Cell Match

Roman Reigns (c) def. Rusev @ 24:40 via pin 

L’evento parte subito, offrendoci in pasto il primo HIAC della serata…ed il risultato non é per nulla male. Rusev e Reigns costruiscono un match che di lottato ha ben poco…molte botte in stile rissa e qualche oggetto usato qua e la, peró lo fanno senza risparmiarsi e con un discreto ritmo: I ventiquattro minuti non annoiano esaltando le capacitá di mimica facciale di Rusev (molto buone) e evidenziando il ritorno del mito del lottatore invincibile…Roman Reigns che alla seconda accolade sugli scalini, con una catena di ferro in bocca….reagisce alzandosi, connettendo prima con un Samoan Drop e poi con una spear a mezz’aria molto ben realizzata, portandosi a casa la vittoria. HIAC ha spesso chiuso le faide e credo che lo fará anche in questo caso ora rimane da capire chi sará il NEXT per l’ex membro dello Shield e quale sorte accompagnerá Rusev e Lana. Nel complesso un discreto match.

RATE: 2.8 out of 10 stars (2,8 / 10)

Bayley def. Dana Brooke @ 6:30 via pin

Un brodino di 6 minuti che serve a solamente per dare visibilitá a Bayley contro la vittima sacrificale D.Brooke. Il pubblico non é sembrato troppo coinvolto anche perché non é stato fatto nulla per alzare l’asticella del match. Un incontro tranquillamente presentabile ad uno show settimanale di uno degli spettacoli di Stamford. Visto poi quanto successo anche nel main event, questa vittoria potrebbe essere un nuovo viatico per la lottatrice californiana verso una chanche titolata.

RATE: 1.5 out of 10 stars (1,5 / 10)

Luke Gallows and Karl Anderson def. Enzo Amore and Big Cass @ 6:45 via pin

…e dire che sembravano lanciati verso i piani alti della categoria…e dire…che in molti ci credevano…ed invece dobbiamo dire che Enzo & Cass al momento non sono altro che mid carder battuti da altri mid carder che avevano disperatamente bisogno di una vittoria per non perdere completamente quella credibilitá, andata via via scemando, dal loro debutto in WWE a suon di sconfitte e con la dolorosa separazione da AJ Styles. Il match é stato gradevole, ma nulla di piú, un classico gettone con la finalitá di mantenere il pubblico abituato alla loro presenza in cui gli heel ed i face hanno mantenuto i loro ruoli seguendo inesorabilmente un copione giá visto.. EMG immagina che le due coppie saranno protagoniste durante le Survivor Series.

RATE: 2 out of 10 stars (2 / 10)

WWE Universal Title Hell in a Cell Match

Kevin Owens (c) def. Seth Rollins @ 23:25 via pin

Solo due fenomeni sarebbero stati in grado di salvare lo spot piú importante del match nel modo in cui lo hanno fatto Rollins ed Owens…con una sinergia ed una scioltezza quasi disarmante (guardatevi la powerbomb sul doppio tavolo varie volte e capirete ció che sta oltre l’evidenza). Il match é stato bello, ha fatto vedere alcune cose nuove ed interessanti (il suicide dive “indotto” del canadese sull’americano contro la struttura), ha confermanto la genialitá di Owens nella conduzione “Action & Talk” dei match, é stato “over”-bookato con senno: che Jericho cerchi di entrare nella gabbia per aiutare l’amico del cuore Owens ci sta totalmente e si é concluso con il giusto risultato. Un unica domanda…ma dopo quattro sediate ben assestate…Rollins che si alza come se avessa subito un semplice sgambetto, mi ha rimembrato antichi fantasmi…troppo face…e pensare che poco tempo fa, Johnny Boy Cena era stato schienato dopo una semplice sediata…

RATE: 3.5 out of 10 stars (3,5 / 10)

WWE Cruiserweight Title Match

Brian Kendrick def. TJ Perkins (c) @ 10:42 via submission

Un pubblico assopito dopo l’HIAC, non ha reso onore a questo match della categoria cruiser che portava in scena la storia di un disperato The BK pronto a tutto, anche a chiedere la vittoria umiliandosi al suo rivale, pur di vincere (ovvi mind game tipici del suo personaggio).  Il match non é stato ai livelli di altri incontri dei pesi leggeri, ma non é stato brutto, anche se troppo a lungo telefonato nel finale…dopo il finto infortunio, esageratamente procrastinato, tutti si aspettavano la conclusione cosí come é effettivamente avvenuta. A livello tecnico, incontro fluido ma senza cose eccezionali che peró ha il pregio di essere stato logico nel suo sviluppo. Inizia ora la Kendrick era, vediamo a cosa porterá, sicuramente ad un rematch. Una cosa é certa questa categoria, ha bisogno di ben altri match per esplodere ed attirare l’attenzione del grande pubblico…match che sono totalmente nelle corde vocali degli atleti che ne fanno parte.

RATE: 2 out of 10 stars (2 / 10)

WWE Raw Tag Team Title Match

Sheamus and Cesaro def. The New Day (c) @ 11:21 

EMG odia questi finali, ma li capisce nel contesto WWE. La compagnia ama i record…non vuole che ci sia un vincitore al momento e vuole allungare la faida. Quindi cosa c’é di meglio se non far vincere il tag team (non ancora totalemente face) grazie ad un atteggiamento heel dei campioni di coppia face? (si lo so discorso contorto come sempre, ma sensato se ci pensate bene). Detto questo, il match é stato gradevole, ma ha dato nettamente l’impressione che queste due coppie potrebbe allestire un signor incontro quando ce ne sará veramente bisogno. Il New Day funziona sempre, Cesaro e Sheamus, nonostante stiano portando in scena un corollario del Team Hell No, piacciano parecchio ed hanno trovato una dimensione importante nel roster e soprattutto con il pubblico. Prima o poi ci sará la resa dei conti e bisogna sperare che questa attesa fatta di “match a metá” ne sia valsa la pena.

RATE: 2.5 out of 10 stars (2,5 / 10)

WWE Raw Women’s Title Hell in a Cell Match

Charlotte def. Sasha Banks (c) @ 22:20 via pin 

Match che entrerá nella storia, per quello che ha rappresentato e per quello che porterá in dote nel futuro. Incontro bello, lungo, ma non bellissimo. Ci sono state alcune sbavature che avrebbero potuto elevarlo su uno scalino ancora piú alto. Il booking é stato interessante, partire con una fase fuori ring e un grosso bump ha scaldato il pubblico…fingere l’infortunio ha avuto il suo senso, anche se sembra impossibile che una lottarice mezzo moribonda possa poi avere la reazione che ha avuto la Banks (ok la si puó spiegare…forzatamente con l’adrenalina). Nel complesso un grande match, nel quale le lottatrici hanno cercato di fare veramente di tutto per divertire e creare una mezz’ora indimenticabile, peccato per quei due spot mal riusciti, sopratutto quello finale, che ha un pó rotto il pathos della chiusura. Una cosa é certa…come dicevo all’inizio e come ripeteró forse dopo, match femminili di questa fattura poco tempo fa ce li potevamo sognare…non mi piace dire che l’universo femminile ha combattuto un match da uomini, preferisco dire che anche le lottatrici sono in grado di mettere i punti esclamativi sui loro incontri ed poter garantire uno spettacolo da main event senza nessun ragionevole dubbio.

RATE: 3.8 out of 10 stars (3,8 / 10)

PPV RATE: RATE: 3 out of 10 stars (3 / 10)

Hell in a Cell è passato agli annali e ci ha lasciato in eredità che anche le ragazze posso avere uno spot di prima fascia nel wrestling di questa epoca. L’evento non è stato per nulla male ma gli è mancata quella scintilla per farlo risplendere nell’Olimpo dei PPV con tutte le lettere maiuscole. EMG non ha apprezzato alcune scelte di booking, seppur comprensibili (vedi il risultato dell’incontro di coppia) e peccato che il main event sia stato sporcato da alcuni piccoli errori che ne hanno inficiato il risultato finale. Ora ci aspettano le Survivor Series che seppur sia considerato come un Big Four, non ha più l’appeal di un tempo, anche se ad essere onesti, la WWE sta cercando quest’anno di fare di tutto per rivitalizzare un nome che il presente aveva poco a poco macchiato e che ne avevano fatto perdere la reale identità. Detto ciò cosa riserverà di interessante Raw nel prossimo futuro? Le cose più importanti verranno dalla categoria tag team e dai nuovi sfidanti ai titoli di R.Reigns e KO…Ovviamente Jericho permettendo, perchè nolenti o volenti…è riuscito a reinventarsi per l’ennesima volta….e non dimentichiamoci le vere protaganiste di questa edizione di HIAC…le ragazze della women revolution.

EMG OUT!