Benvenuti a una nuova WTW Review, oggi parleremo di WWE NXT Takeover War Games, evento tenutosi nella nottata italiana al Capitol Wrestling Center di Orlando. A scrivere oggi sarà il vostro Lorenzo Fanti. Vediamo nello specifico cosa è successo:

Women’s WarGames Match: Team Candice (Candice LeRae, Raquel Gonzalez, Dakota Kai & Toni Storm) def. Team Shotzi (Shotzi Blackheart, Ember Moon, Rhea Ripley & Io Shirai) via Pinfall

Subito uno dei due War Games Match nell’opener, lo show è partito con quello tutto al femminile. Il team Shotzi ha sfidato il team Candice. La prima a salire sul ring per quest’ultimo è stata Dakota Kai mentre per le avversarie Ember Moon. Una lotta alla pari tra di loro fino a che non è intervenuta Shotzi che è salita sul doppio ring con un piede di porco e una cassetta degli attrezzi presi direttamente da sotto al ring. Ciò ha dato subito un grosso vantaggio al team da lei capitanato. Per fare pari dalla cella delle avversarie è arrivata Raquel Gonzalez che con la sua importante presenza sul ring ha trovato la parità numerica. Rhea Ripley è stata la successiva a fare il suo ingresso sul ring, con la sua potenza ha messo al tappeto tutto il team avversario presente. Toni Storm ha riportato la parità. L’ultima per il team Shotzi a raggiungere le compagne sul ring è stata la NXT Women’s Champion Io Shirai. Ha dato una spinta in più al suo team senza ombra di dubbio quando è riuscita a entrare nella contesa, un impresa non facile. Con tutte sul ring il match ha avuto finalmente inizio. Una vera guerra sul ring tra le due fazioni, la battaglia finale nata nelle varie puntate settimanali elevata a un livello superiore. Quando Raquel ha spedito con violenza Io Shirai nella scala messa a contrasto tra i due ring ha trovato la vittoria finale con lo schienamento. Un opener molto importante.

8.5 out of 10 stars (8,5 / 10)

Tommaso Ciampa def. Timothy Thatcher via Pinfall

La sfida finale tra due superstar tra le migliori del roster, Tommaso Ciampa contro Timothy Thatcher. Una bella faida che gli ha portati fino a questo incontro, un esito decisamente molto incerto. Un match dove la ricerca della presa di sottomissione è sempre stata al primo posto, non ha avuto una grande velocità ma ho vista una finezza estrema sul ring. Thatcher ha cercato di lavorare molto sulla gamba destra di Ciampa, il suo obiettivo era chiaramente indebolirlo sull’arto. Ciampa invece ha lavorato molto sul taglio fatto “involontariamente” a Thatcher sull’orecchio. Alla fine a spuntarla è stato Ciampa. Una vittoria meritata per lui. La faida sarà finita? A vedere come Thatcher ha lasciato il ring una rivincita non sembra così impossibile.

8 out of 10 stars (8 / 10)

Strap Match: Dexter Lumis def. Cameron Grimes via Submission

Dexter Lumis contro Cameron Grimes, una faida tra di loro costruita show dopo show e mettendo Lumis in una netta posizione di vantaggio sul suo avversario per come è arrivato al ppv. Cameron Grimes ha sempre trovato una via di fuga per non combattere con il diretto avversario. A War Games ancor prima che il match potesse iniziare ufficialmente ha iniziato ad attaccare Lumis mettendolo al tappeto sul ring e fuori dal ring. Si è creato un buon vantaggio ma nonostante ciò Lumis è stato in grado di tornare in piedi e riprendersi il controllo dell’incontro. A quel punto anche lui si è messo la corda in pelle al polso e il match è iniziato effettivamente. Lumis ha sempre tenuto in pugno Grimes, anche quando ha tentato di fuggire dalle barriere lo ha riportato nella contesa. Poi lo scontro è diventato quasi alla pari con mia grande sorpresa. Nel finale però prima Lumis ha spedito Cameron con la faccia direttamente su una sedia posta sul ring poi lo ha fatto cedere quando lo ha bloccato nella sua presa alla testa. Un buonissimo match a mio avviso. Mi ha sorpreso in positivo senza ombra di dubbio.

8 out of 10 stars (8 / 10)

Triple Threat for the NXT North American Title: Johnny Gargano def. Damian Priest & Leon Ruff (c) via Pinfall

Come ho scritto anche nella preview la vittoria di Leon Ruff del titolo è stata una sorpresa per tutti, ma si sta rivelando un buon campione che riesce a tirare fuori dal cilindro delle mosse veramente spettacolare a livello tecnico. I suoi due sfidanti niente meno che Damian Priest e Johnny Gargano. Una faida a tre di un bel livello, che gli ha portati a questo match titolato al ppv. Gargano si è subito lanciato contro il campione, mettendo prima al tappeto fuori ring Priest. Ruff si è ben difeso usando la sua rapidità. Era chiaro fin da subito che la vittima preferita di Priest era Gargano, non vedeva Ruff come un vero avversario. Quando Damian ha lanciato Ruff contro le barricate esterne Leon è dovuto andare nel backstage per accertamenti lasciando per il momento l’incontro un uno contro uno. Ruff per fortuna dopo pochi minuti è tornato sul ring e ha ripreso il suo posto nell’incontro. Damian è stato bloccato da Gargano alle corde del ring adiacente ma è riuscito in qualche modo a liberarsi e anche lui è tornato velocemente nella contesa. Un’interferenza esterna portata da uomini mascherati è quasi costata la vittoria a Damian e quando ha provato a chiudere il match un altro uomo con la maschera da fantasma lo ha colpito alle spalle con un arma impropria. A quel punto Johnny ne ha approfittato e sul ring ha chiuso su Ruff diventando nuovamente NXT North American Champion. L’ultimo a indossare il costume da fantasma si è rivelato essere Austin Theory che ha fatto il suo ritorno nel brand.

8 out of 10 stars (8 / 10)

Men’s WarGames Match: The Undisputed Era (Adam Cole, Roderick Strong, Kyle O’Reilly & Bobby Fish) def. The Kings of NXT (Pat McAfee, Pete Dunne, Oney Lorcan & Danny Burch) via Pinfall

Il main event del ppv, il secondo War Games Match dello show. Ad affrontarsi in esso sono stati i The Undisputed Era e i The Kings of NXT. La prima è la stable più dominante dello storia del brand, hanno vinto tutto quello che potevano e sono ancora al comando dello show, i loro avversari sono un team ben formato da Pat McAfee che sta prendendo sempre più piede nel brand. I primi due a salire sul ring sono stati Kyle O’Reilly e Pete Dunne per le rispettive fazioni. Oney Lorcan ha dato manforte a Dunne. Bobby Fish con il suo ingresso ha riportato in parità la situazione. Con l’ingresso di Danny Burch i “Kings of NXT” sono tornati in vantaggio numerico, un fatto alquanto importante. Il successivo a entrare è stato Roderick Strong. Con l’ingresso di Pat McAfee il team è arrivato al completo, lui ha subito portato sul ring sedie e tre tavoli. Adam Cole poi ha riportato la parità e ha fatto partire ufficialmente il match. Da quel punto è stata una vera battaglia senza esclusione di colpi. A spuntarla dopo un grande match sono stati gli Undisputed Era. Un finale di ppv perfetto.

8.5 out of 10 stars (8,5 / 10)

PPV RATE

I Takeover sono una certezza di qualità per NXT e per la federazione in generale. Anche in questo nuovo ppv, seppur siamo già alla quarta edizione di War Games, ho visto tanta qualità e spettacolo sul ring. Sono rimasto colpito soprattutto dai due War Games Match ho apprezzato parecchio il match tutta tecnica tra Thatcher e Ciampa. Una cosa interessante, o meglio due, seppur siano legate allo stesso match, è il fatto che Johnny sia tornato nuovamente North American Champion e Austin Theory sia tornato definitivamente nel brand dopo la sua esperienza comunque di buon livello nel main roster, ha tutto il tempo davanti a se e può continuare la sua maturazione a NXT senza problemi, è un talento sicuro per il futuro. Il ppv si è dimostrato molto solido e di un ottimo livello. NXT si è confermato ancora il miglior brand della federazione.

8.3 out of 10 stars (8,3 / 10)