Venerdì sera si è disputato il primo IPPV dell’anno della Ring Of Honor. L’evento portava in dote incontri interessanti ed EMG, con un mal di schiena da vecchiaia…non se lo è assolutamente perso…

Benvenuti alla

WTW REVIEW: ROH 15th Anniversary


Jay White def. Kenny King @ 10:00 via pin

Buon opener, ovviamente con molto ritmo visti i due lottatori sul ring. Jay White dopo l’apprendistato in NJPW è in continuo miglioramento ed ormai pronto per una carriera da singolo. Kenny King è un buon lottatore che difficilmente annoia in ring. Quello che ne esce è un incontro senza soste con transizioni tecnicamente ben eseguite (bello l’omaggio di White ad Honma dopo il grave infortunio) che si conclude con una vittoria importante per il ragazzo neo zelandese anche se dopo un roll up.

RATE 2 out of 10 stars (2 / 10)


ROH TV Title #1 Contender’s Match

Kazarian def. Hangman Page, Chris Sabin, Punisher Martinez, Cheeseburger and Silas Young @ 10:20 via pin

Six corner match per stabilire il primo sfidante al Titolo TV. Incontro che parte subito con spot fest e continua su quella falsa riga per tutta la sua durata. Il match ovviamente è stato piuttosto divertente e senza un attimo di pausa con gli atleti che si sono alternati sul ring trovando il loro spazio. Ovvio che questo era ciò che ci si aspettava e ciò che è effettivamente successo. Molti amano questo genere di contesa altri le ritengono fini a se stesse, EMG crede che dipenda molto dal contesto ed in ROH ci stanno alla grande. Dal punto di vista del booking poco da segnalare se non il fatto che vince la persona giusta quel Kazarian recentemente passato al Bullet Club dopo aver tradito l’amico di una vita Daniels…ma questa è un’altra storia.

RATE 2.8 out of 10 stars (2,8 / 10)


Top Contender’s Match

Jay Lethal def. Bobby Fish @ 15:30 via pin 

Incontro 1vs1 tra due veterani che vogliono dimostrare la loro supremazia. Match che parte subito con un grande spavento per Lethal che sbaglia la prese sulle corde dopo un front kick di Fish cadendo rovinosamente fuori dal ring. Dopo di che l’incontro poco a poco acquista intensità e si trasforma nelle fasi finali in un vero e proprio scontro su chi “mena” più forte in puroresu style. A spuntarla alla fine è l’ex campione della ROH che connette con una LI un po telefonata e venduta non troppo bene da Fish che rimane fermo ad aspettarla come un palo. Nel complesso comunque un incontro molto solido e divertente che non smentisce le qualità dei due lottatori, sempre ottimi interpreti del wrestling tecnico. Match da vedere.

RATE 3.5 out of 10 stars (3,5 / 10)


ROH Six-Man Title Match

The Kingdom (c) def. Dalton Castle & The Boys @ 8:10 via pin

Incontro tra il serio ed il faceto con tante imperfezioni nelle esecuzioni in una di queste TK va a sbattere direttemente con lo stinco contro la transenna di ferro eseguendo un Asai Moonsault. Grida di dolore, match chiuso in un battito di ciglia e il ragazzo che viene riportato negli spogliatoi in braccio senza la possibilità di appoggiare l’arto inferiore. Al momento in cui scrivo non ho idea delle conseguenze dell’infortunio. Nel wrestling queste cose succedono, soprattutto quando si prendono grandi rischi, il problema è che non ci si abiuta mai a vederle. Per il resto il match, come dicevo all’inizio, non è stato un granchè, sicuramente il più deboluccio della serata.

RATE 1.8 out of 10 stars (1,8 / 10)


ROH TV Title Match

Marty Scurll (c) def. Lio Rush @ 18:45 via submission

Incontro molto interessante quello tra il ragazzo in rampa di lancio ed uno dei migliori lottatori del panorama europeo. Il contrasto di stili, abitualmente, porta sempre ottimo spettacolo ed anche in questo caso il teorema è stato rispettato. Personalmente quando vedo questi tipo di match mi convinco sempre di più come la tecnica in ring e il saper stare sul quadrato rendono sempre di più del volare da un angolo all’altro…però è ovviamente questione di gusti. Nel complesso contesa molto buona con alcune imperfezioni da parte di Rush dovute anche alle manovre ad alto coefficiente di difficoltà. Molto carine le fasi finali con vari falsi pin eseguiti molto bene ed alcune manovre (vedi Tower of London) inaspettate. Match da vedere e che porterà ad uno scontro Scurrll Vs Kazarian assolutamente da vedere.

RATE 3.8 out of 10 stars (3,8 / 10)


The Briscoes & Bully Ray defeated Davey Boy Smith Jr & War Machine @ 12:04 via pin 

3vs3 impreziosito, per i nostalgici, da un icona del wrestling tag team come Bully Ray e dalla presenza di uno dei membri della Suzuki Gun D.B.Smith. Il match ha avuto un andamento classico con il trio heel a farla da padrone durante la parte iniziale della contesa, per poi arrivare ad una parte caotica in cui tutti i 6 lottatori entravano nel ring per realizzare il proprio spot…come il flight di Bully Ray dal paletto. Ovvia il finale con l’ex ECW che chiude con la 3D. Nel complesso incontro normale senza troppi sussulti

RATE 2 out of 10 stars (2 / 10)


ROH Tag Team Title Street Fight

The Hardys (c) def. The Young Bucks and Roppongi Vice @ 17:15 via pin

Match attesissimo. Fin dall’inizio è sembrato che nonostante le coppie sul ring fossero tre, in realtà l’incontro interessasse solamente gli Hardys e i Bucks…I Rappongi sono sembrati fi da subito pedine sacrificabili. Dopo questo inizio, così poco bilanciato il match guadagna leggermente in equilibrio, ma aumenta notevolmente di intensità e spot. Era un incontro senza squalifiche e gli oggetti si sono usati in modo sensato e non spammando spot qua e la a casaccio (con Baretta target preferito). Nonostante ciò si sono viste manovre decisamente pericolose, la caduta di schiena dal paletto sulla scala di Baretta è stata una di queste. Nel complesso l’incontro è stato guidato dai Bucks che ne hanno dettato i tempi come sempre in modo impeccabile, ma gli altri due tag hanno collaborato, ognuno nel suo stile in modo armonico e con pochi errori. In conclusionwe buonissimo street fight che ha offerto spettacolo, duvertimento e buon wrestling.

RATE 4.3 out of 10 stars (4,3 / 10)


ROH Title Match

Christopher Daniels def. Adam Cole (c) @ 21:55 via pin

Un uomo disperato (dall’abbandono del suo grande amico Kaz)…un uomo con un disperato bisogno di vincere…un uomo che deve sfruttare l’occasione della sua vita, diventare campione assoluto della ROH..dall’altra parte un leader del gruppo più conosciuto del mondo del wrestling…questa erano le premesse di questo incontro atteso da molti e che prometteva spettacolo. Il match inizia in modo equilibrato fino a quando Cole prende il sopravvento e la storia raccontata sul ring è la classica dell’uomo in cerca del paradiso…attaccato…dominato e deriso dal campione (tu non sarai mai al mio livello ed è per questo che non sarai mai campione)…fino a raggiungere le concitate fasi finali nel quale entrambi cercano di connettere con manovre risolutive..anche rubandosele…e rubandole ad altri atleti (Styles Clash). Questo doveva raccontare il match e questo ha giustamente raccontato…e lo ha racconato soprattutto in un finale a sopresa dove Kaz interviene ma per aiutare l’ex amico e metterla in quel posto al BC. Doppio turn o meno buon overbooking per questo incontro in linea con i personaggi in ring e che regala un giusto premio alla carriera ad uno dei lottatori più sottovalutati dai booker che la mia memoria ricordi. Il triplo BME finale (in tipico stile Puroresu…spammata di finisher) ha messo la cigliegina sulla torta.

RATE 4 out of 10 stars (4 / 10)


PPV RATE  3.8 out of 10 stars (3,8 / 10)

Ottimo evento quello realizzato dalla ROH…evento che ha presentato quattro incontri di grande livello ed un resto della card assolutmente solido. Non ci sono state forzature di booking ad eccezion fatta per il main event, ma come dicevo prima, visti i lottatori in ballo, la cosa ci può stare. Vedremo ora cosa riserverà il futuro e soprattutto quale sarà il destino di Adam Cole. Per il resto contento della vittoria di Daniels…meritata e credo accettata da tutti coloro che amano il wrestling. PPV da vedere assolutamente e che si colloca per il momento tra i migliori show dell’anno.